Come funziona l'incentivo del bonus bebè?

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Come funziona, in particolare, l'incentivo del bonus bebè per le neo mamme?

Per ogni figlio nato o adottato tra il 1 Gennaio 2015 e il 31 Dicembre 2017 è riconosciuto un assegno di 960 euro annui erogato mensilmente a decorrere dal mese di nascita o adozione.

Tale assegno, che non concorre a formare reddito tassabile, è corrisposto fino al compimento del terzo anno di età ovvero fino al terzo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione.

E' corrisposto a figli di cittadini italiani, di uno stato UE o di cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno, residenti in italia, a condizione che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente sia in condizioni economiche corrispondente ad un ISEE non superiore a 25.000 euro annui. L'importo dell'assegno è raddoppiato nel caso di ISEE non superiore a 7.000 euro annui.

L'assegno è corrisposto dall'INPS dietro domanda da presentarsi con modalità che dovranno essere fissate da un decreto (Dpcm) che dovrebbe arrivare entro i primi giorni di Febbraio 2015.
In futuro, dal momento in cui l'erogazione sarà a regime, l'importo degli assegni potrebbe essere rivisto, così come i valori dell'Isee.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca