Cassa integrazione del lavoratore? » C'è possibilità di altro impiego

Nella fattispecie in cui un lavoratore dipendente sia finito, malauguratamente, in cassa integrazione, può svolgere comunque un altro impiego senza decadere dal beneficio?

Il lavoratore collocato in cassa integrazione straordinaria può sempre percepire, insieme a tale integrazione salariale, ulteriori redditi derivanti da collaborazioni con altri datori di lavoro.

Non esiste, infatti, alcuna incompatibilità tra il contributo ricevuto e altri proventi come quelli, ad esempio, derivanti da prestazioni occasionali come i contratti di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, i famosi co.co.pro.

Va comunque fatto notare chee il lavoratore in cassa integrazione, per non perdere il beneficio all'integrazione salariale deve comunicare all'Inps la nuova rioccupazione, cosa che dovrebbe fare, in verità, il nuovo committente.

Nel dubbio, è sempre consigliabile che sia il dipendente a farlo in prima persona, prima di iniziare un nuovo impiego.

Ciò è chiarito, infatti, anche da una circolare dell'Inps, dove viene concessa la possibilità di cumulare il reddito da rapporti di collaborazione con la cassa integrazione.

Come chiarito dal rapporto, il lavoratore deve dimostrare e documentare l'effettivo ammontare dei guadagni e la loro collocazione temporale al fine di consentire all'Inps l'erogazione dell'eventuale quota differenziale di integrazione salariale.

Attenzione però: qualora il reddito superasse l'importo dell'integrazione salariale, quest’ultima non sarà erogata dall'Inps.

Una volta cessata la collaborazione, invece, l'erogazione dell'integrazione salariale riprenderà normalmente.

Nel caso in cui l'ammontare dei redditi non fosse agevolmente quantificabile o collocabile temporalmente, l'Inps deve comunque sospendere l'erogazione delle integrazioni salariali al momento della comunicazione preventiva.

28 maggio 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando è possibile demansionare il lavoratore
Il demansionamento del lavoratore è illegittimo, salvo che sia stata disposto con il consenso del dipendente e per evitare il licenziamento per giustificato motivo oggettivo o la messa in cassa integrazione de lavoratore stesso, la cui diversa utilizzazione non contrasta, in tal caso, con l'esigenza di dignità e libertà della [ ... leggi tutto » ]
Bonus Irpef anche ai lavoratori in CIG in mobilità e disoccupati
Le somme percepite dai lavoratori a titolo di cassa integrazione guadagni, indennità di mobilità e indennità di disoccupazione costituiscono proventi conseguiti in sostituzione di redditi di lavoro dipendente e costituiscono redditi della stessa categoria di quelli sostituiti. Com'è noto, i percettori di dette somme hanno diritto alle detrazioni per lavoro [ ... leggi tutto » ]
Mantenimento » Se ex coniuge è cassaintegrato ma dispone di auto di lusso non ha diritto alla riduzione dell'assegno
Niente riduzione dell'assegno di mantenimento al cassintegrato con l'auto di lusso. Il coniuge in cassa integrazione non ha diritto alla riduzione dell'assegno di mantenimento in favore di ex e figli se possiede un'auto di lusso. Non basta. Infatti non è necessario per l'avente diritto dimostrare che l'altro è titolare di [ ... leggi tutto » ]
Divieto di cumulo fra indennità di disoccupazione e assegno ordinario di invalidità - Ma l'invalido può optare per l'indennità di disoccupazione
Il divieto di cumulo dell'indennità di disoccupazione con i trattamenti pensionistici a carico dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, vecchiaia e i superstiti, si estende all'assegno ordinario di invalidità, la cui natura di trattamento pensionistico trova conferma nella modalità di erogazione che avviene secondo il sistema dell'assicurazione generale obbligatoria, nella modalità [ ... leggi tutto » ]
Cassa forense - Nessun differimento dei termini di prescrizione quando l'avvocato comunica redditi inferiori a quelli dichiarati al fisco
La comunicazione alla cassa forense di una dichiarazione reddituale che riporta l'ammontare del reddito professionale dichiarato ai fini IRPEF o l'ammontare del volume dichiarato ai fini IVA in misura diversa da quella dichiarata al fisco, esclude il decorso del termine di prescrizione per la contribuzione dovuta sulla parte di reddito [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cassa integrazione del lavoratore? » c'è possibilità di altro impiego. Clicca qui.

Stai leggendo Cassa integrazione del lavoratore? » C'è possibilità di altro impiego Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 28 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca