NOTIFICA DELLA CARTELLA ESATTORIALE A SOGGETTI TERZI

Questo tipo di notifica può avvenire solo presso il domicilio del destinatario (casa di abitazione, ufficio, azienda), nei casi in cui lo stesso non è presente. L'atto, infatti, può essere consegnato nelle mani di terzi, che possono essere:

  • persona di famiglia, purchè non minore di 14 anni o palesemente incapace;
  • gli addetti alla casa (o all'ufficio o azienda), purchè non minori di 14 anni o palesemente incapaci;
  • il portiere dello stabile;
  • i vicini di casa che accettino il ricevimento;

In questi casi l'atto dev'essere consegnato -con la relata di notifica- in busta chiusa e sigillata, riportante solo il numero cronologico dell'atto stesso (non debbono esserci segni, dati od indicazioni che potrebbero indicarne il contenuto).

Chi accetta l'atto deve sottoscrivere una ricevuta dichiarando a quale titolo lo riceve.

Nei casi di consegna al portiere o al vicino di casa, il destinatario deve ricevere notizia della notifica tramite raccomandata a/r. In caso di notifica a mezzo posta questa regola, ovvero l'obbligo di avvisare il destinatario riguardo alla consegna fatta nelle mani di terzi tramite un'ulteriore raccomandata a/r, è valida per le notifiche effettuate a partire dal 1/3/2008.

E' interessante al riguardo la sentenza della corte di Cassazione numero 1258/2007, con la quale è stato decretato che la notifica al portiere è valida solo a condizione che l'ufficiale giudiziario dia atto non solo dell'assenza del destinatario ma anche delle vane ricerche delle altre persone abilitate a ricevere l'atto.

La relata di notifica, in sostanza, deve attestare l'assenza del destinatario e di tali persone. Questa sentenza conferma inoltre l'orientamento di Cassazione secondo cui, nel caso di notifica al portiere o al vicino di casa, quindi in luoghi diversi da quelli ove il destinatario ha uno "stretto dominio" , sia necessario l'invio di un avviso per raccomandata a/r. La mancanza di tale invio costituisce un vizio tale da comportare la nullità della notifica.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • karalis 9 settembre 2008 at 07:41

    Il contribuente e l’unico a sopportare le incertezze non meglio elaborate dall’amministrazione tributaria .
    Di solito gli ufficiali Giudiziari esattori del fisco , non menzionano la data e l’ora nella cartella esattoriale che è passato presso l’abitazione per la detta notifica, inoltrando la cartella esattoriale presso l’ufficio della Casa Comunale in modo da perfezionare la notifica, tale illegittimità di comportamento crea notevoli danni al contribuente che ignaro di dette angherie di violazioni commessi dai messi esattori – Posso solo dire che nella mia esperienza la legge non tutela il contribuente che lo mette in condizione di non rispettare la legge; sappiamo che noi contribuenti non siamo avvocati o organi che secondo legge devono sapere tutto ; ma sappiamo che lo Stato abilita i professionisti a cui bisogna rivolgersi e tali professionisti non preparati mettono a repentaglio la vita di una persona malcapitato di rivolgersi ai detti professionisti. Se vi racconto quello che è successo al sottoscritto con prove probatorie cartacee ognuno si guarda davanti allo specchio e dice sono il primo fesso o di quelli fessi che credono alla Giustizia?!!!…..
    Sono pronto a discutere con chiunque mi interpella per far capire che la Giustizia non esiste ; ma esiste solo per pagare le tasse e poi deve stare zitto…….
    Pescara 09.09.2008 F.TO Morosini Leonardo

    Commento di Leonardo | Martedì, 9 Settembre 2008 |

    Parlane e scrivine quanto vuoi.

    Su questo blog sei il benvenuto.

    Ciao




Cerca