Come cambieranno le cartelle esattoriali con la chiusura di equitalia

Cartelle esattoriali » A partire dal primo luglio 2017 cambiano busta e mittente: tutti gli aggiornamenti

Per quanto riguarda le cartelle esattoriali, a partire dal 1 luglio 2017, con la chiusura di Equitalia, non recheranno più i colori il logo e il nome dell'agente di riscossione: cambieranno dunque, busta e mittente delle cartelle.

A partire dal 1 luglio 2017, cambierà il mittente delle raccomandate che conterranno le cartelle esattoriali e il nuovo soggetto incaricato delle riscossione si chiamerà Agenzie delle Entrate- Riscossioni.

Anche se la notizia può sembrare banale, a volt,e la forza dell'abitudine di veder legate le cartelle esattoriali al logo e ai colori di Equitalia potrebbe trarre in inganno sul contenuto della missiva con un logo e dei colori diversi.

Al di là dei cambiamenti estetici della busta il contenuto della cartella esattoriale sarà esattamente lo stesso: un titolo esecutivo con richiesta di pagamento che, non può essere contestata anche se illegittima.

Per chi, invece, riceve le cartelle esattoriali tramite Pec è bene sapere che anche in questo caso le email non saranno più inviate da Equitalia ma da Agenzia delle Entrate riscossione.

Cosa cambia per le cartelle esattoriali dal 1 luglio 2017

Sulle cartelle esattoriali che verranno notificate ai contribuenti dal 1° luglio 2017 non apparirà più il nome e il logo di Equitalia S.p.A. ma quello di Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Come accennato, con la chiusura di Equitalia, dal prossimo 1° luglio 2017 le raccomandate a.r. che conterranno le cartelle esattoriali non recheranno più il nome, il logo e i colori del vecchio Agente della riscossione.

In sostituzione, troveranno posto i segni distintivi di un nuovo soggetto che si chiamerà Agenzia delle Entrate-Riscossione.

La novità coinvolgerà anche chi, per legge, riceve le cartelle esattoriali solo tramite posta elettronica certificata (Pec): ditte, società, professionisti.

Costoro riceveranno una mail non più da Equitalia, ma da Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Occhio quindi a non scambiare il contenuto per spam.

Come impugnare le nuove cartelle esattoriali inviate dall'Agenzia delle Entrate

Vi spieghiamo come poter impugnare correttamente le nuove cartelle esattoriali inviate dall'Agenzia delle Entrate.

Le nuove cartelle esattoriali potranno essere impugnate dal contribuente negli stessi termini e forme delle precedenti.

Per cui:

Come sara la grafica delle nuove cartelle esattoriali di Agenzia delle Entrate-Riscossione

Vi spieghiamo come sarà la grafica nuove cartelle esattoriali di Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Ad oggi non è ancora possibile sapere come saranno, sotto l'aspetto grafico, le nuove cartelle esattoriali di Agenzia delle Entrate-Riscossione.

La sostanza del contenuto dovrà essere la stessa: dovrà cioè riportare l'ente creditore, la causale (ad es. multe stradali, Irpef, Iva, ecc.), l'anno di imposta cui il tributo si riferisce o, per le multe, l'anno in cui la contravvenzione è stata elevata e poi notificata, l'importo da versare, gli interessi per ciascuna singola annualità, la comunicazione del nome e cognome del responsabile del procedimento, l'indicazione di termini e modi per fare ricorso al giudice.

La novità relativa al mittente delle nuove cartelle esattoriali potrebbe disorientare numerosi contribuenti non consentendo a questi di comprendere l'importanza del contenuto della raccomandata.

Onde evitare di far scadere i termini per proporre ricorso, si consiglia, quindi, di non cestinare le nuove buste, benché provenienti da un soggetto nuovo, far vedere subito l'atto a un proprio consulente perché consigli al destinatario il da farsi.

30 novembre 2016 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA
Com'è noto, la Pubblica Amministrazione, prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Equitalia una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad Equitalia, si sostanzia nel verificare l'eventuale morosità del beneficiario rispetto all'obbligo di pagamento derivante dalla ...
Pignoramento del conto corrente » A partire dal 1° luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni a procedere al posto di Equitalia
Come già preannunciato in articoli precedenti, in merito al pignoramento del conto corrente da parte del fisco sarà molto più facile dal prossimo 1 luglio 2017: scopriamo perché. A partire dal primo luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni, in caso di debiti fiscali e cartelle esattoriali non pagate, a disporre ...
Pagare i debiti di cartelle esattoriali con la compensazione » Le istruzioni dell'Agenzia delle entrate-riscossione
E' possibile onorare le proprie pendenze verso l'Agenzia delle Entrate-riscossioni, per debiti indicati in cartelle esattoriali, tramite la compensazione: vediamo come. Se si hanno dei crediti verso lo Stato, è possibile decidere di utilizzarli per pagare eventuali cartelle esattoriali a proprio carico. Ciò è possibile in due modalità: Compensazione con ...
Pignoramento fiscale conti correnti: cosa cambia realmente dal primo luglio 2017?
Ne sono state dette e scritte tante, sul web ed altrove, in merito all'ipotesi di un pignoramento più semplice dei conti correnti da parte del fisco: ma cosa è cambiato sostanzialmente, e dove sta la verità? Facciamo chiarezza con questo intervento. Nei giorni scorsi, si è parlato della possibilità di ...
Equitalia » Calcolo della soglia per l'ipoteca: rientrano anche le cartelle esattoriali impugnate dal contribuente
Nella soglia di ventimila euro per l'ipoteca di Equitalia rientrano anche le cartelle di pagamento impugnate dal contribuente. Ai fini del calcolo della soglia oltre la quale può essere iscritta l'ipoteca, infatti, vanno computati anche i crediti oggetto di contestazione da parte del contribuente. E' irrilevante la contestazione del credito. ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come cambieranno le cartelle esattoriali con la chiusura di equitalia. Clicca qui.

Stai leggendo Come cambieranno le cartelle esattoriali con la chiusura di equitalia Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 30 novembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 agosto 2017 Classificato nella categoria ruolo estratto di ruolo e cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca