La domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere inoltrata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente

La domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere presentata anche dai pubblici ufficiali abilitati alla levata dei protesti e dagli istituti di credito.

La richiesta di cancellazione per erroneità si riferisce solitamente ad errori materiali o disguidi tecnici della più diversa natura, relativi al procedimento di protesto da parte dell'ufficiale levatore, del presentatore autorizzato o dell'istituto di credito trattario.

Per quanto riguarda la prova dell'errore, è sufficiente allegare alla domanda di cancellazione una semplice dichiarazione dell'ufficiale levatore o del funzionario dell'istituto di credito, che esplicita l'errore commesso.

La richiesta di cancellazione per illegittimità riguarda tutti i casi in cui la levata del protesto non è conforme alla legge. A titolo esemplificativo, ma non esaustivo, si indicano le tipologie dei casi più frequenti:

  • la levata del protesto avvenuta oltre i termini di legge;
  • la richiesta di pagamento eseguita in luogo diverso da quello indicato nel titolo;
  • la levata del protesto senza l'indicazione obbligatoria dei dati anagrafici (l'obbligatorietà riguarda solo le cambiali, le tratte ed i pagherò, emessi successivamente al 29 dicembre 2002, legge 29.12.2002, numero 273).

Tra i casi più complessi, si ricordano, sempre a titolo esemplificativo, quelli di illegittimità per falsità della firma, furto o smarrimento del titolo.

Segue il facisimile dell richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto (foglio 1)
richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto - foglio 1

E, quindi, il facsimile della richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto (foglio 2)
richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto - foglio 2

(1) La firma può essere apposta direttamente in presenza dell'addetto all'ufficio competente a ricevere le domande, ovvero quando quest’ultima non viene depositata direttamente dall'interessato, è sufficiente allegare una fotocopia di un documento d'identità del medesimo.

(2) Il versamento può essere effettuato direttamente in contanti presso l'Ufficio Protesti o con bollettino postale CCP numero 351502 intestato alla Camera di Commercio causale “6060”.

La presente richiesta, con i prescritti allegati, può essere inviata anche a mezzo posta e corredata dalla fotocopia di un documento in corso di validità dell'interessato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere inoltrata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente. Clicca qui.

Stai leggendo La domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere inoltrata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 15 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria cambiali - cancellazione protesto e riabilitazione Inserito nella sezione protesti e protestati del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca