Azione revocatoria esperita dal coniuge beneficiario nei confronti del coniuge separato obbligato al mantenimento e inadempiente

Il codice civile stabilisce che l'azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto: tale norma deve essere interpretata nel senso che la prescrizione decorre dal giorno in cui dell'atto è stata data pubblicità ai terzi, in quanto solo da questo momento il diritto può esser fatto valere e l'inerzia del titolare protratta nel tempo assume effetto estintivo.

Anche il credito eventuale, nella veste di credito litigioso, é idoneo a determinare, sia che si tratti di un credito di fonte contrattuale oggetto di contestazione in separato giudizio, sia che si tratti di credito risarcitorio da fatto illecito, l'insorgere della qualità di creditore che abilita all'esperimento dell'azione revocatoria ordinaria avverso l'atto di disposizione compiuto dal debitore.

A fondamento dell'azione revocatoria ordinaria si richiede non già la totale compromissione della consistenza del patrimonio del debitore, ma soltanto il compimento di un atto che renda più incerta o difficile la soddisfazione del credito.

Il coniuge separato (o divorziato) che ottenga, in forza di provvedimento giudiziale, l'assegno di mantenimento (o quello divorzile), diventa creditore di un'obbligazione pecuniaria periodica, avente ad oggetto prestazioni autonome e distinte nel tempo e che, pertanto, si rendono esigibili alle rispettive scadenze (risultando liquide in base alla determinazione giudiziale dell'ammontare dell'assegno). Per l'’adempimento di tale credito, che trova fonte nella legge e insorgenza nel provvedimento del giudice, il debitore (il coniuge obbligato) è esposto con tutti i suoi beni.

Il diritto di credito che il coniuge separato (o divorziato) vanta nei confronti del coniuge obbligato al mantenimento è, nonostante il carattere periodico dell'obbligazione stessa, tutelabile con azione revocatoria.

L'ipoteca iscritta a favore del coniuge, separato (o divorziato), beneficiario dell'assegno di mantenimento o (divorzile), sul bene del coniuge separato (o divorziato) obbligato, non impedisce l'esercizio dell'azione revocatoria dal momento che l'ipoteca stessa non offre alcuna garanzia che il patrimonio del debitore non venga dismesso. Peraltro, l'idoneità del valore di iscrizione dell'ipoteca sul bene oggetto dell'atto dispositivo, andrebbe valutata con riferimento non al momento del compimento dell'atto dispositivo, ma in prospettiva futura, al fine di apprezzare la congruità della garanzia ipotecaria.

In caso di inadempienza il giudice, su istanza del coniuge separato (o divorziato) beneficiario dell'assegno di mantenimento (o di quello divorzile), può anche disporre il sequestro dei beni dell'obbligato: va ricordato, infatti, che l'azione revocatoria ordinaria costituisce strumento di tutela della conservazione della garanzia patrimoniale generica del debitore, ma non presuppone affatto l'inadempimento del debitore.

Così, in tema di azione revocatoria nei confronti del coniuge obbligato, si sono espressi i giudici della Corte di cassazione estensori della sentenza 5618/2017.

17 aprile 2017 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Al coniuge divorziato titolare di assegno divorzile spetta anche il 40% del TFR percepito dal coniuge obbligato
Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto titolare di assegno divorzile, ad una percentuale del trattamento di fine rapporto (TFR) percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del ...
Separazione personale » Stop all'assegno di mantenimento se coniuge obbligato è disoccupato e coniuge beneficiario ha nuovo partner
In tema di separazione personale tra due coniugi, non deve essere corrisposto l'assegno di mantenimento, da parte del coniuge obbligato, se lo stesso è disoccupato e il coniuge beneficiario ha intrapreso una nuova convivenza. Alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora il marito si trovi disoccupato e la ...
Come il coniuge beneficiario può riscuotere coattivamente l'assegno di mantenimento dal coniuge obbligato inadempiente ex articolo 156 del codice civile, senza effettuare il pignoramento presso il datore di lavoro o l'INPS
L'articolo 156 del codice civile stabilisce che, in caso di inadempienza, su richiesta dell'avente diritto, il giudice può ordinare ai terzi, tenuti a corrispondere anche periodicamente somme di danaro all'obbligato, che una parte di esse venga versata direttamente agli aventi diritto. In particolare, poi, l'articolo 8 della legge 898/1970 dispone ...
Mantenimento » Aumenta l'assegno se dopo la separazione ex coniuge obbligato riceve l'eredità
Aumenta il saldo dell'assegno di mantenimento per ex moglie e figli quando, dopo la separazione, l'ex coniuge obbligato riceve un'eredità. Ciò perchè i beni acquisiti, dal coniuge obbligato, per successione ereditaria dopo la separazione legittimano l'aumento dell'assegno di mantenimento a carico della ex moglie e dei figli. I redditi inadeguati ...
Assegno divorzile: cosa accade quando il coniuge divorziato forma una nuova famiglia, anche di fatto » Obblighi di mantenimento del figlio maggiorenne non convivente
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, anche di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge. Il relativo diritto non ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su azione revocatoria esperita dal coniuge beneficiario nei confronti del coniuge separato obbligato al mantenimento e inadempiente. Clicca qui.

Stai leggendo Azione revocatoria esperita dal coniuge beneficiario nei confronti del coniuge separato obbligato al mantenimento e inadempiente Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 17 aprile 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca