Canone Rai in bolletta elettrica » Quando quanto come e perché (non) pagarlo

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

A partire dal 2016, come già accennato in questo blog, il canone rai sarà pagato direttamente con la bolletta della luce: dunque, a pochi mesi dall'attuazione, come funzionerà la procedura? E soprattutto, quanto ci costerà? Sarà possibile non pagarlo? In quali casi? Scopriamolo nel prosieguo dell'intervento.

Il nuovo sistema di pagamento del canone Rai, che dal prossimo anno 2016 arriverà direttamente nella bolletta elettrica, è un argomento che continua a tenere banco nel dibattito politico italiano.

L'importo che si pagherà, tuttavia, non ha nulla a che fare con l'effettiva visualizzazione delle reti Rai, bensì con il semplice possesso di un apparecchio televisivo (poco importa se funzionante o meno).

Ecco perché l'obbligo di pagare il canone Rai non è altro che l'obbligo di pagare una delle tante imposte presenti nel sistema tributario italiano: si paga se si ha una tv così come si paga l'imposta sugli immobili se si possiede una casa o un terreno.

Ma come andrà corrisposta questa imposta?

Sarà possibile aggirarla?

Vediamolo.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su canone rai in bolletta elettrica » quando quanto come e perché (non) pagarlo. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca