bancoposta assegni protestati

Premetto di esercitare un lavoro dove ho diversi conti correnti, per praticità mi sono appoggiato alle poste italiane, in data 28/12/2010 ho emesso due assegni di due società verso un singolo fornitore, vuoi per il periodo, vuoi per le ferie, non ho controllato bene la disponibilità fatto sta che i due assegni bancoposta sono andati in protesto…… fin

Qui tutto ok tardivo pagamento e via poi si provvederà a sistemare il tutto.
per puro caso sono andato a farmi una visura come persona fisica per accellerare una pratica, e li ho scoperto che ho il protesto inerente quei due assegni, da informazioni ricevute dall’ente poste capisco che il protesto è formalizzato a me in quanto non ho apposto sugli assegni il timbro societario.

Ora la domanda :

è lecita questa cosa?? se si come ne vengo fuori? è possibile che con la mancaza di un timbro fatta in buona fede si possa rovinare una persona?

Allora a che serve il deposito della firma se poi anche in difformità (non voluta) succedono queste cose??

Si, purtroppo il comportamento delle poste è legittimo.

Sul titolo protestato non risulta alcun impegno della srl. Senza la spendita del nome sociale (modo difficile per definire il semplice timbro), il firmatario si impegna in proprio.

E’ ininfluente che l’assegno sia tratto su un conto corrente intestato esclusivamente alla società.

Anzi, la banca avrebbe potuto/dovuto (…è da discutere in quali casi la possibilità diventi obbligo…) addebitare l’assegno su un qualsiasi conto *privato* dell’amministratore, sul quale fossero presenti fondi.

La srl resta debitrice verso il beneficiario dell’assegno per l’obbligazione sottostante alla sua emissione.

E, a questo punto, tale beneficiario può agire sia verso la srl, per il debito non saldato (si prospettano però tempi lunghi…), che personalmente verso l’amministratore, per il titolo protestato (che ha valore di immediata esecutività).

In parole povere, può andare a lamentarsi da qualche giudice che la srl non l’ha pagato, e aspettare che si avvi la macchina del processo civile, oppure promuovere direttamente un pignoramento sui beni dell’amministratore.

In questo pasticcio, se l’amministratore è anche socio, alla “responsabilità limitata” propria della società aggiunge, a proprio

esclusivo carico, l’importo dell’assegno. Forse, in seguito, l’amministratore potrà dimostrare che il debito non era proprio ma della società, e quindi potrà provare a rivalersi su di essa.

12 Febbraio 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cancellazione degli assegni protestati
La normativa vigente, infatti, non consente la cancellazione dal Registro Informatico dei Protesti per avvenuto pagamento dell'assegno dopo il protesto. Quindi è possibile procedere alla cancellazione solo nei seguenti casi: dimostrazione della illegittimità con provvedimento dell'Autorità Giudiziaria o dell'errore (ad es. con dichiarazione proveniente dell'ufficiale levatore o dall'azienda di credito) nella levata del protesto; se sussistono particolari motivazioni che permettano di richiedere al Tribunale la sospensione della pubblicazione del protesto in base all'articolo 700 del codice di procedura civile. E' necessario l'intervento di un legale. La Camera di Commercio effettua la sospensione in seguito alla notifica del provvedimento del Tribunale; ...

Il protesto di assegni scoperti non trasferibili - un vantaggio solo per i notai e non per il beneficiario
Esiste un modo semplice per tentare di risolvere alla radice il problema del protesto di assegni di importo pari o superiore a mille euro: apporre sull'assegno la clausola “senza spese e senza protesto”. Ma, per quale ragione il beneficiario dovrebbe accettare un assegno con una clausola simile? Per comprenderlo bisogna fare qualche passo indietro. Tempo fa gli assegni di importo facciale pari o superiore a mille euro potevano essere girati: erano cioè trasferibili. Se Caio (traente) emetteva un assegno a favore di Tizio (beneficiario) e Tizio lo girava a Sempronio (portatore), quest'ultimo, qualora l'assegno emesso da Caio fosse risultato non ...

Assegno protestato – prescrizione dell'azione di regresso
Il regresso del portatore contro i giranti, il traente e gli altri obbligati si prescrive in sei mesi dallo spirare del termine di presentazione. Le azioni di regresso tra i diversi obbligati al pagamento dell'assegno bancario gli uni contro gli altri si prescrivono in sei mesi a decorrere dal giorno in cui l'obbligato ha pagato l'assegno bancario o dal giorno in cui l'azione di regresso è stata promossa contro di lui (articolo 75 L.A.). Trascorso tale termine è sempre possibile l'azione causale, che è l'azione derivante dal rapporto fondamentale che ha dato causa all'emissione dell'assegno, soggetta ai termini di prescrizione ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bancoposta assegni protestati. Clicca qui.

Stai leggendo bancoposta assegni protestati Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 12 Febbraio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)