Carta acquisti 2014 » Requisiti, beneficiari e molto di più

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali.

Indice dei contenuti dell'articolo


Carta acquisti 2014 » Requisiti, beneficiari e molto di più

Per i cittadini che ne fanno domanda e che hanno i requisiti di legge è disponibile una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas.

La carta acquisti: informazioni generiche

La Carta Acquisti vale 40 euro al mese e viene caricata ogni due mesi con 80 euro (40 euro x 2 = 80 euro) sulla base degli stanziamenti via via disponibili.

Con la Carta si possono anche avere sconti nei negozi convenzionati che sostengono il programma Carta Acquisti e si potrà accedere direttamente alla tariffa elettrica agevolata.

La Carta Acquisti viene concessa agli anziani di età superiore o uguale ai 65 anni o ai bambini di età inferiore ai tre anni (in questo caso il Titolare della Carta è il genitore) che siano in possesso di particolari requisiti.

Ma cerchiamo di entrare nel dettaglio.

I vantaggi della carta acquisti

Sulla Carta sono accreditati, a favore degli aventi diritto, 40 euro mensili con cadenza bimestrale (80 euro).

Per i beneficiari aventi diritto all'accredito ed in possesso degli ulteriori requisiti richiesti, agli 80 euro bimestrali andranno ad aggiungersi eventuali somme messe a disposizione dagli Enti territoriali di residenza.

Chi può beneficiare della carta acquisti

Possono beneficiare della Carta acquisti i cittadini di nazionalità italiana con età pari o superiore a 65 anni o bambini di età inferiore a 3 anni (in questo caso il Titolare della Carta è un esercente patria potestà).

La legge di stabilità 2014, ha esteso la titolarità del diritto, oltre che ai cittadini italiani, anche ai cittadini di Stati membri dell'Unione europea ovvero familiari di cittadini italiani o di Stati membri dell'Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero stranieri in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo» (legge numero 147/2013- articolo 1, co. 216).

La nuova modulistica e le modalità di presentazione della domanda potranno essere definiti solo dopo la pubblicazione dell'apposito decreto attuativo.

I cittadini di età pari o superiore a 65 anni, per il diritto alla Carta, dovranno avere i seguenti requisiti:

  • non godere di trattamenti, oppure godere, nell'anno di competenza del beneficio, di trattamenti, forniti a qualsiasi titolo, di importo inferiore a:
    1. euro 6.781,76 per l'anno 2014, se di età pari o superiore a 65 anni e inferiore a 70 anni;
    2. euro 9.042,34 per l'anno 2014, se di età pari o superiore a 70 anni.
  • avere un ISEE, in corso di validità, inferiore a euro 6.781,76 per l'anno 2014
  • non essere, da solo o insieme al coniuge:
    1. intestatari di più di una utenza elettrica domestica;
    2. intestatari di più di una utenza elettrica non domestica;
    3. intestatari di più di due utenze del gas;
    4. proprietari di più di due autoveicoli;
    5. proprietari, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    6. proprietari, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili che non siano ad uso abitativo o di categoria catastale C7;
    7. titolari di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a euro 15.000:
  • non fruisca di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di cura di lunga degenza o detenuto in istituto di pena.

I bambini di età inferiore a 3 anni dovranno:

  • avere un ISEE, in corso di validità, inferiore a euro 6.781,76 per l’anno 2014;
  • non essere, insieme agli esercenti la potestà o ai soggetti affidatari:
    1. intestatari di più di una utenza elettrica domestica;
    2. intestatari di più di una utenza elettrica non domestica;
    3. intestatari di più di due utenze del gas;
    4. proprietari di più di due autoveicoli;
    5. proprietari, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    6. proprietari, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili che non sono ad uso abitativo o di categoria catastale C7;
  • titolari di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a euro 15.000

La domanda per ottenere la carta acquisti

La domanda deve essere presentata presso un Ufficio Postale utilizzando i moduli, di seguito riportati e disponibili anche sul sito di Poste Italiane:

  • dai cittadini con età pari o superiore a 65 anni: modulo domanda per ultrasessantacinquenni
  • dai tutori, dagli esercenti la patria potestà o dai soggetti affidatari: modulo domanda per minori di 3 anni

Nella domanda, l’interessato deve dichiarare, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso di tutti i requisiti previsti dalla legge.

L’Ufficio postale trasmetterà in via telematica all'Inps la domanda per le necessarie verifiche.

In caso di esito positivo delle verifiche, Poste, con opportuna comunicazione, inviterà il titolare a recarsi presso un Ufficio Postale per ritirare la carta, su cui sarà già stato accreditato l'importo relativo al bimestre di presentazione della domanda.

In caso di mancata accettazione della domanda, INPS invierà opportuna comunicazione ai richiedenti. Nella lettera di reiezione saranno indicate le motivazioni dell'esito negativo.

Il beneficiario della carta (in caso di ultrasessantacinquenne) o il titolare (in caso di beneficiario minore) ha l’opportunità di modificare le informazioni relative alla residenza (ovvero le informazioni contenute nel quadro 5 della domanda) e di chiedere che la carta venga intestata ad altro soggetto, utilizzando i moduli appositamente predisposti.

I moduli di variazione dati devono essere presentati alla Sede INPS competente per territorio.

31 Marzo 2014 · Gennaro Andele