Disoccupato e nullatenente - Debiti che non posso pagare

Debito per prestito Agos e per carta revolving - ma sono disoccupato e non posso pagare

Ho un debito con Agos di 29 mila euro e una carta revolving sempre con loro di 4 mila euro e non ho un lavoro da ormai 6 mesi: dopo il licenziamento di un anno fa ho saldato comunque le rate anche se ero in disoccupazione e, successivamente, con dei lavoretti saltuari, ma adesso neanche quelli.

Non riesco più'a pagare i miei debiti.

Si tratta di due rate una di 350 euro e l'altra di 150 ogni mese.

Mi sono trasferito all'estero in un paese non UE ma continuano ad arrivarmi chiamate al cellulare alle quali non rispondo. Non ho ancora comunicato il mio indirizzo alle finanziarie. Cosa posso fare?

Non ho niente di intestato, non ho una casa di proprietà, non ho auto nulla di nulla. Vivo con amici che non mi chiedono l'affitto e i miei genitori mi stanno aiutando dandomi il minimo necessario per vivere.

Sto cercando un lavoro e ci sono buone probabilità di iniziarlo, ma non mi consente comunque di saldare i miei debiti. Mi basta per la normale sopravvivenza.

Cosa succede se non pago i miei debiti? Al momento non vedo prospettive purtroppo anche iniziando il nuovo lavoro.

I creditori dovranno rassegnarsi a classificare come inesigibili gli importi dovuti

Succede che, prima o poi, i creditori dovranno rassegnarsi a classificare come inesigibili gli importi che vantano nei suoi confronti.

9 ottobre 2012 · Genny Manfredi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Carte revolving » il decalogo
La carta di credito revolving è uno strumento di pagamento alternativo al contante che permette di effettuare spese, nei limiti del fido accordato, rimborsabili ratealmente con l'addebito di interessi. La banca, una società finanziaria o un istituto di moneta elettronica mettono a disposizione del titolare una riserva di denaro (denominata ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Debiti – cosa fare quando non si può pagare
La decisione di sospendere i pagamenti è nel Vostro caso - extrema ratio - condivisibile: non si umanamente pretendere che una famiglia si spinga al di sotto della soglia di sussistenza per rispettare gli impegni assunti. Tuttavia, la conseguenza più probabile di questa situazione saranno, a lungo andare, il pignoramento ...
Carta revolving
Per chi è gia familiare con l'uso delle carte di credito, la carta revolving (o carta di debito) puó rappresentare una semplice evoluzione. Solitamente, con la carta di credito (Visa, Mastercard, American Express e cosi via) tutti gli acquisti effettuati nell'arco di un mese sono addebitati in un'unica somma, il ...
Carte revolving? » Un consiglio spassionato: evitatele!
Carte revolving: l'attuale crisi economica sta comportando un netto aumento dell'utilizzo di questa tipologia di carte di credito. Ma gli istituti di credito che concedono le carte revolving applicano interessi altissimi, spesso di poco inferiori al tasso soglia usura. E' bene sempre evitarne l'uso e conoscere lo strumento. Questo per ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su disoccupato e nullatenente - debiti che non posso pagare. Clicca qui.

Stai leggendo Disoccupato e nullatenente - Debiti che non posso pagare Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 9 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Pgrey 28 maggio 2016 at 19:31

    Nel 2012 ho perso il lavoro per motivi di salute. Ho comunque continuato a pagare la rata del prestito che è di 380 euro (finanziamento per ristrutturazione effettuato nel 2010) aiutata dai miei genitori ed alcuni lavoretti saltuari.

    Ho 49 anni e trovare lavoro sembra davvero impossibile. Non riesco piu’ a pagare quella cifra non avendo nessuna entrata, ex marito che non passa nulla, figlio minore che studia.

    Essendo un rifinanziamento propostomi alla perdita del lavoro, non si puo’ piu’ abbassare la rata dicono. Hanno una cambiale di 40 mila euro in mano a garanzia del prestito. Ho una parte di casa di proprietà che a breve cederò a mio figlio. Non possiedo altro tranne un 25% di casa genitoriale ereditata.

    Cosa potrei fare? Esiste un modo per accordarsi con la finanziaria? almeno finche’ non trovero’ altro lavoro, poi sicuramente riprendero’ a pagare puntualmente.

    • Ludmilla Karadzic 29 maggio 2016 at 05:42

      La cambiale da 40 mila euro in mano al creditore rappresenta, purtroppo, un bel problema. Il creditore, potrà avviare la riscossione coattiva senza nemmeno rivolgersi al Tribunale per ottenere un decreto ingiuntivo.

      E’ vero che per un qualsiasi creditore pignorare quote di immobili di proprietà del debitore inadempiente e’ assai complicato ed ancora più difficile poi piazzarle all’asta, a meno che il giudice non disponga la vendita per l’intero.

      E’ vero che, con una cambiale da 40 mila euro non pagata dal debitore, il creditore può iscrivere ipoteca sugli immobili posseduti in quota ed e’ anche vero che alle finanziarie non piace gestire crediti a lunga scadenza garantiti da ipoteca, preferendo cederli in perdita.

      Ma, l’espropriazione e l’iscrizione ipotecaria sui beni immobili del debitore rappresentano pur sempre eventi da mettere nel conto quando si decide, oppure si e’ costretti, a non pagare più le rate di rimborso del prestito.

      Per neutralizzare un simile rischio la cosa da fare, prima che siano avviate procedure giudiziali, e’ quella di alienare i beni, possibilmente evitando donazioni o vendite fittizie (che possono essere sempre oggetto di revocazione), ma procedendo con una vendita a terzi, che non siano parenti od affini, ad un prezzo di mercato e con una transazione caratterizzata da reali passaggi di denaro.

      Un volta effettivamente spogliatosi dei beni immobili pignorabili ed espropriabili, il debitore e’ in grado di gestire la situazione, la finanziaria cederà il credito che potrà essere chiuso, quando avrà trovato lavoro, anche con una soluzione a saldo stralcio (con uno sconto cioè del 70-80% del debito in conto capitale e contestuale annullamento degli interessi moratori).

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca