Cartella esattoriale - la nullità non può essere rilevata d'ufficio

Nel processo tributario, caratterizzato dall’introduzione della domanda nella forma della impugnazione del’atto tributario per vizi formali o sostanziali, l’indagine sul rapporto sostanziale non può che essere limitata ai motivi di contestazione dei presupposti di fatto e di diritto della pretesa dell’amministrazione, che il contribuente deve specificamente dedurre nel ricorso introduttivo di primo grado.

Ne consegue che, laddove il contribuente deduca specifici vizi di invalidità dell’atto impugnato, il giudice deve attenersi all’esame di essi e non può, d’officio, annullare il provvedimento impositivo per vizi diversi da quelli dedotti, anche se risultanti dagli stessi elementi acquisiti al giudizio, in quanto tali ulteriori profili di illegittimità debbono ritenersi estranei alla controversia, così come definita dalle scelte del ricorrente.

Questa, in sintesi, la decisione della Corte di Cassazione assunta nella sentenza numero 13311/13

La vicenda origina da una sentenza della Commissione Tributaria Regionale che aveva annullato una cartella esattoriale, rilevando la mancata sottoscrizione della stessa, laddove il vizio non era stato eccepito nel ricorso introduttivo di primo grado. L’Agenzia delle entrate, pertanto, si era rivolta alla Suprema Corte lamentando la violazione e falsa applicazione dell’articolo 112 codice di procedura civile, in quanto la Commissione Tributaria Regionale aveva dichiarato la nullità della cartella di pagamento per mancanza di sottoscrizione, elemento estraneo al novero delle motivazioni di impugnazione dell’atto.

19 Giugno 2013 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Notifica cartella esattoriale via posta - se ricevente non individuabile nullità solo con querela falso
In ordine alla notifica della cartella esattoriale la Commissione Tributaria Regionale adita dalla contribuente aveva affermato in sentenza che:  "Tale avviso di ricevimento deve attestare la persona cui la cartella esattoriale è stata consegnata in maniera che via sia la presunzione che attraverso di essa l'atto sia stato portato a conoscenza del destinatario. Nel caso che ci occupa invece la contribuente afferma di non aver ricevuto detta cartella esattoriale e invero la ricevuta dell'avviso reca una firma inintelligibile da cui non è possibile individuare la persona cui sarebbe stata consegnata" . Il giudice di merito, pertanto, effettivamente aveva ritenuto la nullità ...

Nulla la cartella esattoriale motivata solo con l'indicazione di omesso o carente versamento
L'agenzia delle Entrate ricorre per cassazione avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio numero 808/40 /09 del 28 dicembre 2009, che accoglieva l`appello di un contribuente avverso la sentenza di primo grado, dichiarando la nullità di cartella esattoriale relativa ai redditi IRPEF 2001. I giudici di Cassazione, con la sentenza numero 20211 del 3 settembre 2013, hanno rigettato il ricorso in quanto la sentenza di merito contiene l'accertamento in fatto relativo alla carenza di qualunque motivazione o spiegazione della cartella esattoriale. Per gli ermellini, infatti, l`indicazione di un “omesso o carente versamento” non costituisce adeguata motivazione di una ...

Legittima la notifica della cartella esattoriale ad erede se atto richiama iscrizione a ruolo a carico del de cuius
In tema di accertamento la circostanza che la cartella di pagamento sia stata notificata all'erede dell'originario contribuente, non ne fa venir meno la legittimità, quando emessa in conformità dell'articolo 25 d.p. r. numero 602 del 1913, come sostituito dall'articolo 11 d. lgs . numero 46 del 1999, poiché, secondo costante orientamento di questa Corte, a soddisfare la garanzia difensiva, è sufficiente che l'atto richiami l'iscrizione a ruolo, permettendo, cosi, di identificare l'accertamento divenuto definitivo da cui trae la riscossione (Cass. sez. Trib. numero 21140 del 2011; Cass o sez . Trib . numero 11466 del 20111). Lo ha chiarito la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale - la nullità non può essere rilevata d'ufficio. Clicca qui.

Stai leggendo Cartella esattoriale - la nullità non può essere rilevata d'ufficio Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 19 Giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Luglio 2017 Classificato nella categoria nullità inesistenza illegittimità della cartella di pagamento Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)