L'azione esecutiva del beneficiario nei confronti di chi emette la cambiale può essere esercitata entro tre anni dalla data della scadenza

Le azioni cambiarie dirette si prescrivono in tre anni a decorrere dalla data della scadenza di ciascuna cambiale.

Servendosi delle cambiali come titolo esecutivo il creditore può avviare azione esecutiva nei confronti del debitore. Nel caso specifico il creditore può ottenere il pignoramento di un quinto dello stipendio.

15 ottobre 2012 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca