Cancellazione protesto assegni per erronea o illegittima levata del protesto

La domanda di cancellazione può essere inoltrata da chiunque dimostri di essere stato protestato illegittimamente o erroneamente.

La domanda può essere presentata anche dai pubblici ufficiali abilitati alla levata dei protesti e dagli istituti di credito.

La richiesta di cancellazione per erronea levata del protesto  si riferisce solitamente ad errori materiali o disguidi tecnici della più diversa natura, relativi al procedimento di protesto da parte dell'ufficiale levatore, del presentatore autorizzato o dell'istituto di credito trattario.

Per quanto riguarda la prova dell'errore, è sufficiente allegare alla domanda di cancellazione una semplice dichiarazione dell'ufficiale levatore o del funzionario dell'istituto di credito, che esplicita l'errore commesso.

La richiesta di cancellazione per illegittima  levata del protesto riguarda tutti i casi in cui la levata del protesto non è conforme alla legge. A titolo esemplificativo, ma non esaustivo, si indicano le tipologie dei casi più frequenti:

  • la levata del protesto avvenuta oltre i termini di legge;
  • la richiesta di pagamento eseguita in luogo diverso da quello indicato nel titolo;
  • la levata del protesto senza l'indicazione obbligatoria dei dati anagrafici (l'obbligatorietà riguarda solo gli assegni emessi successivamente al 29 dicembre 2002, legge 29.12.2002, numero 273).

Tra i casi più complessi, si ricordano, sempre a titolo esemplificativo, quelli di illegittimità per falsità della firma, furto o smarrimento dell'assegno.

Modulo (facsimile) di domanda

richiesta di cancellazione dal registro informatico dei protesti per illegittima o erronea levata del protesto - foglio 1

richiesta di cancellazione dal registro informatico dei protesti per illegittima o erronea levata del protesto - foglio 2

(1) La firma può essere apposta direttamente in presenza dell'addetto all'ufficio competente a ricevere le domande, ovvero quando quest’ultima non viene depositata direttamente dall'interessato, è sufficiente allegare una fotocopia di un documento d'identità del medesimo.

(2) Il versamento può essere effettuato direttamente in contanti presso l'Ufficio Protesti o con bollettino postale CCP numero 351502 intestato alla Camera di Commercio causale “6060”.

La presente richiesta, con i prescritti allegati, può essere inviata anche a mezzo posta e corredata dalla fotocopia di un documento in corso di validità dell'interessato.

Istruzioni per la presentazione dell'istanza di cancellazione per erronea/illegittima levata

Il modulo deve essere compilato in ogni sua parte (anche sul retro) dal direttore di filiale o da chi ne fa le veci, dall'ufficiale levatore, nonché da chiunque dimostri di aver subìto sul proprio nominativo levata illegittima o erronea del protesto

Il modulo deve essere corredato da:

  • una marca da bollo da € 14,62 (fino ad un massimo di 12 effetti);
  • fotocopia del documento in corso di validità del richiedente;
  • fotocopia dell'effetto e dell'atto di protesto (qualora se ne sia in possesso);
  • memoria integrativa giustificativa della richiesta di cancellazione per illegittimità o erroneità del protesto (qualora si tratti di ufficiale levatore o istituto di credito, è opportuno l'utilizzo di carta intestata). ATTENZIONE la firma deve essere leggibile;
  • € 8,00 per ogni effetto di cui si richiede la cancellazione versati in contanti o con bollettino di ccp numero 351502 (intestato alla camera di commercio - ufficio protesti - specificando la causale: 6060);
  • ulteriore marca da bollo da € 1,81 qualora l'importo dei diritti di segreteria sia pari o superiore a € 77,47.

La domanda deve essere inoltrata all'ufficio Protesti della Camera di Commercio, competente per territorio, cioè alla Camera di Commercio del luogo di levata del protesto.

Per fare una domanda sulla cancellazione del protesto per erronea o illegittima levata del protesto, sul protesto, sulle restrizioni di accesso al credito per i soggetti protestati, sulle procedure di cancellazione del protesto, sul Pubblico Registro dei Protesti  e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

17 agosto 2013 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cancellazione protesto assegni per erronea o illegittima levata del protesto. Clicca qui.

