Carta di credito che non è più rimborsabile e problemi relativi

Carta di credito - Prelievi che non riesco più a rimborsare

Attualmente ho una carta di credito dove ho prelevato 2500 euro all'inizio e pago circa 150 euro al mese per rimborsarglieli, anche se non ho più prelevato visto che l'ho richiesta 2 mesi fa circa.

Poi ho un vecchio finanziamento x acquisto auto dove la rata è di 200 euro al mese circa che pago da poco piu di un anno e che mi rimangono 3 anni ancora da pagare.

L'auto l'ho venduta.

Volevo chiedervi qual'è secondo voi la soluzione migliore per cercare di respirare un po di più. Purtroppo il mio è un lavoro a provvigioni, quindi non ho mai la certezza di arrivare a fine mese, visto che pago pure affitto, luce gas tasse partita iva Enasarco ecc...

Problemi carta di credito - tagliarla in due con le forbici

Il primo elemento l'ha già individuato lei, non utilizzare più la carta di credito. Io, volendo fornire un piccolissimo valore aggiunto, le suggerisco, per evitare tentazioni sempre in agguato, di tagliarla in due con le forbici.

Il titolo che lei ha dato al post non depone bene. Sembra di percepire una sua latente (o manifesta?) volontà di indebitarsi ulteriormente.

Ora, il consolidamento dei debiti con liquidità aggiuntiva, inutile illudersi, è una forma di servizio (allungamento e allargamento del debito con unico creditore) che viene erogato a caro prezzo a chi è in grado di fornire garanzie come uno stipendio da rapporto di lavoro a tempo indeterminato o ipoteche su immobili di proprietà.

Non ci sono befane e babbi natale a questo mondo. E non è neanche corretto parlare di diminuzione della rata. In questi casi non c'è mai, poichè l'allungamento del periodo di ammortamento dei precedenti debiti viene largamente compensato dalla rata (gravida di interessi quasi sempre rilevanti) derivante dalla liquidità aggiuntiva conferita al debitore.

Insomma, un sistema per indebitare ancora di più chi si trova già in difficoltà per poi pignoragli il quinto dello stipendio (vita natural durante) o la casa.

Lei è proprio fortunato, Carmelo, a non avere immobili da fornire in garanzia.

Deve solo stare in campana per il possibile pignoramento delle provvigioni e del conto corrente (pignoramento presso terzi). Ma basta cambiare spesso committente e banca e prelevare subiti le liquidità versate sul conto. Si abbattono, così, i rischi.

Tagli la carta e nel tempo libero faccia passeggiate nei boschi. Lì l'aria è salubre e si respira benissimo.

5 novembre 2012 · Lilla De Angelis


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Carta revolving
Per chi è gia familiare con l'uso delle carte di credito, la carta revolving (o carta di debito) puó rappresentare una semplice evoluzione. Solitamente, con la carta di credito (Visa, Mastercard, American Express e cosi via) tutti gli acquisti effettuati nell'arco di un mese sono addebitati in un'unica somma, il ...
Carta di credito – domande e risposte
La carta di credito è rivolta a persone maggiorenni di norma titolari o cointestatarie di un conto corrente bancario o postale. ...
La banca non è obbligata a rilasciare una carta di credito associata al conto corrente
Non può considerarsi esistente, alla luce dell'attuale disciplina generale della materia, un diritto del cliente alla concessione della carta di credito, data l'indubbia autonomia decisionale da riconoscersi alla banca in ordine alla relativa erogazione sulla base di proprie valutazioni. La valutazione della convenienza di un'operazione, quale il rilascio di una ...
Carte di credito e CAI – domande e risposte
Cosa è la Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI)? La CAI è l'archivio informatico costituito presso la Banca d'Italia nel quale confluiscono informazioni riguardanti irregolarità commesse dalla clientela nell'utilizzo degli assegni e delle carte di pagamento. In quali casi di utilizzo irregolare delle carte di pagamento si viene iscritti nella CAI? Solo ...
Pagamenti di importo inferiore a 5 euro anche con bancomat e carta di credito
I soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e di credito; tale obbligo non trova applicazione nei casi di oggettiva impossibilità tecnica. Al fine di promuovere l'effettuazione di operazioni di pagamento ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carta di credito che non è più rimborsabile e problemi relativi. Clicca qui.

Stai leggendo Carta di credito che non è più rimborsabile e problemi relativi Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 5 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca