Cancellazione protesto cambiali per pagamento entro 12 mesi dal protesto in assenza di originali - Smarrimento o distruzione del titolo

Qualora il debitore non sia in possesso del “titolo” a causa di smarrimento o distruzione dello stesso, trascorso un anno dalla levata del protesto, potrà inoltrare al Tribunale la richiesta di riabilitazione.

Modulo (facsimile) di istanza di riabilitazione da presentare al Tribunale

 istanza di riabilitazione da presentare al tribunale competente nel territorio dove è stata effetuata la levata del protesto

Il Tribunale provvede con decreto di riabilitazione.

La cancelleria del Tribunale o l'interessato inviano il decreto all'Ufficio Protesti. Quest’ultimo provvederà, trascorsi i 10 giorni dalla pubblicazione del decreto medesimo nel Registro Informatico dei Protesti, a dare notizia all'interessato, che, a questo punto, potrà presentare domanda di cancellazione.

Sulla domanda decide, con determinazione, il dirigente responsabile dell'Ufficio Protesti entro 20 giorni dal deposito dell'istanza.

L'Ufficio Protesti provvede alla cancellazione del nominativo entro 5 giorni dalla data del provvedimento dirigenziale (articolo 2, numero 3 L.18 agosto 2000, numero 235).

Modulo (facsimile) di domanda

richiesta di cancellazione dal registo informatico dei protesti per riabilitazione da presentare al presidente della camera di commercio industria attività artigianali

(1) La firma può essere apposta direttamente in presenza dell'addetto all'ufficio competente a ricevere le domande, ovvero quando quest’ultima non viene depositata direttamente dall'interessato, è sufficiente allegare una fotocopia di un documento d'identità del medesimo.

(2) Il versamento può essere effettuato direttamente in contanti presso l'Ufficio Protesti o con bollettino postale CCP numero 351502 intestato alla Camera di Commercio causale “6060”.

La presente richiesta, con i prescritti allegati, può essere inviata anche a mezzo posta e corredata dalla fotocopia di un documento in corso di validità dell'interessato.

Per fare una domanda sul protesto, sulle restrizioni del credito per i soggetti protestati, sulle procedure di cancellazione del protesto, sul Pubblico Registro dei Protesti  e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

20 luglio 2013 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • karalis 22 agosto 2008 at 10:46

    david 21 agosto 2008 at 17:25
    ti rinrazio molto per il tuo interessamento aspetto tue notizie domani cordiali saluti david

    Allora. alla camera di commercio di Bologna confermano di non prevedere un certificato di deposito vincolato a favore del creditore.

    Ma, la cosa più importante è questa: non è previsto un simile mezzo di pagamento semplicemente perchè non hanno mai contemplato il verificarsi di una fattispecie come la tua, dove il creditore mette in pratica un comportamento evidentemente ricattatorio e ritorsivo nei confronti del debitore. Cosa che non è assolutamente corretta e consentita.

    Ora, il tuo creditore avrà anche studiato bene la questione.

    Egli conta su un fatto: e cioè che non avvierai una azione giudiziaria.

    Al tuo posto invece contatterei immediatamente un legale per presentare un’istanza d’urgenza ex-art. 700, citando il creditore e chiedendo una ingiunzione perchè accetti entro i termini di scadenza (settembre) il pagamento della tua obbligazione.

    Il tuo creditore gioca sporco, ma rischia anche molto.

    Un buon legale può ottenere un risarcimento a tuo favore di migliaia di euro, in virtù del fatto che la condotta posta in essere dal creditore espone la tua azienda a danni ingenti conseguenti alla permanenza del tuo nominativo nel bollettino dei potesti per i cinque anni prescritti.

    Questa è anche quanto consiglia il legale di BOCAMCOM, con la quale ho interloquito telefonicamente.

    In bocca al lupo …

  • karalis 21 agosto 2008 at 16:44

    quello che volevo sapere la camera di commercio di bologna può rifiutare il certificato di deposito ?
    e cmq le cambiali sono già protestate e la scadenza dei 12 mesi è a metà settmbre come posso fare?

    Ogni Camera di Commercio fa un pò come gli pare. Del resto questa è l’Italia dei Comuni, dove nel paese X tre persone non possono stare sedute sulla stessa panchina dopo le 20, nel paese Y non puoi bere dalla cannuccia ed in quello Z rischi 250 euro di multa se sei scortese.

    Ciò detto ho verificato. A Bologna non accettano certificati di deposito. A me sembra una cosa da matti.

    Ho chiesto come si può fare in alternativa. Mi faranno sapere domani.

    Certo il tuo creditore conosceva bene la procedura in vigore a Bologna. Preferisce non prendere soldi pur di tenerti cinque anni nel purgatorio dell’elenco dei protestati. Deve odiarti molto.

    Comunque consentire una situazione simile è giuridicamente aberrante. Se domani non mi forniscono indicazioni utili devi per forza affidarti ad un avvocato che con procedura d’urgenza chieda al giudice una intimazione al creditore.

    La legge prevede che prima del protesto un creditore non accetti pagamenti parziali, o non accetti, anche il pagamento totale, prima della scadenza.

    Ma è un diritto del debitore, sancito sempre dalla legge, quello di poter soddisfare una obbligazione.

  • karalis 21 agosto 2008 at 11:57

    david 21 agosto 2008 at 10:34
    perchè è una testa di caz… preferisce non prendere i soldi e lasciarmi rovinato purtroppoal mondo ci sono persone veramente orrende

    Il tuo creditore può rifiutare, per legge, il pagamento della cambiale prima della scadenza.

    L’importante è che alla scadenza tu sia reperibile all’indirizzo che sulla cambiale è indicato per il pagamento.

    Certo ti sta facendo un dispetto, ma altro non c’è da fare…

  • karalis 20 agosto 2008 at 19:03

    david 20 agosto 2008 at 15:42
    salve ho un grande problema da risolvere spero in voi;
    ho 4 cambiali da 300 euro da pagare e vorrei pagarle ma il creditore non ne vuole sapere di farmi saldae il mio debito come posso fare…
    havevo pensato al “certificato di deposito” in banca ma la camera di commercio di bologna non accetta tale soluzionecome posso fare è possibile che la camera di commercio di bologna si rifiuti di accettare tale soluzione ? grazie mille

    Mi spieghi il motivo per cui il tuo creditore non vuole che sia saldato il debito?

  • karalis 16 agosto 2008 at 08:24

    paolo 15 agosto 2008 at 21:18
    Ho un grande problema che spero voi esperti mi potete aiutare!tempo fà ho pagato delle cambiali,è adesso ho smarrito le copie!come posso fare ad ottenere dei duplicati?,mi occorrono per la cancellazione protesti!.

    Credo tu abbia letto:
    “Smarrimento o distruzione del titolo – Qualora il debitore non sia in possesso del “titolo” a causa di smarrimento o distruzione dello stesso, trascorso un anno dalla levata del protesto, potrà inoltrare al Tribunale la richiesta di riabilitazione”.

    Purtroppo non c’è altro da fare. Deve passare un anno dalla levata del protesto.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca