Carte revolving? » Un consiglio spassionato: evitatele!

Carte revolving: l'attuale crisi economica sta comportando un netto aumento dell'utilizzo di questa tipologia di carte di credito. Ma gli istituti di credito che concedono le carte revolving applicano interessi altissimi, spesso di poco inferiori al tasso soglia usura. E' bene sempre evitarne l'uso e conoscere lo strumento. Questo per non ritrovarsi, poi, a pagare un'infinità di piccole rate.

In italia le famiglie continuano sempre più a coprirsi di debiti.

Ciò anche a causa di forme di credito poco chiare e particolarmente costose, con tassi d'interesse vicini a quelli previsti, dalla Banca d'Italia, come usura.

Purtroppo, dobbiamo dire, negli ultimi anni è aumentato in maniera esponenziale l'utilizzo delle famose carte revolving.

Le revolving non vengono solo usate per l'acquisto di beni durevoli come elettrodomestici, mobili e quant’altro, ma ancor più per esigenze di piccole spese quotidiane.

Questa pratica ha portato diversi debitori a dover, forzatamente, sostenere un uragano interminabile di, chiamiamole così, comode rate.

Ma quest'ultime sono pressochè sempre gravate da interessi altissimi che, in caso di ritardo o inadempienza, arrivano addirittura a sfiorare le soglie del tasso usura.

Come abbiamo analizzato in precedenti articoli, ogni tre mesi la Banca d'Italia pubblica sul proprio sito, i tassi d'interesse oltre i quali un finanziamento è considerato come prestito usuraio.

I tassi sono distinti per tipologie di finanziamento, tra cui anche quello effettuato attraverso le carte revolving.

La propagazione di queste carte di credito è da imputare all'estrema facilità con cui è possibile ottenere l'affidamento delle somme.

Infatti, se per per ottenere un prestito personale è necessario dimostrare agli istituti finanziari di avere le capacità economiche per restituire il debito, per i prestiti con carte revolving è tutto, apparentemente, più semplice.

Basta una firma e la carta di credito arriva direttamente a casa tua, senza alcun costo, o così sembra.

Così, una volta ottenuta, può essere utilizzata senza limiti temporali, ma soprattutto senza l'obbligo di presentare nuovi documenti attinenti la posizione del titolare, anche se la stessa è cambiata.

Lo stesso titolare può successivamente decidere l'importo della rata.

E' proprio questo che, di solito, genera l'illusione di un piccolo importo che non incide in modo significativo sul bilancio familiare.

In realtà, il costo degli interessi è sproporzionato. Può arrivareanche a tassi tra il 19% e il 25%, che aumentano in caso di ritardato pagamento.

Se ci si vuole tutelare, evitare l'uso delle carte revolving, è l'unico must. Meglio tentare di ricorrere a forme di finanziamento più classiche come prestiti personali o affidamenti di conto corrente, anche perché consentono di misurare meglio l'indebitamento e il suo costo.

Se, però, disgraziatamente, si dovesse decidere di contrarla, è bene sempre controllare il TAEG applicato, che è indicato nell'estratto conto mensile.

Se il Taeg supera il 15% è evidente che si paga un interesse altissimo.

Inoltre, non finiremo mai di dirlo, si deve verificare se il tasso applicato è superiore a quello previsto come tasso soglia usura, riferendosi alle indicazioni trimestrali pubblicate dalla Banca d'Italia.

Fondamentale è anche accertarsi della somma effettivamente utilizzata in prestito, a prescindere da quella affidata.

Molto spesso capita che gli intermediari finanziari tollerino piccoli sconfinamenti rispetto al fido accordato.

In questi casi, se il limite, ad esempio, è di cinquemila euro, la carta consente anche spese di poco superiori a tale tetto.

In tal caso è bene verificare sempre che, sforando il limite, non siano applicati tassi che superino la soglia prevista dalla Banca d'Italia, molto più bassa per i prestiti revolving superiori a cinquemila euro.

L'eventuale accertamento del tasso usura determinerebbe la nullità degli interessi.

Altra pratica riscontrata è quella di consegnare allo stesso cliente, più di una carta, ciascuna con il limite di cinquemila euro.

E' chiaro che così facendo si cerca di aggirare i limiti dei tassi soglia usura previsti per le carte revolving superiori a cinquemila euro e che, pertanto, in questi casi, potranno essere contestati.

11 novembre 2013 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Carta revolving
Per chi è gia familiare con l'uso delle carte di credito, la carta revolving (o carta di debito) puó rappresentare una semplice evoluzione. Solitamente, con la carta di credito (Visa, Mastercard, American Express e cosi via) tutti gli acquisti effettuati nell'arco di un mese sono addebitati in un'unica somma, il ...
Mutui » interessi moratori e corrispettivi non vanno sommati per confrontarli con soglia di usura
Alcuni recenti provvedimenti dei Tribunali, sia di merito che di Cassazione, hanno disatteso le aspettative di migliaia di clienti che volevano rivalersi nei confronti delle banche, accusate di aver applicato tassi a usura sui mutui ipotecari. Alcune pronunce giurisprudenziali hanno confermano, purtroppo, che i tassi moratori, promessi in contratto, non ...
Carte revolving » il decalogo
La carta di credito revolving è uno strumento di pagamento alternativo al contante che permette di effettuare spese, nei limiti del fido accordato, rimborsabili ratealmente con l'addebito di interessi. La banca, una società finanziaria o un istituto di moneta elettronica mettono a disposizione del titolare una riserva di denaro (denominata ...
Mutui e soglia di usura - Come interpretare la sentenza 350/2013 della Corte Suprema
La Corte di Cassazione con la nota pronuncia numero 350/2013, ha testualmente sostenuto che risulta che parte ricorrente aveva specificamente censurato il calcolo del tasso pattuito in raffronto con il tasso soglia senza tenere conto della maggiorazione di tre punti a titolo di mora, laddove, invece, ai fini dell'applicazione dell'articolo ...
Carte revolving - Comunicarne in ritardo il furto o lo smarrimento può costare caro
Com'è noto, il credito revolving rappresenta una forma di finanziamento attraverso la messa a disposizione di una somma di denaro che il titolare può impiegare a propria discrezione, con obbligo di restituzione dell'apertura di credito secondo un piano di rimborso prestabilito, pagando una determinata rata minima, generalmente mensile. Tale importo ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carte revolving? » un consiglio spassionato: evitatele!. Clicca qui.

Stai leggendo Carte revolving? » Un consiglio spassionato: evitatele! Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 11 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2017 Classificato nella categoria carte di credito di debito (bancomat) e carte revolving Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca