Cambiali e protesti - In presenza di protesti le banche non consentono l'apertura di alcun rapporto bancario




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



In presenza di protesti le banche, di norma non consentono l’apertura di alcun rapporto bancario e in particolare del conto corrente. L’unica alternativa possibile sembra essere quella prevista dal progetto PattiChiari che consente, per le persone che abbiano avuto problemi finanziari, la possibilità di aprire il cosìdetto “servizio di base”.

Il servizio di base è sostanzialmente un conto corrente limitato che consente l’accredito dello stipendio, bonifici, il pagamento delle utenze, il rilascio di carta prepagata, ma non consente lo scoperto di conto il rilascio del libretto di assegno o della carta di credito. Il costo per il consumatore è contenuto 2-5 euro al mese.

Il servizio di base è offerto dalle principale banche. Può rivolgersi alle associazioni dei consumatori che stanno collaborando per sviluppare sia il servizio di base sia altre iniziative previste da PattiChiari.

Circa il protesto cambiario si fa presente che con una modifica legislativa è stata introdotta la possibilità di pagare l’ammontare dovuto entro un anno rispetto ai sessanta giorni precedenti, con la possibilità di chiedere alla camera di commercio la cancellazione.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


17 Maggio 2013 · Gennaro Andele




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cambiali e protesti - in presenza di protesti le banche non consentono l'apertura di alcun rapporto bancario. Clicca qui.

Stai leggendo Cambiali e protesti - In presenza di protesti le banche non consentono l'apertura di alcun rapporto bancario Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 17 Maggio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • kimroh 10 Marzo 2014 at 09:32

    Salve, ho avuto un tormentato pignoramento immobiliare, che per fortuna prima della vendita all’asta sono riuscito a ripianare e vendere l’immobile, sono protestato per via di cambiali ed assegni nonchè cattivo pagatore di due finanziamenti.

    però devo dire piano piano mi sto risollevando da quando ho venduto l’immobile, ovviamente le banche non mi danno più fiducia, la mia non mi consente di avere assegni e tantomeno carta di credito.

    Ho pensato, ho una zia che vive a Lugano e mi potrebbe ospitare, posso aprire un conto corrente presso la Banca di Stato del Canton Ticino? posso aprire questo conto senza che i miei problemi in italia siano di riflesso anche in Svizzera? (quindi avere assegni, bancomat carta di credito e magari un giorno un prestito?)

    premetto che ho comunque un buon lavoro e un buon stipendio.

    grazie

    • Ludmilla Karadzic 10 Marzo 2014 at 10:19

      Le banche svizzere, di solito, aprono conti correnti a soggetti italiani anche via e-mail, dopo una breve intervista effettuata via skype o similia. Non svolgono indagini sul merito creditizio, soprattutto se il correntista non chiede il rilascio di un libretto di assegni. La prassi è quella di rendere disponibile una carta ricaricabile on line, che può essere utilizzata, per i prelievi, sui POS dei circuiti internazionali e dunque anche in Italia.

      Il problema è capire si il datore di lavoro è disponibile ad accreditarvi lo stipendio, visto il maggior costo del bonifico. Restano poi gli aspetti fiscali. Gli eventuali interessi attivi corrisposti sul conto corrente andrebbero denunciati in dichiarazione dei redditi.

  • guido2 20 Febbraio 2014 at 18:02

    Sapete quando si ha la prescrizione delle cartelle Equitalia, dovute per multe su assegni e cambiali?

    • Simone di Saintjust 20 Febbraio 2014 at 18:45

      Una volta notificata la cartella esattoriale – originata da sanzioni amministrative per omesso pagamento di assegni (anche tardivo) – la sua prescrizione è quinquennale. In altre parole, se dalla notifica della cartella esattoriale passano cinque anni senza che Equitalia abbia notificato un sollecito o disposto un’azione esecutiva (pignoramento) o cautelare (ipoteca o fermo amministrativo) il debito è prescritto. Bisogna però fare molta attenzione alle notifiche perfezionatesi per compiuta giacenza: il che avviene quando il postino non trova il debitore per la consegna di una avviso di pagamento, di un atto esecutivo o cautelare e questi risulta ancora assente anche nel momento viene recapitata la seconda raccomandata informativa.