Stai leggendo Cancellazione protesto assegni per erronea o illegittima levata del protesto Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 17 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegni - cancellazione protesto e riabilitazione Inserito nella sezione protesti e protestati del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • karalis 6 ottobre 2008 at 12:07

    ho subito 2 protesti per difetto di provvista. ho pagato le spese di protesto, mi hanno rilasciato quietanza liberatoria. vorrei chiedere la riabilitazione ma non gli originali degli assegni e delle quietanze. il notaio mi ha riferito che la banca dovrebbe averne in possesso. a me risulta invece che la banca dovrebbe avere solo gli assegni in originale ma non anche le quietanze.
    DOMANDE:
    1)dove sono le quietanze liberatorie in originale?
    2)come e dove posso richiedere copie conformi all’originale?
    grato di una tempestiva risposta, vi saluto, grazie.

    Commento di marco | Lunedì, 6 Ottobre 2008

    Gli originali li hai tu o la banca.
    Sei sicuro che gli assegni in possesso della banca non siano già quietanzati?

    Sarà il caso di scrivere un articolo per raccomandare ai protestati di produrre copie conformi all’originale per assegni e quietanze, conservando almeno un paio di copie per ciascun documento.

  • karalis 7 settembre 2008 at 15:00

    NEL 2005 HO SUBITO 5 PROTESTI (DOPO IL PRIMO ANCHE SE NEL CONTO C’ERA LA DISPONIBILITA’ GLI ALTRI CI SONO ANDATI IN AUTOMATICO). HO PRESENTATO DOPO UN ANNO ISTANZA AL TRIBUNALE PER LA RIABILITAZIONE,CHE MI è STAT RIFIUTATA PERCHE’ MANCAVANO GLI ASSEGNI IN ORIGINALE.
    IO AVEVO PRODOTTO 5 ASSEGNI IN COPIA CONFORME ALL’ORIGINALE E 5 QUIETANZE.
    HO CHIESTO ALLA BANCA ED AL NOTAIO E NESSUNO SA DIRMI DOVE SONO FINITI GLI ASSEGNI!!!!
    QUALCUNO SA DIRMI SE è CORRETTO CHE IL TRIBUNALE ABBIA RIGETTATO LA PRATICA?
    E SE è CORRETTO CHI PER LEGGE DOVREBBE AVERE I MIEI ASSEGNI ORIGINALI?
    GRAZIE

    Devi chiedere alla cancelleria del tribunale qual è la procedura per la riabilitazione in assenza di originali.

    Purtroppo non esiste una procedura unica, ed ogni tribunale se la canta e se la suona come meglio crede.

    Può darsi che non accettino copia conformi quietanzate ma esigano l’apertura di depositi vincolati a ciascun beneficiario dell’assegno protestato. Nel qual caso devi accordarti con i beneficiari in modo che ti restituiscano i soldi dopo aver effettuato i depositi vincolati.

    Come può essere che si accontentino di una liberatoria di ciascuno dei beneficiari autenticata dal notaio.

    In ogni caso, devi informarti.

  • karalis 3 settembre 2008 at 21:45

    Ho subito potesti per alcuni assegni che mi sono stati estorti da un truffatore, attualmente in prigione per reiterazione del reato. Avevo presentato denunzia e contemporneamente informato le Poste per quanro riguarda gli assegni, nonostante tutto non ho avuta nessuna risposta nè dalla poste nè dal CAI. Attualmente risultano i protesti in carico e il debitore che mi ha pignorato il quinto dello stipendio, in quanto nel frattempo ha avuto un contratto a tempo determinato da una ASL (sono un medico). Posso avere una soluzione, in quanto nel frattempo non posso avere prestiti, che mi sono necessari per pagare tasse a debiti che al momento non posso coprire?

    Commento di Marcello | Mercoledì, 3 Settembre 2008

    Per il CAI, dopo sei mesi dalla presentazione all’incasso di assegni non coperti, c’è la cancellazione automatica.

    Il problema è il protesto. Devono passare cinque anni. E non basta la denuncia di parte per rendere illegittima o erronea la levata del protesto.

    Occorre una sentenza almeno in primo grado sui fatti specifici che la vedono coinvolta. E dunque, in conclusione, si fa prima ad attendere che passino i cinque anni.

    Se la vicenda che l’ha vista costretta ad emettere gli assegni, poi risultati scoperti, può essere in qualche modo collegabile all’usura, potrebbe essere tentata la richiesta di accesso ai fondi antiusura.

  • karalis 25 giugno 2008 at 22:01

    MI HANNO PROTESTATO ILLEGITTIMAMENTE UN ASSEGNO POSTALE LUOGO DI EMISSIONE TARANTO ,E PROTESTATO LUOGO MILANO , LA FIRMA APOCRIFA ,POSSO CHIEDERE LA CANCELLAZIONE ALL’UFFICIO PROTESTI?

    Ovviamente, hai sporto denuncia per il carnet rubato o smarrito … oppure la banca non ha pagato perchè non ha riconosciuto la firma …..

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca