Canoni di locazione » Affitto dovuto fino a riconsegna delle chiavi

Il conduttore deve continuare a pagare l’affitto finché non riconsegna le chiavi dell’immobile: non importa se ha smesso smesso di viverci da diverso tempo perché, ad esempio, è crollato il soffitto.

Non è consentito, infatti, al conduttore astenersi dal versare il canone, ovvero ridurlo unilateralmente, nel caso in cui si verifichi una riduzione o una diminuzione nel godimento del bene, e ciò anche quando si assume che l’evento sia ricollegabile a fatto del locatore.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Cassazione con sentenza 4563/14.

Affitto dovuto fino alla riconsegna delle chiavi dell’immobile

Il conduttore dell’immobile deve pagare il canone d’affitto al locatore fino al giorno in cui non gli ha riconsegnato le chiavi. E ciò anche se egli ha già abbandonato l’appartamento da tempo a causa del collasso dell’edificio e gliene ha dato previa comunicazione per telefono, verbalmente o per lettera.

Sebbene sia evidente che, di fronte a un immobile divenuto ormai inutilizzabile per l’inquilino, è impossibile pensare che lo stesso vi continui ad abitare, in realtà la Suprema Corte ritiene da tempo che il conduttore non può esimersi dal pagare, o decidere di autoridursi, il canone d’affitto qualora si verifichi una riduzione o una diminuzione nel godimento del bene, e ciò anche se l’evento pregiudizievole sia riconducibile al fatto del locatore.

Gli Ermellini ritengono, difatti, che il canone di locazione va corrisposto fintanto non si riconsegnano le chiavi dell’immobile e si comunichi il trasferimento in altra residenza.

5 Marzo 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Mancato preavviso di rilascio dell'immobile locato da parte del conduttore - La consegna delle chiavi al locatore non salva dal pagamento del corrispettivo
La funzione a cui risponde il preavviso del rilascio dell'immobile locato da parte del conduttore è quella di concedere al locatore il lasso di tempo presumibilmente necessario per reperire altro conduttore, senza perdere il diritto al compenso per l'uso dei locali; così come la funzione del preavviso dovuto dal locatore è quella di permettere al conduttore di usufruire del tempo ragionevolmente necessario per reperire altra abitazione. Pertanto, se il conduttore non mantiene il godimento dell'immobile per l'intera durata del preavviso, come avrebbe il diritto di fare, ciò è frutto di una sua libera scelta; scelta che non gli consente di ...

Canone di locazione - Va sempre versato anche nel caso in cui si verifichi una riduzione o una diminuzione nel godimento del bene locato
Non é rinvenibile. nel nostro ordinamento, un potere di autotutela del credito da parte del conduttore che, a fronte dell'inadempimento del locatore, decida di non corrispondere i canoni dovuti. In altri termini, al conduttore non é consentito di astenersi dal versare il canone, ovvero di ridurlo unilateralmente, nel caso in cui si verifichi una riduzione o una diminuzione nel godimento del bene, e ciò anche quando si assume che tale evento sia ricollegabile al fatto del locatore. La sospensione totale o parziale dell'adempimento dell'obbligazione del conduttore é, difatti, legittima soltanto qualora venga completamente a mancare la controprestazione da parte del ...

Risoluzione del contratto di locazione per inadempienza del conduttore - Il locatore ha diritto anche al risarcimento dei danni
Il danno da mancata riscossione dei canoni futuri per il locatore è compatibile con la richiesta di risoluzione del contratto ed è conseguenza immediata e diretta dell'inadempimento del conduttore che ha dato luogo alla risoluzione. Infatti, il codice civile (articolo 1453) stabilisce che la parte possa chiedere, a sua scelta, o l'adempimento o la risoluzione per inadempimento, salvo in ogni caso il suo diritto a richiedere anche il risarcimento del danno. Pertanto, la parte adempiente, che chiede la risoluzione del contratto per inadempimento della controparte, ha diritto al risarcimento dei danni, e fra i danni risarcibili, vi è ricompreso anche ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su canoni di locazione » affitto dovuto fino a riconsegna delle chiavi. Clicca qui.

Stai leggendo Canoni di locazione » Affitto dovuto fino a riconsegna delle chiavi Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 5 Marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)