Sanatoria bollo auto: scadenze e regole

La regolamentazione completa, comprensiva delle scadenze, riguardante la sanatoria per il bollo auto 2017.

Oltre al termine del 31 marzo 2017 i contribuenti che decideranno di presentare domanda per la rottamazione Equitalia relativamente al bollo auto dovranno tenere a mente altre scadenze sul pagamento delle rate e regole stabilite per richiedere lo sconto su interessi di mora e sanzioni.

Potranno presentare domanda per la rottamazione bollo auto i contribuenti ai quali è stata notificata una cartella di pagamento tra il 2000 e il 31 dicembre 2016. Per quel che riguarda i soggetti che hanno già richiesto una rateizzazione dell'importo notificato da Equitalia, la rottamazione viene concessa soltanto se il contribuente risulta in regola con il pagamento delle rate di ottobre, novembre e dicembre e se il pagamento dilazionato non termina nel corso del 2016.

Per quanto riguarda le scadenze, bisognerà tenere a mente le seguenti date:

  • 31 marzo 2017: termine ultimo per richiedere la rottamazione Equitalia bollo auto;giugno 2017: Equitalia comunicherà il calcolo del nuovo importo condonato e l'importo delle rate;
  • 31 dicembre 2017: pagamento del 70% dell'importo rateale della cartella Equitalia rottamata;
  • 30 settembre 2018: versamento della quinta e ultima rata della rottamazione.

Una delle regole più stringenti e contestate della rottamazione Equitalia è che il mancato pagamento di una delle 4 rate, anche se con ritardo di pochi giorni, farà scattare la decadenza immediata dal beneficio, il ricalcolo delle sanzioni e degli interessi di mora e la non possibilità di avvalersi dell'istituto del ravvedimento operoso per regolarizzare la propria posizione.

Ancora più stringenti le regole per i contribuenti che, invece, non aderiranno alla rottamazione Equitalia bollo auto: dal momento in cui Equitalia sarà sostituita, l'Agenzia delle Entrate-Ente di Riscossione avrà molti più poteri di indagine nella ricerca di beni da pignorare e pertanto il mancato adempimento degli obblighi tributari potrà comportare conseguenze ancor più dannose per i contribuenti morosi.

6 dicembre 2016 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca