Casa familiare e separazione » No assegnazione se abitata saltuariamente

Revoca dell'assegnazione della casa familiare se l'abitazione non viene abitata stabilmente

Va revocata l’assegnazione della casa familiare all'ex coniuge affidatario del figlio che non abita stabilmente l’immobile, ma per lunghi periodi dell'anno va a stare dai nonni.

Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 11218/13, ha stabilito che: È legittima la revoca dell'assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario del figlio minore laddove l’immobile non risulta utilizzato come stabile abitazione qualora detto assegnatario per lunghi periodo dell'anno dimori presso i genitori, nei pressi del cui domicilio si trova la scuola frequentata dal minore, non costituendo più la casa familiare l’habitat domestico del figlio che la legge intende preservare.

Secondo gli Ermellini, infatti, in questi casi scatta l'affido condiviso, con collocazione prevalente presso la madre.

Il contributo economico, però, resta immutato: la donna dispone infatti di un altro immobile abitabile.

Cosa è l'affido condiviso

L'affido condiviso; introdotto dalla legge 54/2006, è ispirato al principio di bigenitorialità, laddove con la separazione personale dei coniugi-genitori non si configura necessariamente l’affidamento esclusivo dei figli a uno di loro.

In caso di contrasti, le responsabilità risultano specificamente ripartite fra i genitori e i relativi periodi di permanenza della prole presso ciascuno, diversamente dal vecchio affido congiunto che imponeva piena cooperazione fra le parti.

Detto istituto costituisce oggi la regola generale, cui può derogarsi unicamente quando la sua applicazione sarebbe «pregiudizievole per l’interesse del minore», non rilevando la mera conflittualità fra genitori che ne determinerebbe un’applicazione soltanto residuale, richiedendosi invece secondo la più recente giurisprudenza l’eventuale insostenibilità della situazione.



Revoca dell'assegnazione della casa familiare se l'abitazione non viene abitata stabilmente » La vicenda

La Corte di appello di Venezia, in parziale modifica delle condizioni della separazione personale di due coniugi, revocava l’assegnazione alla donna della casa familiare, disponendo l’affidamento condiviso della figlia minore ad entrambi i genitori, con collocazione prevalente presso l’abitazione della madre.

La donna viveva con la figlia in un comune diverso da quello dove era situata la casa familiare.

I giudici di merito avevano rilevato che la donna viveva stabilmente con la figlia nell’abitazione dei nonni, in un comune diverso rispetto a dove era situata la casa coniugale.

Nonostante la donna avesse dichiarato di risiedere nella città dei propri genitori solo nel periodo che va da novembre a marzo, i giudici avevano ritenuto inverosimile che la stessa vivesse nella casa coniugale al di fuori di questo periodo, non rimanendo accanto alla figlia per l’intera durata dell'anno scolastico.

Ad esaminare la questione, su impulso della donna, è anche la Prima sezione Civile della Corte di Cassazione che, tuttavia, ritiene infondato in toto il ricorso.

Infatti, la casa coniugale non può ritenersi habitat domestico della minore. Nello specifico, a parere dei giudici di piazza Cavour l’abitazione coniugale assegnata alla ricorrente veniva da lei utilizzata solo saltuariamente, e prevalentemente durante l’estate.

Pertanto la casa in questione non può certo ritenersi habitat domestico della minore, da intendersi come il centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime e si articola la vita familiare.

Infatti, precisa ancora la Suprema Corte, il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l’assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare.

Ad ulteriore conferma, vi è anche la sentenza della Corte Costituzionale numero 308/2008, dalla quale emerge che sia l’assegnazione della casa familiare, che la cessazione della stessa, è stata sempre subordinata ad una valutazione, da parte del giudice, di rispondenza all'interesse della prole.

10 giugno 2013 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta [ ... leggi tutto » ]
Separazione dei coniugi - revoca dell'assegnazione della casa familiare
In materia di separazione dei coniugi, l'assegnazione della casa familiare non viene meno per il solo fatto della convivenza more uxorio o del nuovo matrimonio del coniuge assegnatario L'articolo 155 quater, primo comma, del Codice Civile (introdotto dall'articolo 1, comma 2, della legge 8 febbraio 2006, numero 54 - Disposizioni [ ... leggi tutto » ]
Assegnazione della casa coniugale post divorzio » All'ex marito se disabile
In sede di divorzio, l'assegnazione della casa coniugale può essere concessa all'ex marito disabile, anche se non è stato indicato come coniuge affidatario della prole. Di solito, come da consoldiata giurisprudenza, in caso di separazione, l'assegnazione della casa coniugale spetta al coniuge che ha ricevuto l'affidamento dei figli. Ma sembra [ ... leggi tutto » ]
Separazione dei coniugi - le novità in materia di affidamento condiviso, assegnazione della casa familiare e assegno di mantenimento
L'affidamento condiviso dei figli minori è stato introdotto dalla legge numero 54 dell'8 febbraio 2006, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale numero 50 del 1° marzo 2006. Tale istituto si fonda sul principio della bigenitorialità, in base al quale il figlio ha il diritto di mantenere un rapporto completo e stabile con [ ... leggi tutto » ]
Separazione » Revoca della casa familiare se ex moglie si trasferisce al mare con il figlio
Separazione: sì alla revoca della casa familiare in città se l'ex moglie si trasferisce al mare con il figlio. È legittima la revoca della casa familiare, in città, se la moglie si trasferisce volontariamente al mare con il figlio convivente. Infatti, la conservazione dell'appartamento principale, quale habitat domestico, deve avere [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su casa familiare e separazione » no assegnazione se abitata saltuariamente. Clicca qui.

Stai leggendo Casa familiare e separazione » No assegnazione se abitata saltuariamente Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 10 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info