Catalogare entrate ed uscite del bilancio familiare

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Possiamo dividere innanzitutto le entrate a seconda della cadenza temporale.

Ogni mese:

  • le entrate da lavoro dipendente o della pensione;
  • le entrate da lavoro autonomo, che possono, a volte, anche essere cumulate con le prime;
  • i vitalizi;
  • gli assegni di mantenimento;
  • le rendite immobiliari (gli affitti)

Una o due volte l’anno:

  • gli interessi dei titoli di Stato;
  • gli interessi delle obbligazioni;

Una volta l’anno:

  • gli interessi bancari e postali;
  • dividendi azionari;
  • • i rimborsi fiscali.

Alcune di queste possono variare durante l’anno; mentre altre entrate possono essere straordinarie e non prevedibili (plusvalenze da vendite o vincite al gioco).

E’ bene però fare affidamento solo sulle entrate certe: le altre possono essere considerate solo come margine per il risparmio. Tutto sommato, però, escludendo imprevisti negativi (che per l’appunto, non si possono mettere in conto) si può all’inizio dell’anno tracciare una sorta di bilancio preventivo per sapere di quale budget, orientativamente, si disporrà nei dodici mesi che seguiranno.

Facendo una divisione per 12, e magari mantenendosi molto prudenti sulla previsione degli interessi da investimenti, si può immaginare anche la quota che si avrà a disposizione ogni mese. Una nota in più per ciò che riguarda gli investimenti dei risparmi. Di questi tempi abbiamo avuto la netta percezione di quanto siano volatili i nostri soldi. Se si ritiene che le somme messe da parte (risparmiate) debbano servire per qualche acquisto nel medio tempo evitare investimenti con alti margini di rischio (borsa, fondi azionari, contratti pronto-termine, valuta, ecc.) Nel  momento in cui dovessero servire ci si possono presentare brutte sorprese.

budget-1

Veniamo alle uscite. Le spese che fanno parte della vita quotidiana:

  • affitto o mutuo per l’abitazione;
  • condominio;
  • spese fisse per l’auto: assicurazione e bollo;
  • spese per l’istruzione dei figli, tasse scolastiche e acquisto libri;
  • il canone Rai-Tv;
  • le imposte e le tasse da pagare;
  • bollette luce, telefono e gas;
  • assicurazioni (casa, vita, infortuni…);
  • i collaboratori familiari.

Le voci di spesa che incidono mensilmente sulla famiglia:

  • trasporti (tessere per i mezzi pubblici, carburante, posteggi, multe, manutenzione auto, ecc.);
  • istruzione, giornali e cancelleria;
  • cura della persona: igiene, cosmesi, palestra;
  • tempo libero: cinema, teatro, concerti, ristoranti, regali, dischi, libri, ecc;
  • abbigliamento: biancheria, tintoria;
  • alimentari: vitto e mensa lavoro;
  • sport;
  • spese sanitarie: medici e medicine;
  • abitazione: manutenzione

Tutte queste spese si possono quantificare ad inizio anno per poter fare, sulla base di quanto già speso nell’anno precedente, una valutazione più o meno attendibile. Non spaventiamoci di questa vaghezza della previsione: è meglio fare una previsione non precisa da assestare poi durante l’anno, che non farne alcuna. Manteniamoci larghi, ossia pessimisti sulla spesa, arrotondando per eccesso piuttosto che per difetto. Inoltre bisogna comunque ssere sufficientemente previdenti per accantonare un minimo di reddito in più per eventuali aumenti dei prezzi.

budget-2

Teniamo poi presente che un bene durevole (aspirapolvere, frigorifero, stufa a gas, ecc.) con il passare degli anni perde valore e bisogna accantonare una quota per comprarne un altro in seguito. E’ l’operazione forse più diffi cile: pensare che il frigorifero piuttosto che la Tv, ora perfettamente funzionanti, potrebbero fra qualche mese non servire più e che quindi converrà risparmiare qualcosa, è un po’ ardito. Ma qui stiamo indicando tutte le necessità: poi ogni famiglia farà le proprie scelte, magari focalizzandole solo su quelle di prima necessità.

La spesa per il vitto è organizzata da ogni famiglia in base al numero dei pasti nell’arco di una settimana: attenzione, allora, alla spesa frettolosa, che fatta nel primo negozio di generi alimentari sotto casa è comoda, sì, ma antieconomica. Converrà scegliere cosa acquistare presso i grandi super o iper mercati. Badate, però: le offerte speciali (del tipo prendi tre e paghi due) sono convenienti se il prodotto in offerta è effettivamente usato in famiglia altrimenti si rischia un acquisto inutile o il deterioramento di prodotti non immediatamente usati.

