Diritto di accesso ai dati dei cattivi pagatori censiti nella CAI (Centrale Allarme Interbancaria)

Al fine del regolare funzionamento dei sistemi di pagamento i prefetti, le banche e gli uffici postali hanno diritto ad accedere alle informazioni contenute nell'archivio. L'autorità giudiziaria ha altresì accesso diretto alle informazioni per lo svolgimento delle sue funzioni.

Al fine di garantire il diritto di riservatezza, il correntista, all'atto di conclusione delle convenzioni di assegno con la banca, elegge domicilio per l'eventuale ricezione del preavviso. Vengono, inoltre, fatti salvi tutti i diritti di cui all'articolo 13 della legge sulla privacy 675/96, in primis il diritto di accesso all'archivio.

Per porre una domanda sui cattivi pagatori censiti nella Centrale di Allarme Interbancaria (CAI) della Banca d'Italia, sulla CAI (Centrale Allarme Interbancaria) anche nota come Centrale Assegni Insoluti, sulla CRIF e su altri Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC), sui debiti in genere e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

5 luglio 2013 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • mimo 24 agosto 2010 at 16:41

    volevo sapere se per una segnalazione in CAI riguardanti a una carta di credito non della mia banca ,la mia banca stessa possa avvalersi della sospensione del mutuo che o in corso a causa di questa segnalazione premetto che io sono mutuatario e mia moglie e’ garante

  • MASSARO GIUSEPPE 17 agosto 2009 at 17:42

    salve, desidero sapere la mia posizione nei vostri archivi poiche’ mi e’ stata respinta l’apertura del conto corrente bancario con il conto arancio.
    premetto che, dai dati del CRIF (risposta documentata) non risulto come cattivo pagatore.PERTANTO, vi lascio i miei dati per una risposta chiara in merito:
    MASSARO GIUSEPPE
    NATO IL 20.03.1972 A MADDALONI(CE)
    RESIDENTE IN VIA AMEDEO II,14 SABAUDIA(LT) 04016
    cel. 3937894193
    DOC. C.I. N. AK 4605027 rilasciata dal COMUNE DI SABAUDIA IL 28.12.2004 (SCADENZA IL 28.12.2009)
    NELL’ATTESA DI UNA VOSTRA RISPOSTA IN MERITO LE INVIO I MIEI CORDIALI SALUTI.

  • c0cc0bill 3 novembre 2008 at 20:23

    Vorrei sapere cosa è possibile fare se, per ritardo postale accertato, la liberatoria del cliente è stata depositata 10 giorni dopo la scadenza dei sessanta giorni.

    Commento di carlo galloppi | Lunedì, 3 Novembre 2008

    Per l’iscrizione al CAI credo si possa fare nulla.

    Semmai il ritardo postale potrebbe essere utilizzato per evitare le ulteriori sanzioni amministrative.

    Infatti:

    Scaduti i 60 giorni del preavviso di revoca, senza che l’assegno sia stato pagato, viene fatta segnalazione al Prefetto per l’applicazione delle sanzioni amministrative previste.

    Le prefetture notificano la violazione al soggetto che ha emesso l’assegno entro 90 giorni dalla segnalazione, dandogli 30 giorni di tempo per inviare le sue osservazioni difensive (nel caso non si fosse dimostrato prima il pagamento entro i 60 giorni, questo sarebbe il momento giusto, presentando in prefettura la documentazione originale o una copia autenticata).

    Successivamente – piu’ precisamente entro il termine di prescrizione di cinque anni – viene emessa e notificata un’ordinanza di ingiunzione per il pagamento delle sanzioni amministrative previste. Contro di essa si puo’ fare opposizione presso il giudice di pace di zona, entro 30 giorni. Se non si paga ne’ si contesta, arrivera’, entro ulteriori cinque anni, una cartella esattoriale.

    Da tener presente che il Prefetto può comminare sanzioni accessorie che si sostanziano nel divieto di emettere assegni per un periodo variabile da due a cinque anni. ed in casi di recidiva o di importi consistenti, può addirittura sancire l’interdizione all’esercizio dell’attività professionale.

  • carlo galloppi 3 novembre 2008 at 19:56

    Cosa è possibile fare se, per ritardo postale accertato, la liberatoria del cliente è stata depositata 10 giorni dopo la scadenza dei sessanta giorni?

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca