Cartelle esattoriali originate da multe » Decadenza dopo due anni

Le cartelle esattoriali originate da multe devono essere consegnate al concessionario della riscossione e notificate al trasgressore entro due anni dall'esecutività del ruolo. In caso contrario, sono nulle.

Con sentenza del 30 ottobre 2013, infatti, il Giudice di pace di lecce ha annullato una cartella di Equitalia poiché emessa in violazione di legge.

La normativa chiarisce che le cartelle esattoriali originate da multe vanno notificate al debitore entro il 31/12 del secondo anno successivo a quello in cui la multa è divenuta definitiva.

Nel caso posto al vaglio del Giudice di merito, la multa era divenuta definitiva nel 2010 e quindi la cartella poteva essere notificata al debitore al massimo entro il 31/12/2012, tuttavia la notifica è avvenuta solo a maggio 2013.

In termini tecnici, è stata rilevata la violazione dell'articolo 25 del DPR 602/72, in cui si prevede, espressamente, al comma 1 che Il concessionario notifica la cartella di pagamento al debitore iscritto a ruolo o al coobbligato nei confronti del quale procede, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo, per le somme dovute in base agli accertamenti dell'ufficio.

18 dicembre 2013 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Prescritta la cartella esattoriale originata da multa se prima di iscrivere il fermo passano cinque anni senza atti interruttivi
E' da ritenersi prescritta la cartella esattoriale, notificata al trasgressore, se Equitalia non si fa viva per cinque anni, a partire dalla multa, prima di recapitare la notifica di preavviso del fermo amministrativo. O meglio, deve ritenersi prescritto il diritto dell'esattore alla riscossione delle somme portate dalla cartella di pagamento ...
Equitalia » Come funziona la prescrizione delle cartelle esattoriali originate da sanzioni amministrative
Tutte le cartelle esattoriali notificate da Equitalia sono soggette alla prescrizione, ovvero all'estinzione a seguito dell'inerzia dell'agente di riscossione, protratta per il numero di anni stabiliti dalla legge. Questi atti, di conseguenza, non devono essere pagati. La disciplina della prescrizione in discorso è, tuttavia, diversa a seconda che si riferisca ...
Prescrizione cartella esattoriale originata da multe – una conferma del termine biennale
Con una interessante sentenza il Giudice di Pace di San Vito dei Normanni (Brindisi) ha annullato una cartella esattoriale notificata da EQUITALIA oltre il termine  biennale  previsto dalla legge dalla consegna dei ruoli e traente origine da un verbale per violazione a norme del Codice della Strada. In particolare il ...
Prescrizione e decadenza delle multe
In questo articolo si discute della prescrizione dei crediti per sanzioni amministrative (multe), dei termini di decadenza per la notifica dei verbali di accertamento e per la notifica della cartella esattoriale sempre in riferimento ai crediti per sanzioni amministrative. Per le sanzioni amministrative, quali ad esempio quelle previste dal Codice ...
Termini di notifica delle cartelle esattoriali
I termini di notifica delle cartelle di pagamento, per la riscossione di imposte dirette e Iva, variano in relazione ai diversi tipi di controllo, come riportato nella tabella che segue. (*) o del quarto anno, in caso di liquidazione delle imposte sulle indennità di fine rapporto e sulle prestazioni in ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartelle esattoriali originate da multe » decadenza dopo due anni. Clicca qui.

Stai leggendo Cartelle esattoriali originate da multe » Decadenza dopo due anni Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 18 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2017 Classificato nella categoria contenzioso e impugnazione cartelle esattoriali originate da multe Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • milly07 10 gennaio 2014 at 13:26

    In data 14 febbraio 2012 mi è stata contestata immediatamente violazione al codice della strada l’uso del cellulare dalla polizia stradale sull’autostrada. Il proprietario del veicolo è mia madre. Io non ho pagato il verbale nei 60 giorni. La proprietaria del veicolo non ha ricevuto alcuna notifica dell’infrazione ex art. 201 (abbiamo scoperto che il postino ha scritto sconosciuto sull’atto amministrativo giacchè la polizia stradale ha errato quando ha scritto l’indirizzo di residenza del proprietario. In data 18 dicembre 2013 vengono notificate due cartelle esattoriali: una per me (trasgressore) e l’altra per mia madre (proprietaria del veicolo).
    Dalle ricerche effettuate è evidente che la cartella del proprietario è nulla e posso quindi impugnarla al giudice di pace. Ma la mia? viene travolta dalla nullità di quella di mia madre? o la mia cartella esattoriale dovrò comunque pagarla?
    se mia madre avesse saputo in tempo avrebbe pagato all’importo ridotto (159 euro anzichè 435)!!
    spero in una vostra risposta….grazie

    • Ludmilla Karadzic 10 gennaio 2014 at 14:10

      Il verbale è stato notificato al trasgressore, che ha ritenuto di non pagare la sanzione nei sessanta giorni previsti. La cartella esattoriale al trasgressore è legittima, dal momento che la polizia stradale ha la facoltà di esigere la sanzione dal trasgressore e/o dal proprietario del veicolo.

      Sua madre potrà chiedere lo sgravio della cartella esattoriale a lei indirizzata una volta che il trasgressore avrà ottemperato. Oppure potrà rivolgersi al giudice di pace ed ottenerne l’annullamento La procedura da seguire è il ricorso ex art. 615 c.p.c., per il quale è necessaria l’assistenza legale. Se poi ci aggiunge le spese relative al contributo unificato, si comprende che forse la scelta più conveniente è che il trasgressore paghi la propria cartella esattoriale.

      Anche perchè, il giudice potrebbe, qualora non sia intercorsa decadenza, disporre la rinotifica del verbale a sua madre (questa la ragione per cui il ricorso ex art. 615 c.p.c., che non ha termini di presentazione, deve essere effettuato il più tardi possibile).

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca