Carte di credito revolving

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Il credito al consumo in Italia cresce a ritmi sempre sostenuti: + 14,2% a giugno 2007, secondo l'ultimo bilancio dell'osservatorio Assofin-CRIF-PROMETEIA. In aumento anche gli importi erogati e le scadenze dei prestiti richiesti. Questo dato, a prima vista molto significativo, nasconde in realtà un rallentamento della crescita del fenomeno, come sostiene più precisamente l'ultimo bollettino della Banca d'Italia.

Nulla di sorprendente se consideriamo l'andamento dei tassi d'interesse nell'area euro, in costante salita da fine 2005, che genera una spesa maggiore per restituire le rate dei prestiti contratti. Uno strumento in grande diffusione negli ultimi mesi, incentivato anche dall'aumento dei prezzi al consumo (il tasso di inflazione annua ha raggiunto infatti il 2,6%), sono le carte di credito revolving.

Le carte revolving consentono a chi le possiede di effettuare spese a credito, fino ad un tetto massimo mensile, spesso superiore al migliaio di euro, e di restituire la linea di credito aperta con pagamenti mensili rateali pre-concordati con la banca che ha concesso la carta.

Così molte famiglie si ritrovano a poter utilizzare uno strumento flessibile e certamente utile a gestire meglio i magri budget di cui dispongono.

Ma, spesso, i possessori di carte revolving non fanno i conti con il pagamento degli interessi dovuti sugli importi richiesti e spesi: il TAN (tasso annuo nominale) di questi strumenti infatti è superiore al 10% ed il TAEG, il tasso annuo effettivo globale, sfiora talvolta i 20 punti percentuali.

Alcuni esempi: la carta BLU AMERICAN EXPRESS presenta un TAN massimo variabile dal 14,99% al 21,99%, a seconda dell'importo del fido. La carta Banco Posta Ricaricabile ha un TAN del 14% e un TAEG che sfiora il 15%. Attenzione quindi a non perdere il conto degli interessi maturati.

Dopo gli spettri gettati sui risparmiatori dalla crisi dei mutui subprime e le difficoltà delle famiglie a far fronte a rate di mutui e finanziamenti per l'acquisto di beni di consumo, ora le preoccupazioni si rivolgono alla sostenibilità delle revolving da parte delle famiglie. Gli Italiani hanno fatto bene i conti delle proprie spese?.

Per fare una domanda sulle carte revolving, sulle  carte di pagamento (credito, debito, fidelity  ecc.) in genere, su altri strumenti di pagamento e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

28 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

debiti conoscerli per evitarli - contenuti obsoleti

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca