Cartella esattoriale e fallimento - Valida la notifica al curatore

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

In pendenza del fallimento è valida la notifica al curatore della cartella esattoriale emessa dopo la sentenza di fallimento.

La notifica degli atti di accertamento di un credito tributario e della cartella esattoriale, eseguita a mani del curatore fallimentare, in pendenza della procedura concorsuale, deve essere considerata come effettuata “a mani proprie” data la piena legittimazione processuale del curatore per tutte le controversie relative a rapporti patrimoniali astrattamente suscettibili di essere compresi nel fallimento.

Si precisa che con il fallimento il fallito perde la legittimazione sostanziale (articolo 44 della legge fallimentare) e processuale (articolo 43 della legge fallimentare), che viene assunta dalla curatela fallimentare la quale subentra a ogni effetto al soggetto fallito.

La legittimazione processuale del soggetto dichiarato fallito, per i rapporti patrimoniali compresi nel fallimento, può eccezionalmente riconoscersi nel caso di disinteresse o inerzia degli organi preposti al fallimento e non anche quando detti organi si siano concretamente attivati e abbiano ritenuto non conveniente intraprendere o proseguire la controversia (Cassazione, sez. III, sentenza del 21 maggio 2004, numero 9710).

In altre parole, il fallito ha una propria legittimazione processuale al contenzioso tributario, distinta da quella della curatela, azionabile nell’ipotesi in cui il fallimento decida di non opporsi alla pretesa fiscale.

Ciò in forza dell’interpretazione degli articoli 43 della Legge fallimentare e 10 del Decreto Legislativo 546/1992, conforme ai principi del diritto alla tutela giurisdizionale ed alla difesa, garantiti dall’articolo 24, comma 1 e 2 della Costituzione (Cassazione, sentenze 3667/1997, 14987/2000, 6937/2002).

Il termine per l’impugnazione dell’avviso di accertamento e/o della cartella decorre dal momento in cui tali atti siano stati portati a conoscenza del fallito medesimo (Cassazione, sez. tributaria, sentenza numero 5671 del 3 febbraio 2006).

Si è anche affermato, che vi è un obbligo di “doppia notifica” (al curatore ed al fallito) dell’avviso di accertamento e della cartella esattoriale qualora si tratti di crediti i cui presupposti si siano determinati prima della dichiarazione di fallimento del contribuente o nel periodo d’imposta in cui tale dichiarazione è intervenuta.

In tale caso la notifica va effettuata sia al curatore – in ragione della partecipazione di detti crediti al concorso fallimentare, o, comunque, della loro idoneità ad incidere sulla gestione delle attività e dei beni acquisiti al fallimento – sia al contribuente, il quale non è privato, a seguito della dichiarazione di fallimento, della sua qualità di soggetto passivo del rapporto tributario e resta esposto ai riflessi, anche di carattere sanzionatorio, che conseguono alla “definitività” dell’atto impositivo (Cassazione, sentenze nn. 3667 del 1997, 14987 del 2000, 6937 del 2002).

In mancanza di tale notifica, il fallito potrà impugnare l’atto con decorrenza dei termini dall’effettiva conoscenza dell’atto, se il curatore sia rimasto inerte.

La notifica della cartella al curatore fallimentare, comunque, resta il presupposto indefettibile dell’ammissione al passivo del credito nell’ambito della procedura concorsuale.

Per porre una domanda sulla notifica, il pagamento e la dilazione della cartella esattoriale; sul pignoramento esattoriale, il fermo amministrativo e l’iscrizione ipotecaria; e su qualsiasi argomento correlato all’articolo, clicca qui.

2 Agosto 2010 · Antonella Pedone

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Insinuazione al passivo per crediti erariali - Non è necessaria la preventiva notifica della cartella esattoriale al curatore
I crediti iscritti a ruolo ed azionati da società concessionarie per la riscossione seguono, nel caso di avvenuta dichiarazione di fallimento del debitore, l'iter procedurale prescritto dalla legge per gli altri crediti concorsuali, legittimandosi la domanda di ammissione al passivo, se del caso con riserva (ove vi siano contestazioni), sulla base del solo ruolo, senza che occorra la previa notifica della cartella esattoriale al curatore. In difetto di notifica della cartella esattoriale non resta precluso al curatore fallimentare di contestare la sussistenza del credito dinanzi al giudice tributario, così che il credito possa essere ammesso con riserva. L'organo del fallimento, ...

Fallimento e cartella esattoriale per debito Inps
Persona fisica fallita quasi 20 anni fa, debiti Inps per i quali viene emessa una cartella esattoriale, datata 10/12/2009, non pagata. Ora arriva da Esatri una intimazione di pagamento, con avviso che, in caso di mancato pagamento entro cinque giorni, si procederà con esecuzione forzata. La domanda: Se è stato dichiarato il fallimento, i debiti, compresi quelli verso gli istituti previdenziali, fanno parte del passivo e quindi, secondo la loro caratteristica, non dovrebbero venire liquidati con i fondi recuperati dal curatore fallimentare? ...

Cartella esattoriale di Equitalia: marito e moglie non si parlano? » Basta che l'atto sia consegnato al coniuge del legittimo destinatario per rendere valida la notifica
E' valida la notifica della cartella esattoriale di equitalia consegnata al coniuge dell'effettivo destinatario, anche se questi, per dimenticanza o di proposito, non avverte il legittimo ricevente. La cartella esattoriale è valida anche quando il coniuge non la consegna al contribuente. È sufficiente che la notifica sia avvenuta nell'indirizzo di residenza. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22928/14. Secondo quanto disposto dalla suddetta pronuncia, nell'ambito di un matrimonio, in cui i coniugi siano in conflitto o non si parlino più, la consegna della cartella esattoriale al convivente è ugualmente valida perché è sufficiente la notifica all'indirizzo di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale e fallimento - valida la notifica al curatore. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)