Assegno emesso senza titolo - All'erede va restituito l'importo

Caio adiva il Tribunale territorialmente competente nella qualità di erede del de cuius, asserendo che quest’ultimo aveva pagato a Tizio, senza titolo, un’ingente somma di denaro a mezzo di assegno bancario. Chiedeva, pertanto, la condanna di Tizio alla restituzione di tale pagamento indebito.

Tizio si costituiva in giudizio ribattendo che l’importo facciale dell’assegno era dovuto a sua madre in conseguenza della vendita di arredi perfezionata al defunto; transazione regolata con assegno che era stato intestato dal debitore, per volontà della stessa creditrice madre di Tizio, al proprio figlio.

La vicenda approdava in Corte di cassazione dopo che i giudici di merito avevano accolto la richiesta di Caio argomentando che il pagamento a favore di Tizio era da considerarsi, nella sostanza, una donazione, pertanto nulla per mancanza di forma scritta; in assenza di un atto scritto spettava a Tizio fornire la prova di una causa sottostante all’emissione dell’assegno diversa dalla donazione, ma Tizio non aveva assolto tale onere.

Secondo gli ermellini (sentenza 19902/15) che hanno rigettato il ricorso di Tizio, nel giudizio di indebito oggettivo l’attore (Caio) può invocare l’inesistenza d’un titolo giustificativo del pagamento avendo il solo onere di allegare (ma non di provare, essendo impossibile) l’inesistenza di qualsiasi titolo giustificativo del pagamento; è onere del convenuto (Tizio) dimostrare che il pagamento era sorretto da una giusta causa.

8 Ottobre 2015 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: ,

Approfondimenti

Assegno emesso e poi richiamato con riaccredito dell'importo facciale - Ma l'assegno non compare fra quelli ancora disponibili
Ho un problema con un assegno: qualche mese fa viene versato a mia insaputa un'assegno da me regolarmente emesso, chiedo la cortesia al mio fornitore di poterlo ritirare cosa che lui fa (credo molto di mala voglia) dopo circa 12 giorni dalla presentazione, e sul mio conto corrente avviene lo storno del titolo in questione. Ora le altre volte che mi è successa una cosa del genere la banca ha provveduto ad inviarmi lettera di diffida con successiva iscrizione al Cai, come da normale prassi; adesso, invece, questa cosa non è avvenuta, e se guardo nella lista degli assegni in ...

Assegno non trasferibile pagato dalla banca a persona diversa dal beneficiario - Il traente ha diritto alla restituzione dell'importo
La legge stabilisce (Regio Decreto numero 1736 del 1933, articolo 43) che l'assegno bancario, emesso con la clausola “non trasferibile”, non può che essere pagato al beneficiario o, a richiesta di questo, accreditato sul suo conto corrente; chi paga a persona diversa “risponde” del pagamento. Giurisprudenza ampiamente consolidata precisa che la banca che ha pagato un assegno in violazione della norma appena citata è responsabile nei confronti di tutti i soggetti nel cui interesse tale regola è posta e che, a causa della relativa violazione abbiano sofferto un danno. Non è solo il beneficiario a potersi dolere della violazione della ...

Assegno rubato » La banca è responsabile se non lo comunica al cliente
È responsabile la banca se ha informato con ritardo il cliente riguardo ad un assegno rubato. E'quanto emerge dalla sentenza 14838/13 della prima sezione civile della Corte suprema. Quelli che seguono, i fatti. Tizo versa un assegno sul proprio conto corrente in banca. La banca N (negoziatrice) glielo accredita. L'assegno era stato emesso da Caio su un modulo della banca trattaria T, Dopo qualche giorno la banca trattaria T comunica alla banca negoziatrice N che l'assegno (insieme ad altri) era stato oggetto di rapina, regolarmente denunciata, e quindi non poteva trasferirne il controvalore perché non in possesso del modulo firmato ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno emesso senza titolo - all'erede va restituito l'importo. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno emesso senza titolo - All'erede va restituito l'importo Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 8 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria donazioni e comodati Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)