Cambiali "a vista" - Possono essere incassate entro tre anni dalla data di eissione

Indice dei contenuti dell'articolo


Quando manca la data di scadenza la cambiale si dice “a vista”,

Questo vuol dire solo che la cambiale può essere incassata in un un arco temporale di tre anni dalla data di emissione.

Se lei ha accettato l’eredità di suo padre, ha ereditato anche l’obbligo a pagare le cambiali. Questo è un primo punto da chiarire.

Se è obbligato a cambiare le cambiali, un’altro elemento discriminante è costituito dall’eventuale protesto della cambiale. Lei non ci dice se la cambiale è protestata o meno.

Infine, ammesso – nella peggiore delle ipotesi – che lei abbia tacitamente o esplicitamente accettato l’eredità di suo padre ed ipotizzato che la cambiale sia stata anche protestata, per capire se si possano o meno rendere difficoltose le azioni esecutive del creditore nei suoi confronti è necessario conoscere il suo stato economico patrimoniale (proprietà immobiliari, conti correnti, lavoro dipendente o meno).

In assenza di tali informazioni non è pensabile fornirle un supporto credibile. Riformuli la sua domanda con i dettagli che mancano.

22 Novembre 2012 · Andrea Ricciardi

Indice dei contenuti dell'articolo




Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cambiali "a vista" - possono essere incassate entro tre anni dalla data di eissione. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 25 Agosto 2019 at 11:25

    Mio marito aveva firmato delle cambiali a seguito di una carta credito compass revolving di 2 mila euro con 50 euro di rimborso a scadenza mensile: ha pagato circa la metà, ora è deceduto il 20 agosto e la prossima scadenza è il 27 agosto. Come mi comporto?
    Avviso la compass e non pago? Premetto che non c’è nessuna eredità perchè non ci sono beni immobili e niente sui conti correnti:
    devo comunque andare dal notaio a fare la rinuncia all’eredità?

    • Rosaria Proietti 25 Agosto 2019 at 19:05

      Anche se il defunto non ha lasciato beni, ma ha lasciato debiti, occorre effettuare la rinuncia all’eredità (in pratica la rinuncia si configura come rinuncia ai debiti lasciati dal de cuius), dichiarazione che può essere resa anche presso la cancelleria del Tribunale territorialmente competente, senza dover corrispondere parcella al notaio. Se ha intenzione di rinunciare all’eredità di suo marito può anche non pagare le prossime rate in scadenza. Avvisare il creditore potrebbe servire ad evitarle scocciature da parte dagli addetti al recupero crediti Compass.