Fatta la previsione bisogna programmare (con tutte le normali incertezze che ciò include). Significa allora dividere l’intera cifra annuale in quote mensili, come si è fatto per il reddito. Senza dubbio la prima volta questa operazione potrà discostarsi di molto dal vero. Niente paura: controllare dove si sono verificati gli scostamenti più rilevanti e valutare se è stato un problema, diciamo così, contingente, ossia per una spesa occasionale, o strutturale, per una spesa fissa. Se è questo il caso, bisognerà cambiare le previsioni.

Nella programmazione dovrebbe comunque trovare posto il risparmio, secco. Non quello prudenziale per accantonamenti, per previsioni di spesa futura o per altro. Proprio il residuo netto creatosi dopo che si è messo da parte tutto ciò che serve per provvedere alle spese presenti e future. Sarà pure minimo, laddove si avrà la fortuna di realizzarlo, ma sarà quella quota di reddito che ci consentirà di stare un po’ più tranquilli e pensare anche a sviluppi futuri.

Per fare una domanda sulla gestione del bilancio familiare, sulla catalogazione delle entrate e delle uscite, sulle cause di sovraindebitamento, sul come uscire da una situazione di sovraindebitamento, sui debiti in generale, sull’usura e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

9 Novembre 2007 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dichiarazione dei redditi precompilata - Come il familiare fiscalmente a carico può evitare che i dati sensibili sul proprio stato di salute vengano resi disponibili all'Agenzia delle entrate e quindi al dichiarante
Come è noto, in fase di accesso alla dichiarazione precompilata, il contribuente visualizza, nell'elenco delle informazioni ad essa attinenti, i dati relativi alle spese sanitarie sostenute anche dai familiari fiscalmente a carico. Se il familiare risulta a carico di più contribuenti, le spese sanitarie vengono inserite nelle dichiarazioni precompilate in proporzione alla percentuale di carico. Può capitare che il familiare fiscalmente a carico, tuttavia, non voglia far conoscere al dichiarante i dati sensibili sul proprio stato di salute, pur consapevole che, in tal modo, il soggetto di cui egli risulta fiscalmente a carico perderà la possibilità di fruire delle detrazioni ...

Crediti insoluti - Iscrizione in bilancio cessione e norme fiscali
I crediti devono essere iscritti in bilancio secondo il valore presumibile di realizzazione: essi vanno valutati secondo il valore presumibile di realizzazione da calcolare, tenendo anche conto di quotazioni di mercato ove esistenti, in base alla situazione di solvibilità dei debitori. Nel calcolo del valore presumibile di realizzazione inoltre tenersi conto di andamenti economici negativi riguardanti categorie omogenee di crediti. Le relative svalutazioni possono essere determinate anche in modo forfettario. Infatti, il criterio legale di valutazione dei crediti non attribuisce agli amministratori una discrezionalità assoluta, ma implica una valutazione fondata sulla situazione concreta, secondo principi di razionalità: ciò preclude l'iscrizione ...

Amministratore di condominio in case popolari e bilancio
Vorrei chiarimenti sull'amministratore di condominio nelle case di edilizia pubblica. Fino alla riforma del 2013, negli IACP era impossibile nominare una amministratore di condominio in quanto la gestione spettava all'ente pubblico titolare. Nel mio condominio infatti, abbiamo sempre avuto a rotazione un “capo-condomino” al quale si versava delle somme mensili per eventuali spese condominiale. Dal 2012, abbiamo dato mandato ad un amministratore, che però allo scadere non ha riconvocato un'assemblea, né per rielezione, né per approvazione di bilancio. Solamente nel mese di Luglio, dopo alcune lamentele da parte degli inquilini, l'amministratore ci ha convocati, mettendo in approvazione bilanci anche del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su catalogare entrate ed uscite del bilancio familiare. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • mauro 3 Aprile 2009 at 10:47

    Ottimo riassunto, di vitale importanza per chi non vuole perdere d’occhio il proprio budget.
    Mi autorizzi a postare il tuo articolo sul mo sito?
    P.S. fonte e autore sempre in evidenza!

    • weblog admin 3 Aprile 2009 at 11:00

      Ma certo mauro posta pure, diffondiamo il verbo ed evitiamo che le famiglie affondino nei debiti.