La domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere inoltrata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente

La domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere presentata anche dai pubblici ufficiali abilitati alla levata dei protesti e dagli istituti di credito.

La richiesta di cancellazione per erroneità si riferisce solitamente ad errori materiali o disguidi tecnici della più diversa natura, relativi al procedimento di protesto da parte dell'ufficiale levatore, del presentatore autorizzato o dell'istituto di credito trattario.

Per quanto riguarda la prova dell'errore, è sufficiente allegare alla domanda di cancellazione una semplice dichiarazione dell'ufficiale levatore o del funzionario dell'istituto di credito, che esplicita l'errore commesso.

La richiesta di cancellazione per illegittimità riguarda tutti i casi in cui la levata del protesto non è conforme alla legge. A titolo esemplificativo, ma non esaustivo, si indicano le tipologie dei casi più frequenti:

  • la levata del protesto avvenuta oltre i termini di legge;
  • la richiesta di pagamento eseguita in luogo diverso da quello indicato nel titolo;
  • la levata del protesto senza l'indicazione obbligatoria dei dati anagrafici (l'obbligatorietà riguarda solo le cambiali, le tratte ed i pagherò, emessi successivamente al 29 dicembre 2002, legge 29.12.2002, numero 273).

Tra i casi più complessi, si ricordano, sempre a titolo esemplificativo, quelli di illegittimità per falsità della firma, furto o smarrimento del titolo.

Segue il facisimile dell richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto (foglio 1)
richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto - foglio 1

E, quindi, il facsimile della richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto (foglio 2)
richiesta di cancellazione dal registro informatico per levata illegittima o erronea del protesto - foglio 2

(1) La firma può essere apposta direttamente in presenza dell'addetto all'ufficio competente a ricevere le domande, ovvero quando quest’ultima non viene depositata direttamente dall'interessato, è sufficiente allegare una fotocopia di un documento d'identità del medesimo.

(2) Il versamento può essere effettuato direttamente in contanti presso l'Ufficio Protesti o con bollettino postale CCP numero 351502 intestato alla Camera di Commercio causale “6060”.

La presente richiesta, con i prescritti allegati, può essere inviata anche a mezzo posta e corredata dalla fotocopia di un documento in corso di validità dell'interessato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere inoltrata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente. Clicca qui.

Stai leggendo La domanda di cancellazione del protesto cambiali può essere inoltrata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 15 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria cambiali - cancellazione protesto e riabilitazione Inserito nella sezione protesti e protestati del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • franco lucchini 11 febbraio 2010 at 18:45

    soni mprenditore di seconda generazione fin dal 1932. Mia una macchia commerciale a caricoi della mia famiglia. Sono finito sul bollettino dei protesti per varie cambiali emesse dai un mio omonimo Franco Lucchini abitante perrò a Desio in Via ponticelli n 3 mentre io sono residente a Varese Via crispi 50m solo che il delinquente ha messo il mIO CODICE FISCALE QUINDI IL PROITESTO è ARRIVATO SUL MIO NOMINATIVO, vORREIS APERE SE POSSO RIVALERMI SU QUALCUNO ESCLUDENDO IL MIO OMONIMO PERCHE’ SICURAMENTE E’ SENZA UN SOLDO. Vorrei sapere se può esser responsabile di non aver rilevato l’inesattezza del titolo o IL cREDITORE A CUI è STATA CONSEGNATA LA CAMBIALE, O LA BANCA CHE L’HA RESTITUITA all’ufficiale giudiziari dichiarando ” non abbiamo ricevuto disposizioni” o l’ufficiale giudiziare ed eventualmente il notaio che non ha rilevato l’nesattezza del titolo. Grazie anticipate per qualunque votra risposta

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca