Autovelox » Il decalogo sugli obblighi di segnalazione

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Vi forniamo un utile decalogo contenente tutte le norme vigenti in tema di segnalazione dispositivi autovelox

1. Segnalazione preventiva dell’autovelox

Gli apparecchi autovelox devono essere sempre segnalati preventivamente.

L’assioma è valido per dispositivi fissi e automatici, sia che invece la postazione sia mobile ed utilizzata, all’occorrenza, da agenti della polizia.

Per la legittimità della sanzione il verbale con la multa deve dare atto della presenza dei suddetti cartelli di avviso.

2. Avviso della particolarità del dispositivo

La segnalazione che anticipa la presenza di dispositivi autovelox deve specificare se si tratta di apparecchi fissi o mobili.

3. Segnaletica

La segnaletica può essere realizzata sia con cartelli stradali fissi e permanenti che con cartelli temporanei, sia con segnali luminosi a messaggio variabile, sia con dispositivi di segnalazione luminosa installati su veicoli in dotazione delle forze dell’ordine.

4. Postazioni mobili

Le postazioni mobili possono essere segnalate con cartelli permanenti.

L’unica condizione è che si tratti di appostamenti pianificati e non occasionali, effettuati con una certa sistematicità.

5. Visibilità dell’autovelox

Non è sufficiente che l’autovelox sia segnalato, ma deve anche essere ben visibile.

Da ciò si evince che è illegale installare apparecchi elettronici su auto civette nascoste tra i cespugli, dietro le curve o su auto non di proprietà delle forze dell’ordine.

Anche qualora l’autovelox sia collocato all’interno di un’autovettura in forza alla polizia stradale, se il rilevamento avviene di notte, quest’ultima non può avere le luci lampeggianti spente, ciò che la renderebbe, appunto, poco visibile.

6. Dicitura

La dicitura della segnaletica non deve essere equivoca.

Spieghiamoci meglio: nel caso di autovelox, la cartellonistica deve indicare la dicitura Controllo elettronico della velocità, mentre, nel caso di tutor, il messaggio agli automobilisti deve specificare che il rilevamento viene effettuato attraverso un diverso tipo di strumento che consente il rilevamento della velocità attraverso due telecamere: una posta all’inizio e l’altra alla fine di un tracciato prestabilito.

7. Distanza

La segnaletica che avvisa della presenza dell’autovelox deve essere collocata con adeguato anticipo rispetto alla postazione, ossia a distanza tale da garantire il tempestivo avvistamento della postazione anche tenendo conto della velocità locale predominante.

Questo richiede anche che la collocazione del segnale sia effettuata tenendo conto della necessità dell’automobilista di poter rallentare senza costituire pericolo per il traffico.

8. Distanza a seconda del tipo di carreggiata

Gli obblighi sulla distanza espressi nel precedente paragrafo vanno parametrati anche a seconda del tipo di carreggiata.

Ad esempio, su un’autostrada la distanza può essere più lunga che su una strada statale o urbana: comunque, la legge fissa in 4 Km la distanza massima che deve esservi tra la segnaletica e l’autovelox.

Per quanto riguarda le distanze minime, invece,si fa riferimento a quelle valide per i segnali di prescrizione fissate dal regolamento di attuazione del codice della strada. Parliamo di 250 metri sulle autostrade e strade extraurbane principali, 150 metri sulle strade extraurbane secondarie e urbane di scorrimento, con velocità superiore a 50 km/h, e 80 metri sulle altre strade.

In ambito di telelaser, la distanza minima è quella intercorrente tra il cartello stradale ed il punto in cui viene effettuato il rilevamento, a prescindere da dove è collocata la strumentazione.

9. