Buongiorno volevo delle delucidacioni riguardo ad una mia situazione debitoria nel 1987 presi un prestito con una finanziaria di 150 milioni di lire a garanzia del prestito si ipotecò la casa

buongiorno volevo delle delucidazioni riguardo ad una mia situazione debitoria nel 1987 presi un prestito con una finanziaria di 150 milioni di lire a garanzia del prestito si ipotecò la casa successivamente per motivi di lavoro non potei più pagare le cambiali andai in protesto e nel corso degli anni la casa fu venduta all asta in tribunale nel 2005 ora ho ricevuto dal legale rappresentante della finanziaria tramite raccomandata il sollecito degli interessi maturati delle spese legali per un importo che supera i 140000 euro faccio presente che con la vendita della casa la finanziaria ha recuperato più della somma prestatami in quanto in quanto venduta all asta a suo tempo con valuta euro recuperando ben più dei 150 milioni di lire cosa devo fare in questa situazione non ho che il mio lavoro da dipendente non posseggo beni immobili sono sposato ho due figli e a suo tempo per tutela di mia moglie feci la divisione dei beni ringrazio anticipatamente

Commento di daniele | Giovedì, 18 Settembre 2008

Buona sera a tutti, mi scuso per l’intervento forse un po’ tatdivo. Sono il consulente legale del blog. Vorrei fare anzituto i miei complimenti a karalis per l’esaustività delle sue risposte.

Volevo aggiungere, a proposito della finanziaria che chiede gli interessi sulle spese legali, che tale richiesta mi pare alquanto strana ed immotivata. Nella pressocchè totalità delle procedure espropriative, infatti, dalla vendita del cespite è previsto il ristoro sia del credito effettivamente vantato che delle spese legali, oltre alle competenze dell’ausiliario nominato dal giudice per la procedura esecutiva.

Commento di consulentelegale | Giovedì, 18 Settembre 2008

18 Settembre 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegni scoperti – niente revoca e iscrizione CAI se si paga entro 60 giorni
Se abbiamo emesso quello che si indica comunemente come assegno "a vuoto" o "scoperto", possiamo in parte rimediare attraverso il pagamento tardivo da effettuarsi entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione. Eviteremo così le sanzioni pecuniarie e la revoca di sistema, che consiste nell'ulteriore divieto di emettere assegni. ...

Cambializzazione dei debiti – accettarla significa preparare il cappio al boia
All'accordo transattivo si aggiunge, non di rado, un piano di rientro del debito basato su una rimodulazione degli importi e delle scadenze convenute nel contratto originario. Si tratta, in pratica, di un piano di rateazione tipico di una operazione di consolidamento dell'esposizione debitoria: rate di importo più contenuto a fronte di un periodo di ammortamento di  durata maggiore. Alcune società di recupero crediti propongono, all'accettazione del debitore, un accordo transattivo che prevede una ipotesi a saldo e stralcio delle posizioni debitorie pregresse, con un abbattimento degli importi a capitale e una riduzione degli interessi maturati. Ecco, dunque, pronto  il piano ...

Cambiali ed assegni post datati - nelle mani delle società di recupero crediti nuocciono gravemente alla salute del debitore!
Sono protestata da quasi un anno e mezzo e non sono riuscita ancora a saldare il mio debito. Dopo lettere intimidatorie da parte delle societa recupero crediti, visite di procuratori ed agenti esattoriali, ufficiali giudiziari, sono ancora col dubbio di quanto possa ancora resistere all'avviso di un pignoramento e quanto possa restare ancora protestata. Il prestito è stato preso nel 2004, pagate solo 10 bolettini e basta. Quindi è stato cambializzato nel 2008, pagate 12 cambiali, scoperte 48 per un ammontare di 17000. Cosa ancora mi puo sucedere? risponde il consigliere debiti Intanto resta protestata per cinque anni dalla levata ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su buongiorno volevo delle delucidacioni riguardo ad una mia situazione debitoria nel 1987 presi un prestito con una finanziaria di 150 milioni di lire a garanzia del prestito si ipotecò la casa. Clicca qui.

Stai leggendo Buongiorno volevo delle delucidacioni riguardo ad una mia situazione debitoria nel 1987 presi un prestito con una finanziaria di 150 milioni di lire a garanzia del prestito si ipotecò la casa Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 18 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 30 Novembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • c0cc0bill 31 Ottobre 2008 at 10:38

    Si sente parlare continuamente di Confidi che riescono a risolvere i problemi di accesso al credito delle PMI. Esistono anche Confidi che operano a favore delle persone fisiche? Esiste una normativa che disciplina la loro attività?

    Commento di Marcello | Venerdì, 31 Ottobre 2008

    I confidi svolgono una parte attiva e spesso (quando non vengono alla luce degenerazioni) utile nell’ambito delle PMI, dove prestano spesso garanzie in favore di aziende in difficoltà nell’acquisizione dei necessari finanziamenti.

    Ma, in questo blog, ancora non ci occupiamo di piccole e medie imprese.

    Per le persone fisiche non c’è nulla di simile. Se non in funzione antiusura.

    Limitatamente a questo aspetto puoi trovare qualcosa sull’argomento nella sezione usura del blog.

    In pratica qui.

  • Marcello 31 Ottobre 2008 at 10:16

    buongiorno,
    si sente parlare continuamente di Confidi che riescono a risolvere i problemi di accesso al credito delle PMI. Esistono anche Confidi che operano a favore delle persone fisiche? Esiste una normattiva che disciplina la loro attività?