Carta prepagata ricaricabile con IBAN - La nuova alternativa al conto corrente

La carta prepagata ricaricabile con IBAN è una carta prepagata nominativa, ricaricabile, riservata alle persone fisiche che abbiano raggiunto la maggiore età e che abbiano l'esigenza di effettuare le principali operazioni bancarie senza la necessità di aprire un conto corrente e senza dover sostenere alcun costo di emissione e di canone annuo.

La carta prepagata ricaricabile con IBAN è munita di un proprio codice IBAN, viene emessa e consegnata direttamente dalla Banca al Cliente, anche non titolare di un conto corrente, ha validità sino alla data indicata sulla Carta stessa e viene rinnovata alla scadenza, salvo la facoltà di recesso da parte del Cliente che può essere esercitata in ogni momento senza alcun costo.

carta prepagata ricaricabile con iban

La carta prepagata ricaricabile con IBAN quindi, permette di effettuare le principali operazioni bancarie in Italia ( operatività domestica) e all'estero quali, a titolo esemplificativo, pagamenti, prelievi di contanti, accredito dello stipendio, bonifici (in entrata e in uscita), domiciliazione RID e utenze.

La carta prepagata ricaricabile con IBAN può essere ricaricata, nel rispetto dei massimali previsti, presso le filiali della Banca emittente (ad esempio in contanti o con addebito immediato in conto corrente); di solito, anche attraverso una carta bancomat presso gli sportelli automatici Bancomat; via internet con addebito in conto mediante il servizio di home banking; con bonifico Italia grazie al codice IBAN riportato sul retro della carta.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carta prepagata ricaricabile con iban - la nuova alternativa al conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Carta prepagata ricaricabile con IBAN - La nuova alternativa al conto corrente Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 11 febbraio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria carte di credito di debito (bancomat) e carte revolving Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Ornella De Bellis 28 maggio 2012 at 14:17

    Le carte prepagate multiuso sono aumentate in modo esponenziale (più 3,5 milioni dal 2009 ad oggi) . Molto diffuse fra gli extracomunitari, sono carte solitamente gratuite per il cliente, azzerano il rischio di credito per la banca e obbligano il titolare a spendere non più di quanto ha effettivamente caricato sulla carta. Le classiche carte di credito in circolazione sono passate da 15,6 milioni a 13,6 milioni, dato che ingloba sia quelle personali che aziendali (meno 300 mila unità ). Un calo che può rispondere a diversi motivi: sia di risparmio da parte dei correntisti, sia di garanzia da parte degli istituti di credito che ritengono i propri clienti meno meritevoli di credito.

    Sono le cifre che emergono dall’ultimo bollettino sul sistema dei pagamenti in Italia, pubblicato pochi giorni fa dalla Banca d’Italia. Dettagli ulteriori sulla crisi di liquidità in corso nel Paese e sul cambiamento delle abitudini degli italiani nell’uso di sistemi di pagamento alternativi al contante.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca