Bollo auto ed il rimborso » A chi rivolgersi e come

Indice dei contenuti dell'articolo


Bollo auto e rimborso » Quale procedura?

Sono Ambrogio e vorrei chiedervi alcune informazioni: ho pagato il bollo della mia autovettura, con scadenza Novembre 2013.

Purtroppo devo rottamare la macchina in questi giorni.

Posso recuperare parte dell'importo visto la relativa data di scadenza?

Se la risposta fosse positiva, a chi mi devo rivolgere? Sono residente a Milano.

Quando può essere concesso il rimborso del bollo auto

Il rimborso della tassa automobilistica viene concesso nei seguenti casi:

  1. se è stato effettuato un doppio pagamento (con la stessa scadenza);
  2. se è stato effettuato un pagamento in eccesso;
  3. se è stato effettuato un pagamento non dovuto (ad esempio a seguito di furto, vendita effettuata in data antecedente all'inizio del periodo tributario o demolizione del veicolo, ecc.).

Le domande di rimborso, redatte in carta libera, devono essere indirizzate a Regione Lombardia, Dir. Gen. Risorse e Bilancio, U.O. Tributi Via F. Filzi, 22 20124 Milano e vanno presentate presso le Delegazioni ACI o presso gli altri soggetti (studi di consulenza) autorizzati dalla Regione.

Sulla domanda devono essere riportati nome, cognome, residenza, codice fiscale (o partita IVA) e numero di telefono del richiedente; inoltre devono essere indicate anche le modalità con cui si vuole ricevere il rimborso (c/c postale, bancario ABI e CAB, assegno circolare non trasferibile con spese a carico del destinatario).

Il rimborso deve essere richiesto entro 3 anni solari successivi a quello del versamento e non ha luogo in caso di somme pari o inferiori ad Euro 15,00.

Alla domanda di rimborso deve essere allegata la seguente documentazione:

  1. in caso di doppio pagamento:
    1. originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare;
    2. fotocopia della ricevuta di versamento del bollo valido;
    3. fotocopia della carta di circolazione;
  2. in caso di pagamento in eccesso:
    1. fotocopia della ricevuta di versamento del bollo pagato in eccesso;
    2. fotocopia della carta di circolazione;
  3. in caso di versamento non dovuto:
    1. originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare;
    2. fotocopia dell'atto da cui risulti che il pagamento non è dovuto (es.: denuncia di furto, copia dell'atto di vendita, certificato di avvenuta consegna per la demolizione, ecc.).

Le informazioni sono disponibili nel sito dell'Automobile Club d'Italia.

22 Maggio 2013 · Simone di Saintjust


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Bollo auto » Tutti i casi in cui si può ottenere il rimborso
In quali casi può essere richiesto il rimborso del bollo auto? Dove reperire il modulo e a chi presentare la domanda di rimborso? E' possibile richiedere il rimborso del bollo auto già pagato nei seguenti casi: Se è stato effettuato un pagamento doppio per errore; Se è stato versato un importo in eccesso rispetto al dovuto; Se è stato effettuato un pagamento non dovuto, ad esempio per un errore nella trascrizione della targa, per una errata indicazione della scadenza o della Regione. Esiste poi un altra situazione in cui è contemplato il rimborso, ovvero qualora il proprietario perda il possesso ...

Massima trasparenza sulla filiera dei veicoli per evitare il bollo auto
La tassa automobilistica, comunemente indicata anche come “tassa di circolazione” o "bollo auto" è un tributo locale, che grava sugli autoveicoli e motoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana, il cui versamento è a favore della Regioni d'Italia di residenza. E' una tassa introdotta già nel 1953 con il Decreto del Presidente della Repubblica del 5 febbraio 1953, numero 39. Nel 1955, stante la necessità per lo Stato di introitare parte del denaro necessario alla costruzioni delle autostrade e delle strade statali il testo precedente fu riformato dalla Legge 21 maggio 1955 numero 463. La norma rimase invariata sino al 1982, quando ...

Bollo auto - il termine di decadenza per la notifica della cartella esattoriale è triennale
In materia di bollo auto (tassa automobilistica), la cartella esattoriale deve essere notificata al contribuente, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo. In tema di bollo auto, il relativo procedimento di riscossione (formazione e notifica della cartella di pagamento) è regolato dall'articolo 163, primo comma, della Legge numero 296/2006 (Legge finanziaria per il 2007). Secondo tale norma, il titolo esecutivo (ossia la cartella di pagamento o l'ingiunzione fiscale) deve essere notificato al contribuente, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bollo auto ed il rimborso » a chi rivolgersi e come. Clicca qui.

Stai leggendo Bollo auto ed il rimborso » A chi rivolgersi e come Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 22 Maggio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2016 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte