Cartelle esattoriali – per Equitalia nessuna eccezione

Gentile Maria, se in qualche parte del sito vi sono affermazioni circa le eccezioni che Equitalia adotta nei confronti dei comuni debitori, le sarei grato se potesse segnalarmele.

Io non le ricordo e, dunque, se qualcosa è riportato in tal senso, certamente io non c’ero quando sono state scritte. E se invece c’ero, allora dormivo. Ma se non dormivo, certamente non ero in me. E, se ero in me, non ero io.

L’unico accenno, che rammento, era sarcastico: c’è una lista lunghissima nel web di contribuenti a cui Equitalia ha riservato un trattamento particolare. Ma si tratta di vip milionari difesi da tributaristi che in passato hanno svolto anche incarichi di governo.

Contribuenti che avevano tutto il diritto ad ottenere trattamenti di favore. Gente per cui non è stato possibile confezionare un condono ad hoc oppure gente beccata molto tempo prima che potesse fruire di misure discriminatorie, come il recente scudo fiscale.

Lei mi sembra invece appartenere alla schiera dei comuni debitori. Non leggo, nel suo commento, di titoli o benemerenze per cui dovrebbe pagare i suoi debiti con un forfait del 5%, come è stato concesso – equamente – agli altri.

Tuttavia mi incuriosisce capire come nessuno vi abbia consigliato a rinunciare all’eredità del suocero. A quanto sembra i debiti sono molto superiori all’attivo, a cui lei, però, – è anche vero – non fa alcun accenno.

E perchè, avete buttato via tanti soldini fino ad oggi? Dovrebbe esservi chiaro, ormai, come dalle grinfie del macellaio shylock non uscirete mai vivi. Ed allora, perchè continuare a pagare?

Per quel che attiene il fermo dell’auto di suo marito, che svolge attività di agente di commercio, convengo con lei che qualsiasi creditore – attento ed intelligente – non toglierebbe al debitore lo strumento fonte di reddito con cui questi potrebbe assolvere ai propri obblighi.

Ma Equitalia non è un soggetto economicamente razionale. Se per riscuotere 10 centesimi deve ammazzare la gallina dalle uova d’oro non si pone il problema. L’ammazza e basta! Non a caso Equitalia è stata a lungo guidata da una cariatide di stato come Attilio Befera (quello che s’incazza quando si parla di cartella pazza).

Equitalia può interventire su conto corrente, pignorando le somme depositate. Può fare tutto, Equitalia.

Ma, come tutti, non può cavar sangue dalle rape.

Ed allora, bisogna diventar teste di rapa, o meglio, teste di rata.

1) adottare il regime patrimoniale coniugale di separazione dei beni. Meglio una vera e propria separazione legale (per l’accordo da omologare basta un azzeccagarbugli qualsiasi, a cui offrire, per l’incomodo, cappuccino e cornetto al bar del tribunale);

2) vendere la casa di proprietà prima che Equitalia vi iscriva ipoteca;

3) abitare in affitto con comodato d’uso di arredi, suppellettili ed elettrodomestici. Tutto registrato ed elenco dei beni in comodato puntualmente dettagliato;

4) circolare con veicolo rigorosamente intestato ad altri: moglie separata, fratello, amico ecc… ;

5) mai depositare in conto corrente, bancario o postale: tanto ormai lo stato espropria anche quelli con la scusa che son dormienti. Ed allora banconote da 500 euro, avvolte e compattamente sistemate in ovuli di materiale inerte per inserimento rettale. Con il tempo ci si abitua …

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

L'enciclopedia delle cartelle esattoriali di Equitalia » Guida semplificativa per il contribuente/debitore
Tutto ciò che il contribuente deve conoscere sulle cartelle esattoriali di equitalia. Nell'articolo che segue, istruiremo il contribuente/debitore su tutto ciò che riguarda le cartelle esattoriali di Equitalia. Forniremo chiare delucidazioni su come e dove pagare, cosa fare quando si riceve una cartella, come e quando chiedere l'annullamento. Istruiremo su quali debiti compensare, come ottenere la certificazione del credito e come procedere al pagamento delle cartelle esattoriali agli sportelli di Equitalia. Inoltre, saranno presenti chiarimenti per capire come funziona l'estratto conto, per effettuare il controllo della propria situazione debitoria con Equitalia, scoprire quanto si è già pagato o bisogna ancora ...

Equitalia e cartelle esattoriali » Il riepilogo
Dal 1° gennaio 2013, nei casi di riscossione coattiva di debiti fino a 1000 euro, la legge di stabilità 2013 ha previsto che non si può procedere alle azioni cautelari ed esecutive prima che siano trascorsi 120 giorni dall'invio, mediante posta ordinaria, di una comunicazione contenente il dettaglio delle iscrizioni a ruolo. In sostanza, con questa nuova disposizione è stata abolita la disciplina contenuta nell'art. 7 del decreto legge n. 70/2011, che prevedeva, prima di intraprendere le misure cautelari ed esecutive sui debiti fino a 2.000 euro, l'obbligo di inviare al debitore due solleciti di pagamento, di cui il secondo a distanza di almeno sei mesi dal primo. ...

Cartelle esattoriali di Equitalia - arriva la mediazione obbligatoria con il ricorso in commissione tributaria
Dal primo gennaio 2016, è diventata obbligatoria la mediazione tributaria in materia di controversie riguardanti le cartelle esattoriali di Equitalia per vizi propri, il fermo amministrativo di beni mobili registrati, le iscrizioni di ipoteche sugli immobili; beninteso, quando siano in gioco debiti iscritti a ruolo di natura tributaria. Il procedimento di reclamo/mediazione è stato ulteriormente semplificato. Il ricorso produrrà infatti gli effetti di un reclamo, e potrà contenere una proposta di mediazione (opzionale) con rideterminazione dell'ammontare della pretesa. In sostanza, il procedimento di reclamo/mediazione è introdotto automaticamente in presenza del ricorso, senza più l'istanza di reclamo che era prevista dalla ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartelle esattoriali – per equitalia nessuna eccezione. Clicca qui.

Stai leggendo Cartelle esattoriali – per Equitalia nessuna eccezione Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Settembre 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)