Cambializzazione dei debiti - Quando il debitore non può far fronte al piano di rientro a saldo e stralcio che ha sottoscritto, cosa ne fate delle cambiali?

Lavoro nel campo del recupero crediti, per mia esperienza posso dirti che difficilmente le cambiali vengono bancate.  Più che altro vengono considerate come un impegno per il debitore.
Normalmente quando si tratta di assegni postdatati o cambiali vengono tenute in cassaforte e se ci sono dei problemi, ad esempio uno slittamento di un paio di giorni(naturalmente se ci accorgiamo che il debitore è in buona fede)evitiamo di bancare gli assegni (fa anche questo parte degli accordi). Mi spiace molto constatare che il funzionario del recupero crediti venga considerato alla stregua di un estorsore.

Arianna, una recuperatrice

Bella risposta. Ma devi concludere però.

Avete un contratto rientro a saldo e stralcio (che fra l'altro è una novazione). A cosa vi serve la cambializzazione del debito?

Quando il debitore non può far fronte al piano di rientro a saldo e stralcio che ha sottoscritto, cosa ne fate delle cambiali?

Non lo precettate per aggredire eventuali beni mobili (stipendio, pensione) o immobili (casa)?

Non mi dirai che su quelle cambiali poi ci prendete appunti, vero?

Qui il problema non è tanto la cambializzazione del debito. Si tratta di una operazione lecita (meno lecita è invece la raccolta di assegni postdatati che è un'altra pratica molto diffusa fra le sdr).

La pratica scorretta consiste nel fatto che i debitori andrebbero avvertiti del rischio cui vanno incontro, dal momento che, comunque, quelle cambiali firmate rappresentano un salto di qualità (azione esecutiva con solo precetto, senza alcuna necessità di richiedere un decreto ingiuntivo) nella possibilità di procedere nel recupero del credito tramite pignoramento.

Cosa che quasi nessuno fa!! E questo non è un dettaglio!!!

4 novembre 2008 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cambializzazione dei debiti – accettarla significa preparare il cappio al boia
All'accordo transattivo si aggiunge, non di rado, un piano di rientro del debito basato su una rimodulazione degli importi e delle scadenze convenute nel contratto originario. Si tratta, in pratica, di un piano di rateazione tipico di una operazione di consolidamento dell'esposizione debitoria: rate di importo più contenuto a fronte ...
Accordo a saldo stralcio in caso di leasing
Il leasing è la tipologia di credito con la quale è più difficoltoso arrivare a transare un saldo e stralcio, in quanto la società erogante ha il coltello dalla parte del manico, costituito dalla possibilità di recuperare il bene velocemente - e se il debitore rifiuta di riconsegnarlo c'è la ...
Debiti e recupero crediti – cose che succedono quando non si seguono le procedure consigliate
Innanzitutto deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico con cui sta perfezionando il concordato. ...
Cambiali ed assegni post datati - nelle mani delle società di recupero crediti nuocciono gravemente alla salute del debitore!
Sono protestata da quasi un anno e mezzo e non sono riuscita ancora a saldare il mio debito. Dopo lettere intimidatorie da parte delle societa recupero crediti, visite di procuratori ed agenti esattoriali, ufficiali giudiziari, sono ancora col dubbio di quanto possa ancora resistere all'avviso di un pignoramento e quanto ...
Come rispondere alle ingiunzioni delle società di recupero crediti
Premesso che è buona norma non intrattenere rapporti telefonici con le società di recupero crediti e con i loro agenti esattoriali, di seguito si illustra come interagire correttamente con chi notifica (raccomandata AR) un'ingiunzione di pagamento, intimandoci di provvedere al saldo del dovuto. Va preparata, in sostanza, una risposta da ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cambializzazione dei debiti - quando il debitore non può far fronte al piano di rientro a saldo e stralcio che ha sottoscritto, cosa ne fate delle cambiali?. Clicca qui.

Stai leggendo Cambializzazione dei debiti - Quando il debitore non può far fronte al piano di rientro a saldo e stralcio che ha sottoscritto, cosa ne fate delle cambiali? Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 4 novembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • giuseppe 28 agosto 2009 at 01:42

    senti un po’ perche’ non firmare delle cambiali ?
    hai utilizzato dei soldi che non erano tuoi in momenti che ti servivano , nessuno ti avrebbe dato un euro , perche non ripagare chi ti aiuta i debiti si pagano e visto che non hodel contante e giusto che mi impegni a pagare se no mi pignorino pure l’auto altrimenti siamo persone senza nessuna dignita’ bisogna fare dei sacrifici e spesso privarsi di alcune cose…………….. non è giusto che tu dica non firmate cambiali no ass tu sei una di quelle che non vuole pagare chi ti aiutato in momenti difficili.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca