Cartella esattoriale - Compensi della riscossione o aggio

I compensi della riscossione (aggio) sono attualmente del 4,15% sugli importi iscritti a ruolo per pagamenti effettuati nei 60 giorni dalla notifica della cartella. Dell'8% totali, per pagamenti effettuati oltre i 60 giorni.

In dettaglio:

  1. l'attività degli agenti della riscossione è remunerata con un aggio pari all'8% (otto per cento) delle somme iscritte a ruolo riscosse e dei relativi interessi di mora e che è a carico del debitore:
    1. in misura del 4,15 per cento delle somme iscritte a ruolo, in caso di pagamento entro il sessantesimo giorno dalla notifica della cartella; in tal caso, la restante parte dell'aggio (3,85 per cento) è a carico dell'ente creditore;
    2. integralmente a carico del debitore, per pagamenti oltre il sessantesimo giorno dalla notifica.
  2. limitatamente alla riscossione spontanea a mezzo ruolo (pagamento di entrate extratributarie, di imposte relative a redditi soggetti a tassazione separata o quando la somma che deve pagare il debitore deve essere suddivisa in più rate su richiesta dello stesso), l'aggio spetta agli agenti della riscossione nella percentuale dell'1% (uno per cento), come stabilito dal decreto del 04 agosto 2000 del Ministro delle Finanze.
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • ROBERTA NERATTINI 24 ottobre 2014 at 16:32

    L’Inps emette un avviso di addebito nei miei confronti (gestione aziende con dipendenti).
    Ottengo lo sgravio, che l’Inps emette solo per gli importo a lui dovuti, ma non comprende nell’annullamento gli oneri di riscossione.
    Ho titolo per richiedere lo sgravio anche di questi importi?
    .

    • Ludmilla Karadzic 24 ottobre 2014 at 16:51

      Certamente lei non è tenuta a corrispondere gli oneri di riscossione se il creditore ha ammesso l’inesigibilità del credito. La questione dell’aggio dovuto eventualmente all’esattore, per le attività svolte fino al momento dello sgravio, resta un problema dell’INPS. A lei solo l’onere, per evitare lungaggini e strascichi burocratici, di presentare all’esattore copia dell’avvenuto sgravio.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca