Le altre novità in merito ai contratti di locazione




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


Infine, scopriamo le altre novità che vanno ad aggiornare la normativa in merito ai contratti di locazione o affitto.

Registrazione e comunicazione all’amministratore

Con il decreto, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 16 marzo, arrivano anche i nuovi testi dei contratti.

La prima novità è il richiamo alla possibilità di optare per la cedolare secca.

Viene poi previsto un obbligo in più per i proprietari. Il locatore, infatti, da ora in poi è tenuto dare comunicazione della registrazione non solo al conduttore ma anche all’amministratore di condominio.

Oltre a informarlo sui dati dell’inquilino, quindi, dovrà comunicare anche i riferimenti della registrazione.

Non è prevista, invece, la consegna all’amministratore di una copia del contratto.

Contratti transitori sempre agevolati

Per quel che riguarda invece i contratti transitori, quando l’accordo territoriale non c’è, il decreto chiarisce che è possibile fare riferimento a quello di un comune vicino che abbia all’incirca la stessa popolazione.

In questo modo sarà possibile usufruire della cedolare con aliquota al 10% anche prima della stipula dei nuovi accordi. Sono esclusi da questa possibilità solo i contratti per uso turistico, per i quali la cedolare è applicabile ma solo con l’aliquota ordinaria.

Cedolare al 10% anche per i dottorandi

Il decreto consente poi di ottenere l’aliquota ridotta anche per chi affitta l’appartamento a dottorandi o iscritti a master.

Cambia infatti la dicitura nei contratti che in precedenza consentiva di avere lo sconto fiscale solo in caso di studenti fuori sede iscritti a corsi di laurea.

Nel nuovo testo, invece, oltre ai corsi di laurea entrano anche i corsi di formazione post laurea – quali master, dottorati, specializzazioni o perfezionamenti.

Diventa quindi più vantaggioso per i proprietari stipulare anche questo tipo di contratti.

Conciliazione sprint se qualcosa non funziona

Infine il decreto apre alla possibilità di risolvere in tempi rapidi eventuali controversie tra proprietari e inquilini in riferimento al contratto.

Sarà sufficiente per questo rivolgersi alle associazioni di categorie e chiedere che venga attivata una commissione di conciliazione con i rappresentati di categoria della controparte. La commissione dovrà trovare una soluzione entro 60 giorni dalla presentazione del caso.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


21 Aprile 2017 · Andrea Ricciardi




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le altre novità in merito ai contratti di locazione. Clicca qui.

Stai leggendo Le altre novità in merito ai contratti di locazione Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 21 Aprile 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)