Avvio attività » Come diventare imprenditori con agevolazioni statali

Avvio di una nuova attività: nell’articolo analizziamo quali sono beneficiari, condizioni e termini per diventare imprenditori usufruendo delle agevolazioni statali.

Anche il Belpaese ha apportato novità in materia di attività imprenditoriale e lavoro per i giovani. Ciò, è stato fatto, introducendo l’offerta di servizi speciali per chi desidera avviare una propria attività o ampliare un’attività già esistente, nelle aree economicamente svantaggiate dal Paese, non solo al Sud, ma anche al Centro-Nord.

Il quadro unitario in materia di agevolazioni per l’auto-imprenditorialità, infatti, è fissato in una legge del 2000, che poi, con il Dl 76 del giugno 2013, ha stanziato 26 milioni di euro per il 2014.

Possono usufruire delle agevolazioni statali le società, incluse le cooperative di produzione e lavoro e le cooperative sociali, composte prevalentemente da soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Le società, per poter beneficiare dei vantaggi, devono presentare progetti per l’avvio di nuove iniziative:

  1. per la produzione di beni nell’agricoltura, nell’artigianato, nell’industria e fornitura di servizi alle imprese;
  2. per la fornitura di servizi nei beni culturali, nel turismo, nella manutenzione di opere civili e industriali, nell’innovazione tecnologica, nella tutela ambientale, in agricoltura e trasformazione dei prodotti agricoli.

L’importo massimo dell’investimento è di 2.582.000 euro per la produzione di beni e servizi e di 516.000 euro per la fornitura di servizi. Vengono erogati sia contributi a fondo perduto che mutui agevolati. Da notare bene che dalle agevolazioni sono escluse le ditta individuali, le società di fatto e le uni-personali.

La natura delle agevolazioni riguarda contributi a fondo perduto e mutuo agevolato sugli investimenti, contributi a fondo perduto sulle spese di gestione per l’avvio dell’attività e contributi a fondo perduto sulle spese per la formazione/primo insediamento.

Per quanto attiene alle entità del contributo, nel Sud si fa rifermento all’80-90% dell’investimento, tra fondo perduto e finanziamento agevolato, mentre Nel Centro-Nord fino al 60-70% dell’investimento.

5 Giugno 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avvio attività – classificazione delle attività economiche
Tutte le attività economiche sono classificate in una tabella e contraddistinte da un apposito codice identificativo che va utilizzato dai contribuenti in tutti gli atti e le dichiarazioni da presentare all'Agenzia delle Entrate. Dal 1° gennaio 2004 esiste una nuova tabella di classificazione delle attività economiche, denominata ATECOFIN 2004, che ha modificato quella in uso da circa dodici anni. La nuova codifica è stata desunta dalla tabella predisposta dall'Istituto nazionale di statistica, denominata Ateco 2002, che è utilizzata nelle rilevazioni statistiche e costituisce, in pratica, la versione nazionale della classificazione definita a livello europeo. La nuova tabella ATECOFIN 2004 è ...

Avvio attività – ditta individuale o società di persone?
Una delle prime scelte che deve fare chi avvia una attività in proprio è quella della forma giuridica che dovrà assumere la gestione. Si tratta di stabilire, in pratica, se lavorare individualmente o associarsi con altre persone, costituendo una società. Se si sceglie quest’ultima soluzione, occorre inoltre decidere il tipo di società da costituire: società di capitale o società di persone (Snc, Sas, società semplice). E' importante avere le idee chiare sulla forma giuridica che si intende assumere, poiché le scelte effettuate all'inizio possono rivelarsi, in un secondo momento, inadeguate se non addirittura antieconomiche. Infatti, l'errore nella scelta della forma ...

Avvio attività – i principali adempimenti fiscali
In questo articolo si propone una sintesi sui fondamentali obblighi fiscali che deve adempiere chi esercita un'attività e sui principali documenti previsti ai fini dell'imposizione diretta (Irpef) ed indiretta (in particolar modo, l'Iva). L'Iva è l'imposta (disciplinata dal DPR 633/72) che si applica sulle cessioni di beni e sulle prestazioni di servizi eseguite in Italia da tutti i titolari di partita Iva, per i quali, comunque, è “neutra”, nel senso che non rappresenta né un costo né un ricavo. Di fatto, è pagata dal consumatore finale. Essa si determina sottraendo l'Iva pagata ai fornitori per l'acquisto di beni e servizi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su avvio attività » come diventare imprenditori con agevolazioni statali. Clicca qui.

Stai leggendo Avvio attività » Come diventare imprenditori con agevolazioni statali Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 5 Giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria avvio attività Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)