Beneficio di inventario cartelle esattoriali ed eredità

Ho accettato eredità con beneficio di inventario

Nel 2011 è deceduto mio padre, abbiamo avuto notizia da equitalia che a conto di mio padre c’erano cartelle esattoriali relative al diritto annuale non pagato a partire dal 1993 e fino ad oggi. Bene, cercando su internet ho trovato che il punto 9 della Circolare 3520/c del 24/07/2001 del Ministero Att. Prod. recita questo:

“Nel caso di decesso di titolare di una impresa individuale l’ultimo anno in cui si è obbligati al versamento del diritto corrisponde all’anno dei decesso del titolare. Il pagamento, secondo le norme generali, è a carico degli eredi, salvo rinuncia all’eredità o accettazione della stessa con il beneficio dell’inventario”

Ora, chi come me ha accettato l’eredità con beneficio di inventario non deve pagare il diritto annuale dell’anno relativo al decesso…ok…ma vale anche per gli anni arretrati come nel mio caso, quindi dal 1993 al 2010? Io per logica credo di si, ma non capendoi nulla di tasse, eredità, ecc. chiedo lumi a voi…magari potrò essere utile a qualcun’altro sventurato come me, chissà.

Importi relativi ad interessi e/o sanzioni per ritardato pagamento devono essere “congelati” al momento in cui lei ha optato per l’accettazione con beneficio di inventario dell’eredità

Il versamento dei diritti annuali CAMCOM dal 1993 al 2011 non va effettuato.

Eventuali importi relativi ad interessi e/o sanzioni per ritardato pagamento devono essere “congelati” al momento in cui lei ha optato per l’accettazione con beneficio di inventario dell’eredità.

Solo quando lei scioglierà la riserva, accettando eventualmente l’eredità, sorgerà l’obbligo del versamento dei diritti annuali non corrisposti dal de cuius.

Per completezza, poiché è sempre utile conoscere oltre ai diritti propri anche quelli altrui, la informo che la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a tutela dei creditori del de cuius e quindi a tutela dei creditori del debitore chiamato (cioè lei).

L’articolo 481 del codice civile può prevedere la fissazione di un termine perentorio per l’accettazione. Chiunque vi abbia interesse, infatti, può chiedere che l’autorità giudiziaria fissi un termine entro il quale il chiamato dichiari se accetta o rinuncia all’eredità.

Trascorso questo termine senza che abbia fatto la dichiarazione, il chiamato perde il diritto di accettare.

21 Settembre 2012 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinuncia eredità con beneficio di inventario - i creditori possono chiedere di abbreviare il termine decennale per l'accettazione
A tutela dei creditori del de cuius e a tutela dei creditori nei confronti del chiamato all'eredità che accetta con beneficio di inventario, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace, il cui scopo è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile può prevedere la fissazione di un termine perentorio per l'accettazione, più breve di quello decennale. Chiunque vi abbia interesse, infatti, può chiedere all'autorità giudiziaria di fissare un termine più breve entro il quale il chiamato deve dichiarare se accetta o rinuncia all'eredità (actio interrogatoria). Trascorso questo termine, senza che il chiamato ...

Debiti ereditari e beneficio di inventario
Il beneficio di inventario consente all'erede di tenere distinto il proprio patrimonio da quello del defunto. Il "beneficio di inventario" è un istituto che consente all'erede di tenere distinto il proprio patrimonio da quello del defunto (articolo 490 del Codice civile). Questo istituto è opportuno nei casi in cui l'erede (o meglio il "chiamato" all'eredità) non sappia, al momento dell'apertura della successione, l'esatto ammontare dei debiti e dei crediti del defunto. Se - infatti - i debiti si rivelassero superiori al valore dell'eredità, l'erede, che abbia accettato senza il beneficio di inventario, risponderebbe dei debiti del defunto anche con i ...

Nessuna azione esecutiva promossa dai creditori del defunto è possibile contro chi accetta l'eredità con beneficio di inventario
Una volta trascritta l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario non è più possibile l'esecuzione individuale contro chi ha accettato con beneficio di inventario e sui suoi beni. Tanto alla luce del condiviso principio, affermato dalla giurisprudenza di legittimità, secondo cui l'erede che abbia accettato l'eredità con beneficio di inventario non può, una volta che abbia notificato ai creditori l'invito a presentare le dichiarazioni di credito, dai medesimi essere assoggettato ad esecuzione forzata (neanche con riferimento ai beni caduti in successione), dovendosi procedere alla liquidazione dei beni ereditari. In effetti la dichiarazione di accettazione con beneficio di inventario ha una propria ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su beneficio di inventario cartelle esattoriali ed eredità. Clicca qui.

Stai leggendo Beneficio di inventario cartelle esattoriali ed eredità Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 21 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Dicembre 2016 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)