Il beneficiario di assegni bancari non è necessariamente un debitore

Il sedicente creditore che pretenda la restituzione di somme date in prestito è tenuto a provare gli elementi costitutivi della domanda e, quindi, non solo la consegna, ma anche il titolo della stessa, da cui derivi l’obbligo della vantata restituzione.

Infatti, l’esistenza di un contratto di prestito non può essere desunta dalla mera consegna di assegni bancari o di somme in denaro che, ben potendo avvenire per svariate ragioni, non vale di per sé a fondare una richiesta di restituzione.

In altre parole, quando un soggetto ammette di aver ricevuto una somma di denaro, negando, tuttavia, che ciò sia avvenuto a titolo di prestito, resta fermo, a carico del presunto creditore, l’onere di dimostrare che la consegna del denaro è avvenuta in base ad un titolo che ne imponga la restituzione.

Tanto più che che per le donazioni di modico valore, aventi ad oggetto beni mobili, è sufficiente la consegna del bene, è non è necessario un atto pubblico.

Così si è espressa la Corte di Cassazione nella sentenza numero 9864 del 7 maggio 2014.

10 Maggio 2014 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

CAI Centrale Allarme Interbancaria – la disciplina sanzionatoria per gli assegni bancari scoperti
Per debiti derivanti da assegni a vuoto o scoperti oggi, per fortuna, non si va in galera ma, fino ad una decina di anni, fa non era così! Infatti, solo con il Decreto Legislativo 507/99 è entrata in vigore la depenalizzazione di alcuni reati connessi all'emissione di assegni a vuoto o scoperti. Secondo la vecchia disciplina normativa, la legge 15/12/90 numero 386, esistevano due fattispecie di reato: a) l'emissione di assegni bancari senza l'autorizzazione del trattario (cioè, la Banca) punibile con la reclusione da 3 mesi ad 1 anno; b) l'emissione si assegni bancari senza provvista, sanzionato con una multa ...

Assegni bancari e postali - Non salva dal protesto la revoca di pagamento prima della scadenza dei termini di presentazione
L'articolo 35 del regio decreto 1736 del 1933 stabilisce che l'ordine di non pagare la somma recata dall'assegno bancario ha effetto solo dopo che sia scaduto il termine di presentazione. La norma ha la doppia funzione di garantire la conservazione della provvista, a tutela dell'affidamento del prenditore, quanto meno fino alla scadenza del termine di presentazione, e di consentire al traente, scaduto tale termine, di riacquistare la libertà di disporre della provvista, potendo l'assegno essere pagato anche successivamente alla scadenza di esso. La banca, sulla base del dettato normativo è libera di pagare l'assegno prima della scadenza del termine di ...

Prestiti tra parenti » Il diritto alla restituzione va provato
Prestiti tra familiari: se in tribunale si chiede la restituzione di una somma di denaro data a titolo di mutuo, l'attore deve fornire la prova rigorosa dell'esistenza di un accordo pregresso per la restituzione dell'importo. Ove in giudizio si chieda la restituzione di una somma di denaro conferita a titolo di mutuo, e la vicenda si inserisca nell'ambito dei rapporti familiari, l'attore deve fornire la prova rigorosa della pattuizione del diritto alla restituzione dell'importo. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 17050/14. Nell'ambito dei prestiti tra consanguinei, chiedere la restituzione di una somma, appunto prestata, è più complicato ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il beneficiario di assegni bancari non è necessariamente un debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Il beneficiario di assegni bancari non è necessariamente un debitore Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 10 Maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Luglio 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito e di garanzia Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)