Avviso di chiamata su occupato: per Tim e Vodafone da oggi 21 luglio 2014 non è più gratuito » Ecco come disattivarlo

Da oggi, 21 luglio 2014, le due compagnie telefoniche Tim e Vodafone pretenderanno il pagamento per ogni avviso di chiamata.

Da oggi in poi, il servizio avviso di chiamata, il quale avvisa l'utente quando un numero, cui si è tentato di telefonare, da occupato torna libero, offerto sino ad oggi gratuitamente dai gestori di telefonia mobile, sarà invece a pagamento.

Lo stesso servizio chiamato per Tim Lo sai/ChiamamiOra e per Vodafone Recall/Chiamami, come detto fin ora senza costi, avrà l'onere di 6 centesimi al giorno per Vodafone e di 1,90 ogni 4 mesi per Tim.

Se avete un utenza Tim o Vodafone, dunque, in questi giorni dovreste essere stati avvisati tramite segreteria dalle compagnie con il diritto, per tutti gli utenti, di recedere dal servizio.

In caso contrario, come si deve fare disattivare il servizio?

Per quanto riguarda Vodafone, per disattivare i servizi di Vodafone è possibile andare direttamente alle pagine web dei due servizi Chiamami e Recall, controllare se sono attivi sulla propria utenza e seguire le indicazioni per disattivarli entrambi o soltanto uno dei due.

In alternativa, è possibile contattare i numeri gratuiti che Vodafone ha messo a disposizione degli utenti per questa operazione: 42070 e 42592.

Per quanto concerne i servizi TIM, invece, per la disattivazione è possibile andare direttamente alla pagina web dei due servizi: LoSai e ChiamaOra, oppure chiamare il numero 40920.

Purtroppo, in tale caso, non è possibile disattivare soltanto uno dei due.

21 luglio 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Whooming gratuito vs chiamate anonime » Per saperne di più
Per scoprire il numero del chiamante nel caso di telefonate anonime, effettuate oscurando il numero telefonico, sino ad oggi l'unica possibilità era quella di richiedere al proprio operatore l'attivazione, concessa generalmente per brevi periodi di tempo, del cosiddetto servizio override. Tale servizio, poco conosciuto, può essere attivato su richiesta dell'utente ...
Contratti utenze domestiche » Possono essere sottoscritti soltanto da assegnatario, proprietario o affittuario
Il piano casa ha introdotto delle importanti novità che riguardano tutti i nuovi contratti di utenza domestica per fruire di pubblici servizi, come telefonia fissa, servizi idrici, gas, elettricità. Praticamente, tutti i nuovi contratti di utenza domestica per pubblici servizi devono riportare, oltre ai dati identificativi del richiedente, il titolo ...
Pratiche scorrette telefonia » Aumentano le sanzioni agli operatori ma il numero dei contenziosi cresce ancora: il punto sulla situazione
Pratiche scorrette da parte degli operatori di telefonia: 15.000 procedure di conciliazione paritetica per problemi di telefonia nel solo 2016, per tutto il 2017 se ne prevedono 18000, si tratta dei contenziosi tra utenti e società operatrici, in crescita costante dal 2010 ad oggi. Pratiche scorrette da parte degli operatori ...
Tassa di concessione governativa per il contratto di abbonamento fra utente di apparato terminale e fornitore di servizi di telefonia mobile
La tassa di concessione governativa non si applica alle apparecchiature terminali per il servizio radiomobile terrestre, bensì ai contratti di abbonamento sottoscritti per l'uso di tali apparecchiature: ne consegue che una siffatta imposizione non interferisce con la vendita di dette apparecchiature terminali, che possono essere vendute senza obbligo di sottoscrivere ...
Indennizzi minimi per ritardi e disservizi delle compagnie telefoniche
Ho letto da qualche parte che l'AGCOM ha fissato gli indennizzi minimi previsti per eventuali ritardi e disservizi da parte delle "famigerate" compagnie telefoniche. Vorrei sapere, quali sono gli indennizzi previsti dall'Autorità per la definizione delle controversie fra utenti e operatori? L'Autorità può decidere anche sull'eventuale diritto dell'utente ad essere ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su avviso di chiamata su occupato: per tim e vodafone da oggi 21 luglio 2014 non è più gratuito » ecco come disattivarlo. Clicca qui.

Stai leggendo Avviso di chiamata su occupato: per Tim e Vodafone da oggi 21 luglio 2014 non è più gratuito » Ecco come disattivarlo Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 21 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - fonia adsl RAI e pay tv Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca