Cartella esattoriale per chi sale su tram, metro e bus senza biglietto


Con la conversione in legge del decreto 113/2016, recante misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio, è stata adottata una nuova norma finalizzata a contrastare il fenomeno dell’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici senza comprare (e annullare) il biglietto.

Infatti, con l’articolo 18, comma 1 bis, è stato consentito ai gestori di servizi di trasporto pubblico regionale e locale il ricorso alla riscossione coattiva mediante ruolo dei crediti derivanti dalla constatazione di irregolarità di viaggio accertate a carico degli utenti e dalla successiva irrogazione delle previste sanzioni.

In pratica, al trasgressore colto in fallo, in caso di omesso pagamento della sanzione amministrativa, potrà essere avviata, dal gestore dei servizi di trasporto pubblico (ATAC a Roma, ANM a Napoli, ATM a Milano e così via), la procedura di riscossione coattiva con la notifica di una cartella esattoriale.

4 Agosto 2016 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale per chi sale su tram, metro e bus senza biglietto. Clicca qui.

Stai leggendo Cartella esattoriale per chi sale su tram, metro e bus senza biglietto Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 4 Agosto 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Luglio 2017 Classificato nella categoria multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)