Cartella esattoriale di Equitalia: marito e moglie non si parlano? » Basta che l'atto sia consegnato al coniuge del legittimo destinatario per rendere valida la notifica

E' valida la notifica della cartella esattoriale di equitalia consegnata al coniuge dell'effettivo destinatario, anche se questi, per dimenticanza o di proposito, non avverte il legittimo ricevente.

La cartella esattoriale è valida anche quando il coniuge non la consegna al contribuente. È sufficiente che la notifica sia avvenuta nell'indirizzo di residenza.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22928/14.

Secondo quanto disposto dalla suddetta pronuncia, nell'ambito di un matrimonio, in cui i coniugi siano in conflitto o non si parlino più, la consegna della cartella esattoriale al convivente è ugualmente valida perché è sufficiente la notifica all'indirizzo di residenza.

A parere degli Ermellini, infatti, qualora una cartella esattoriale sia destinata ad uno fra i due coniugi, ma a ritirarla non sia il legittimo ricevente che, volontariamente o distrattamente, non la consegni all'effettivo destinatario, la notifica si considera ugualmente perfezionata.

Ciò, perché è sufficiente che l'atto sia stato consegnato all'indirizzo di residenza esatto.

Dunque, ai giudici di piazza Cavour, non interessa in quale stato siano i rapporti familiari.

Anche se sussiste una forte conflittualità coniugale, basta che la cartella esattoriale sia notificata ad uno dei due consorti per rendere l'atto valido.

31 ottobre 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale di equitalia: marito e moglie non si parlano? » basta che l'atto sia consegnato al coniuge del legittimo destinatario per rendere valida la notifica. Clicca qui.

Stai leggendo Cartella esattoriale di Equitalia: marito e moglie non si parlano? » Basta che l'atto sia consegnato al coniuge del legittimo destinatario per rendere valida la notifica Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 31 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di cartella esattoriale o di pagamento Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca