Vademecum per il consumatore che ha acquistato un'autovettura con difetti di fabbricazione

Molto spesso, l'autovettura acquistata presenta difetti di fabbricazione. Se alcuni possono essere superficiali, ad esempio spie perennemente ed inutilmente accese, altre problematiche invece, possono comportare disagi più gravi per l'utente: si pensi ad un cortocircuito o addirittura a pericolose fuoriuscite di carburante. In tali fattispecie, come deve comportarsi il consumatore? Ecco alcune dritte su manutenzione, 4 officine convenzionate, assicurazione, garanzia per la riparazione o restituzione del prodotto.

Tutte i mezzi possono avere difetti di fabbricazione: nei casi più gravi, ovvero quando si compromette la sicurezza alla guida o il funzionamento del veicolo, è sempre possibile fare riferimento alla garanzia.

La garanzia offerta all'acquisto dell'auto è, di solito, di due anni per le auto nuove e di uno per quelle usate che decorrono a partire dalla consegna.

Le garanzie, come noto, sono di due tipi, una legale e una convenzionale.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vademecum per il consumatore che ha acquistato un'autovettura con difetti di fabbricazione. Clicca qui.

Stai leggendo Vademecum per il consumatore che ha acquistato un'autovettura con difetti di fabbricazione Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 27 novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - contenzioso con professionisti sovraindebitamento e piano del consumatore Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca