Segnalazione in CAI per emissione di assegno non autorizzata

Segnalazione in CAI imputabile ad anticipata e non concordata chiusura del conto corrente

Nel mese di luglio 2011 ho informato verbalmente la mia banca che alla fine del mese avrei chiuso il conto corrente.

A mia insaputa hanno avviato il blocco del conto per chiusura.

Mi sono accorto di ciò dopo 10 giorni, quando dall'estero ho cercato di effettuare un prelievo.

Nel frattempo un assegno da me emesso è andato in protesto causa mancanza di convenzione con la banca.

Sono riuscito a pagarlo in tempo ed ho la dichiarazione autenticata del beneficiario, ma cosa devo fare per togliere la segnalazione alla CAI?

Inoltre vorrei citare la banca per ottenere un giusto risarcimento.

Possibilità di pagamento tardivo dell'assegno e procedura di revoca di sistema

Dal momento in cui l'assegno non viene pagato per mancanza di fondi, il soggetto interessato (il traente) - a cui viene debitamente notificato l'inizio della procedura con il cosiddetto “preavviso di revoca” - ha 60 giorni di tempo per pagare. Il preavviso di revoca viene inviato per telegramma o raccomandata a/r entro 10 giorni dalla presentazione al pagamento dell'assegno.

Il pagamento tardivo (da effettuarsi nel termine dei 60 giorni dalla presentazione e mancata riscossione) comprende gli interessi legali, alcune spese (di protesto o di gestione per la dichiarazione di constatazione equivalente) nonché’ una penale che normalmente si aggira intorno al 10% dell'importo dell'assegno.

Tale pagamento può essere effettuato presso lo sportello della banca su cui è tratto l'assegno tramite la costituzione di deposito infruttifero vincolato al portatore del titolo non pagato (il creditore), presso il pubblico ufficiale che ha levato il protesto (notaio, ufficiale giudiziario o segretario comunale), oppure direttamente nelle mani del creditore, che rilascia quietanza alla banca o alla posta su un modulo predisposto. Modulo, che ovviamente, va riconsegnato alla banca trattaria per evitare la segnalazione alla CAI.

Dunque con la CAI lei non dovrebbe aver problemi.

Piuttosto invece, c'è il problema de protesto dell'assegno. Iscrizione alla CAI e protesto sono due procedure indipendenti. Come potrà leggere qui.

Non le resta che procedere alla riabilitazione presso il Tribunale, ma l'istanza potrà essere presentata solo dopo un anno dalla levata del protesto. L'alternativa è attendere l'automatica cancellazione del protesto che interviene dopo cinque anni.

Per quanto riguarda la citazione della Banca in giudizio consiglierei di lasciar perdere. Non se ne cava un ragno dal buco, e si buttano via altri soldi.

Nel futuro ricordi che, quando si danno disposizioni di chiusura conto anche future, di assegni non bisogna staccane più.... perchè dall'altra parte c'è un meccanismo infernale che non sta a vedere in che giorno deve bloccare il conto, per di più di un cliente che va via ...

16 novembre 2012 · Marzia Ciunfrini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Protesto di assegno rubato o smarrito - la denuncia non salva dalla segnalazione al RIP
Il protesto di assegno rubato, smarrito o sottratto, presentato all'incasso, è un atto pienamente legittimo e corrispondente alle regole del diritto cartolare, anche se: il titolare del conto corrente ha sporto regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria, trasmettendone tempestivamente copia prima della presentazione dell'assegno allo sportello; il conto corrente è provvisto della ...
Assegni scoperti – niente revoca e iscrizione CAI se si paga entro 60 giorni
Se abbiamo emesso quello che si indica comunemente come assegno "a vuoto" o "scoperto", possiamo in parte rimediare attraverso il pagamento tardivo da effettuarsi entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione. Eviteremo così le sanzioni pecuniarie e la revoca di sistema, che consiste nell'ulteriore divieto di ...
Assegni scoperti, protesto, segnalazione in CAI, pagamento tardivo, riabilitazione - Tips and tricks
A proposito di assegni scoperti, protesto di un assegno privo di copertura, iscrizione in Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), pagamento tardivo e riabilitazione dal protesto, non tutti sanno che: L'assegno bancario o postale deve essere presentato al pagamento in tempo utile, ovvero nel termine di otto giorni, decorrenti dalla data ...
Protesto di un assegno – come il creditore può recuperare il credito e il debitore limitare il danno
A chiunque può capitare di emettere un assegno parzialmente o totalmente a vuoto, e c'è sempre il malcapitato che lo riceve in pagamento. In questi casi, il più delle volte, non si sa cosa fare. E' utile e conveniente per il creditore procedere al protesto dell'assegno? E quali sono le ...
Assegno protestato » Nessun risarcimento danni al correntista
Nessun risarcimento danni al correntista che cita la banca per il protesto di un assegno Nessun risarcimento del danno per il correntista che emette un assegno, il quale viene successivamente protestato a causa dell'incapienza del conto corrente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza 3286/13, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su segnalazione in cai per emissione di assegno non autorizzata. Clicca qui.

Stai leggendo Segnalazione in CAI per emissione di assegno non autorizzata Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 16 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 9 dicembre 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca