Cartella esattoriale con vizio formale » Inps può recuperare comunque i crediti

l'Inps ha il diritto di recuperare i tributi non pagati dal contribuente anche se la cartella esattoriale è affetta da un vizio formale.

Infatti, un eventuale vizio formale della cartella o il mancato rispetto del termine decadenziale previsto ai fini dell'iscrizione a ruolo comporta soltanto l'impossibilità, per l'istituto, di avvalersi del titolo esecutivo, ma non lo fa decadere dal diritto di chiedere l'accertamento in sede giudiziaria dell'esistenza e dell'ammontare del proprio credito.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza 26395/13.

Osservazioni e commenti sulla sentenza in materia di cartella esattoriale viziata e recupero crediti Inps

L'Inps può recuperare i contributi non pagati anche se la cartella esattoriale è affetta da un vizio formale o è stata emessa troppo tardi.

Infatti, l'istituto può sempre scegliere la via dell'accertamento del suo diritto in sede giudiziaria.

La sezione lavoro della Suprema Corte, con la pronuncia in esame, ha respinto il ricorso di una piccola ditta che aveva ricevuto una cartella esattoriale per il mancato versamento dei contributi dovuti in favore di un lavoratore al quale era stato fatto un contratto di apprendistato nonostante il rapporto con l'azienda fosse stato avviato molto tempo prima.

A parere degli Ermellini, infatti, un eventuale vizio formale della cartella o il mancato rispetto del termine decadenziale previsto ai fini dell'iscrizione a ruolo comporta soltanto l'impossibilità, per l'istituto, di avvalersi del titolo esecutivo, ma non lo fa decadere dal diritto di chiedere l'accertamento in sede giudiziaria dell'esistenza e dell'ammontare del proprio credito.

Ciò perché l'iscrizione a ruolo è solo uno dei meccanismi che la legge accorda all'INPS per il recupero dei crediti contributivi.

C'è anche, però, la possibilità che l'istituto agisca nelle forme ordinarie, come correttamente ritenuto dalla Corte d'Appello di Genova nella sentenza impugnata dall'imprenditore.

23 dicembre 2013 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'ente previdenziale può notificare la cartella esattoriale al debitore anche se ha già ottenuto un decreto ingiuntivo
Nessuna norma impedisce all'ente previdenziale di avviare la procedura di riscossione mediante iscrizione a ruolo ed emanazione della relativa cartella esattoriale, ancorché l'ente previdenziale abbia già ottenuto un titolo esecutivo giudiziale. Il principio è stato affermato dalla Corte di Cassazione, con sentenza 21239/14. Secondo quanto disposto dai giudici della Suprema ...
Cartella esattoriale » Deve essere annullata se l'Agenzia delle Entrate non comunica l'esito del controllo formale
Deve essere annullata la cartella esattoriale inviata al contribuente se l'Agenzia delle Entrate non ha comunicato preventivamente il conseguimento del controllo formale. Stop al Fisco che procede alla liquidazione automatica e consente la notifica della cartella esattoriale che non sia stata preceduta dalla comunicazione circa l'esito del controllo formale sulla ...
Legittima la notifica della cartella esattoriale ad erede se atto richiama iscrizione a ruolo a carico del de cuius
In tema di accertamento la circostanza che la cartella di pagamento sia stata notificata all'erede dell'originario contribuente, non ne fa venir meno la legittimità, quando emessa in conformità dell'articolo 25 d.p. r. numero 602 del 1913, come sostituito dall'articolo 11 d. lgs . numero 46 del 1999, poiché, secondo costante ...
La cartella esattoriale non preceduta da avviso di accertamento deve essere congruamente motivata
L'iscrizione a ruolo non costituisce un semplice atto di riscossione, bensì un accertamento del debito d'imposta quando non sia preceduta da un autonomo avviso di accertamento, sicché la cartella esattoriale deve contenere anche una sufficiente motivazione circa la ragione dei recuperi. Non è sufficiente riportare in cartella che la ragione ...
Cartella esattoriale per iva » Annullata se si rinuncia all'eredità
La rinuncia all'eredità salva dalla cartella esattoriale per il pagamento dell'Iva e delle sanzioni. Non deve versare l'Iva e le sanzioni il contribuente che ha ricevuto la cartella esattoriale se ha fatto la rinuncia all'eredità e anche quando ha già ricevuto un valido accertamento. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale con vizio formale » inps può recuperare comunque i crediti. Clicca qui.

Stai leggendo Cartella esattoriale con vizio formale » Inps può recuperare comunque i crediti Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 23 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria ruolo estratto di ruolo e cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca