Azione revocatoria di atti di alienazione dei beni in comunione


Gli atti compiuti da un coniuge senza il necessario consenso dell’altro coniuge e da questo non convalidati sono annullabili se riguardano beni immobili o veicoli. L’azione può essere proposta dal coniuge il cui consenso era necessario entro un anno dalla data in cui ha avuto conoscenza dell’atto e in ogni caso entro un anno dalla data di trascrizione.

In assenza del consenso dell’altro coniuge il contratto non è inefficace né nei confronti dei terzi, né nei confronti della comunione, ma è solamente esposto all’azione di annullamento da parte del coniuge non consenziente, nel termine prescrizionale annuale, decorrente dalla conoscenza effettiva dell’atto, ovvero, dalla sua trascrizione o dallo scioglimento della comunione.

Questo il principio giuridico enunciato dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 5326/16.

19 Marzo 2016 · Lilla De Angelis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su azione revocatoria di atti di alienazione dei beni in comunione. Clicca qui.

Stai leggendo Azione revocatoria di atti di alienazione dei beni in comunione Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 19 Marzo 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore come donazioni e vendite simulate e fittizie Inserito nella sezione prescrizione dei debiti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)