Carte di credito

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Le carte di credito sono emesse da banche e da altri intermediari finanziari con la sottoscrizione di un contratto con il titolare della carta. Per la funzione creditizia da esse svolta, tali carte vengono rilasciate dopo un’attenta valutazione della solvibilità del cliente da parte dell’emittente; di solito viene fissato un limite mensile massimo di spesa consentito, raggiunto il quale la carta non può essere utilizzata.

La carta di credito consente di acquistare beni e servizi in Italia e all’estero presso gli esercenti convenzionati con la banca o la società che ha emesso la carta senza pagare contestualmente il relativo prezzo in contanti.

La carta può essere usata indipendentemente dalla disponibilità di fondi nel conto corrente nel momento in cui la spesa viene effettuata; i fondi necessari per la copertura delle spese effettuate devono essere presenti nel momento in cui avviene l’addebito delle somme dovute. Per effettuare operazioni di acquisto, il titolare in genere appone la propria firma sullo scontrino di pagamento; tale firma deve essere conforme a quella che ha apposto sul retro della carta nel momento in cui l’ha ricevuta.

E’ consigliabile apporre la propria firma sul retro della carta non appena se ne entra in possesso.

La carta di credito consente anche di prelevare contante, sia in Italia sia all’estero, tramite sportelli bancari convenzionati o sportelli automatici (ATM) purché aderenti a un marchio internazionale; in questo ultimo caso, per ogni prelievo deve essere digitato un PIN, assegnato alla carta al momento della sua emissione.

Contrariamente alla carta di debito, nel caso di prelievo di contante con la carta di credito il relativo addebito nell’estratto conto è posticipato come nel caso del pagamento di acquisti:  per questo motivo tale operazione viene definita “anticipo”, anziché prelievo di contante. Le operazioni di “anticipo” di contante sono soggette al pagamento di una commissione (fissa o in percentuale dell’importo prelevato), stabilita dalla banca o dalla società che ha messo la carta.

Carte Travel and Entertainement (T&E)

Tra le carte di credito emesse da società finanziarie rientrano anche le cosiddette carte Travel and Entertainement (T&E) che consentono, oltre alla funzione di pagamento, di accedere a un insieme di servizi (anche di carattere assicurativo) privilegiando tradizionalmente le esigenze di una clientela che, per motivi di lavoro o nel tempo libero, è spesso in viaggio e per la quale i limiti massimi di spesa sono spesso più ampi, anche per importi considerevoli. Nel tempo tuttavia sono andate affievolendosi le differenze tra queste carte e le carte di credito emesse dalle banche che aderiscono a circuiti internazionali.

Per fare una domanda sulle carte di pagamento (credito, debito, revolving, fidelity  ecc.), su altri strumenti di pagamento e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

17 Maggio 2008 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Frode informatica e utilizzo abusivo di carte di credito - Differenze
Il delitto di frode informatica, a differenza di quello, ben più grave, di utilizzo abusivo di carte di credito richiede necessariamente che si penetri abusivamente nel sistema informatico bancario e si effettuino illecite operazioni sullo stesso al fine di trarne profitto per sé o per altri. Si macchia, invece, di utilizzo indebito di carte di credito (articolo 55 del decreto legislativo 231/2007, chiunque, al fine di trarne profitto per sé o per altri, indebitamente utilizza, non essendone titolare, carte di credito o di pagamento, ovvero qualsiasi altro documento analogo che abiliti al prelievo di denaro contante o all'acquisto di beni ...

Carte di credito e CAI – domande e risposte
Cosa è la Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI)? La CAI è l'archivio informatico costituito presso la Banca d'Italia nel quale confluiscono informazioni riguardanti irregolarità commesse dalla clientela nell'utilizzo degli assegni e delle carte di pagamento. In quali casi di utilizzo irregolare delle carte di pagamento si viene iscritti nella CAI? Solo nel caso in cui l'emittente la carta abbia revocato il cliente dall'utilizzo della carta stessa a causa del mancato pagamento delle spese connesse con gli acquisti e i prelievi effettuati. Basta un solo mancato pagamento per essere revocati dall'utilizzo della carta e iscritti in CAI? Non esiste una regola fissata ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carte di credito. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • mariamazzaro 30 Dicembre 2008 at 13:03

    volevo delle informazioni di due carte di credito a me intestate ma che io non lo sapevo come devo fare?

  • filippo 18 Dicembre 2008 at 12:30

    salve vorrei chiedere: sono titolare di una 20 di c/c tutti con relativa carta di credito con esposizione max per 5000 euro, volevo sapere se posso prelevare per ogni carta questo importo, quindi poter ottenere circa 100000 euro op. sono solo possibilitato ad avere solo il credito di 5000 euro.