Azione revocatoria di alienazione di bene immobile gravato da ipoteca

Le condizioni per l’esercizio dell’azione revocatoria ordinaria consistono nell’esistenza di un valido rapporto di credito tra il creditore che agisce in revocatoria e il debitore disponente, nell’effettività del danno, inteso come lesione della garanzia patrimoniale a seguito del compimento da parte del debitore dell’atto traslativo, e nella ricorrenza, in capo al debitore, ed eventualmente in capo al terzo, della consapevolezza che, con l’atto di disposizione, venga a diminuire la consistenza delle garanzie spettanti ai creditori.

L’esistenza di un’ipoteca sull’immobile del debitore, a prescindere dalla consistenza della garanzia ipotecaria e, dunque, anche qualora essa si presenti di entità tale da eventualmente assorbire l’intero valore del bene stesso, non integra, qualora il bene venga alienato, una situazione tale da escludere la possibilità di esercizio dell’azione revocatoria ordinaria da parte del creditore non ipotecario del debitore alienante, atteso che la valutazione della idoneità dell’atto dispositivo ad integrare un pregiudizio alle regioni del creditore non ipotecario è naturalmente proiettata verso il futuro, cioè verso il momento in cui sul bene potrebbe essere fatta valere la garanzia patrimoniale (ad esempio dalla banca mutuante).

Le iscrizioni ipotecarie, infatti, possono subire vicende modificative o estintive ad opera del debitore (pagamento delle rate nel caso di ipoteca a garanzia di un mutuo). Inoltre, nel tempo, il bene immobile ipotecato potrebbe aumentare di valore.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 11892/16.

14 Giugno 2016 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Azione revocatoria ordinaria per atti di disposizione del debitore a titolo oneroso prima e dopo l'insorgenza del credito
Ai fini dell'azione revocatoria ordinaria, quando l'atto di disposizione sia successivo al sorgere del credito e sia a titolo oneroso, è sufficiente la consapevolezza, del debitore alienante e del terzo acquirente, della diminuzione della garanzia generica per la riduzione della consistenza patrimoniale del primo, non essendo necessaria la collusione tra gli stessi, né occorrendo la conoscenza, da parte del terzo, dello specifico credito per cui è proposta l'azione. La conoscenza, da parte del terzo, dello specifico credito per cui è proposta l'azione revocatoria è, invece, richiesta qualora quest'ultima abbia ad oggetto un atto, a titolo oneroso, anteriore al sorgere di ...

Presupposti e condizioni per l'esercizio dell'azione revocatoria ordinaria
Il presupposto oggettivo dell'azione revocatoria ordinaria ricorre non solo nel caso in cui l'atto dispositivo comprometta totalmente la consistenza patrimoniale del debitore, ma anche quando lo stesso atto determini una variazione quantitativa o anche soltanto qualitativa del patrimonio che comporti una maggiore incertezza o difficoltà nel soddisfacimento del credito, con la conseguenza che grava sul creditore l'onere di dimostrare tali modificazioni quantitative o qualitative della garanzia patrimoniale, mentre è onere del debitore, che voglia sottrarsi agli effetti di tale azione, provare che il suo patrimonio residuo sia tale da soddisfare ampiamente le ragioni del creditore. In altre parole, per esercitare ...

Azione revocatoria ordinaria - E' sufficiente la presunzione di consapevolezza del debitore e del terzo acquirente
In tema di azione revocatoria ordinaria, è consolidato il principio giurisprudenziale secondo cui, allorché l'atto di disposizione del debitore sia successivo al sorgere del credito, l'unica condizione per l'esercizio della stessa è che il debitore fosse a conoscenza del pregiudizio delle ragioni del creditore e, trattandosi di atto a titolo oneroso, che di esso fosse consapevole il terzo, la cui posizione (per quanto riguarda i presupposti soggettivi dell'azione) è sostanzialmente analoga a quella del debitore; la prova del predetto atteggiamento soggettivo può essere fornita tramite presunzioni il cui apprezzamento è devoluto al giudice di merito ed è incensurabile in sede ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su azione revocatoria di alienazione di bene immobile gravato da ipoteca. Clicca qui.

Stai leggendo Azione revocatoria di alienazione di bene immobile gravato da ipoteca Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 14 Giugno 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria azione revocatoria e declaratoria di inefficacia degli atti del debitore come donazioni e vendite simulate e fittizie

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 15 Marzo 2018 at 15:08

    Creditore ipotecario non intervenuto nel procedimento revocatorio di terzo creditore.
    Il pignoramento immobiliare del vincitore in revocatoria non può essere oggettivizzato in quanto solo riconducibile al suo autore. Il creditore ipotecario che non ha promosso alcun pignoramento immobiliare e vuole intervenire nella procedura in modo accessorio, può costituirsi il titolo ex art. 499 cpc e può essere ammesso alla procedura esecutiva immobiliare o si deve accontentare di esercitare la prelazione sul ricavato dell’espropriazione in quanto l’ipoteca è stata iscritta prima della domanda giudiziale di revocatoria della cessione immobiliare senza alcun diritto d’intervento?

    • Simone di Saintjust 15 Marzo 2018 at 16:09

      La vendita forzata produce l’estinzione dei diritti reali di garanzia (come l’ipoteca) cui è sottoposto il bene espropriato, attraverso il cosiddetto effetto purgativo. Pertanto, il creditore ipotecario per partecipare all’assegnazione e far valere il proprio diritto di prelazione deve, necessariamente, intervenire nell’azione esecutiva ex articolo 499 del codice di procedura civile.

      Sicuramente, il pignoramento immobiliare del vincitore in revocatoria non può essere oggettivizzato: e non può essere altrimenti, dal momento che per gli altri creditori non intervenuti nel procedimento revocatorio il bene continua a restare di proprietà dell’acquirente e non del debitore alienante; tuttavia, ciò non vuol dire che agli altri creditori del debitore sottoposto ad azione esecutiva dal creditore vincitore in revocatoria, sia precluso l’intervento nell’esecuzione (e dunque siano preclusi la partecipazione all’assegnazione del ricavato nonché l’esercizio di eventuali diritti di prelazione).