Bolletta idrica » Consumo indicato dal contatore non è unica prova

In caso di contestazione della bolletta dell’acqua, da parte dell’utente, al fornitore del servizio non basta la lettura del contatore per dimostrare l’effettivo ammontare dei consumi.

Questo l’orientamento espresso dal Tribunale di Caltanissetta con la sentenza dell’11 novembre 2013.

Contestazione della bolletta

La vicenda riguarda un utente che aveva ricevuto una bolletta idrica con importi ritenuti ingiustificati rispetto ai consumi medi precedenti e al suo fabbisogno.

Il consumatore aveva così nominato un tecnico, il quale aveva evidenziato possibili anomalie e perdite idriche nel punto di allaccio.

Sulla base di tali accertamenti, l’utente aveva contestato le fatture.

La società fornitrice, però, si era limitata a verificare l’esatta matricola del contatore in uso e la corrispondenza delle letture.

Quindi aveva riproposto la richiesta di pagamento con un’ingiunzione presentata davanti al Tribunale di Caltanissetta.

Qui, però, il giudice di merito, rifacendosi a due pronunce della Corte di Cassazione (10313/04 e 18231/08), ha ricordato il principio secondo cui l’obbligo della società erogante di calcolare gli addebiti sulla base delle indicazioni del contatore non si può risolvere in un privilegio fondato sulla non contestabilità del dato recato in bolletta.

Se l’utente contesta i valori ricavati dallo strumento di misurazione, infatti, deducendo specifiche circostanze, è obbligo della società erogatrice fornire la prova del corretto funzionamento del contatore e l’affidabilità dei valori registrati.

In pratica, il contatore non può essere considerato, da solo, una prova a favore del fornitore circa l’esattezza delle bollette. Nel caso di contestazione dell’utente, basata su valide ragioni, sono necessarie ulteriori prove che confermino la validità della bolletta.

Nel caso di specie, quindi, la società fornitrice non poteva limitarsi a verificare la corrispondenza della matricola del contatore con quello sul quale erano effettuate le letture.

Per fornire una prova valida, avrebbe dovuto accertare l’infondatezza delle circostanze che dimostravano un cattivo funzionamento degli strumenti di allaccio e dello stesso contatore.

Altrimenti, ne conviene che il credito richiesto per i consumi idrici indicati da quel contatore non può considerarsi né certo né effettivo.

Ecco perchè, fortunatamente, l’ingiunzione di pagamento è stata annullata e la società concessionaria del servizio di somministrazione idrica è stata condannata a rimborsare le spese del giudizio.

21 Gennaio 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il fornitore di energia è tenuto a dimostrare che il contatore funziona correttamente
Secondo il consolidato insegnamento della giurisprudenza della Corte di cassazione, in tema di contratti di somministrazione di acqua ed energia, la rilevazione dei consumi mediante contatore è assistita da una mera presunzione semplice di veridicità, sicché, in caso di contestazione, grava sul somministrante l'onere di provare che il contatore era perfettamente funzionante, mentre il fruitore deve dimostrare che l'eccessività dei consumi è dovuta a fattori esterni al suo controllo e che non avrebbe potuto evitare con un'attenta custodia dell'impianto, ovvero di aver diligentemente vigilato affinché eventuali intrusioni di terzi non potessero alterare il normale funzionamento del misuratore o determinare un ...

Fornitura energia elettrica e bolletta esorbitante - Presunto guasto del contatore o furto di corrente?
Ho ricevuto una bolletta esorbitante per consumo di energia elettrica: effettivamente i dati del contatore sono in linea con quelli riportati in bolletta, ma io non ho mai consumato tanto e nel periodo di riferimento non abbiamo messo in funzione alcun elettrodomestico che possa aver giustificato simili consumi. Quindi, o il contatore è guasto oppure qualcuno si è attaccato alla mia linea di alimentazione a valle del contatore. Come devo procedere? ...

Sospensione fornitura idrica al condominio - Per la morosità di alcuni tutti i condomini restano senza acqua
Ponendosi il condominio, nei confronti dei terzi, come soggetto di gestione dei diritti e degli obblighi dei singoli condomini, attinenti alle parti comuni, l'amministratore assume la qualità di necessario rappresentante della collettività dei condomini sia nella fase di assunzione di obblighi verso terzi, per la conservazione delle cose comuni sia, all'interno della collettività condominiale, come unico referente dei pagamenti ad essi relativi. La circostanza che alcuni dei condomini abbiano provveduto al versamento a favore del condominio delle quote stabilite per le spese ordinarie di gestione (e quindi anche delle spese per il servizio idrico) non può assumere rilievo nei rapporti ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bolletta idrica » consumo indicato dal contatore non è unica prova. Clicca qui.

Stai leggendo Bolletta idrica » Consumo indicato dal contatore non è unica prova Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 21 Gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)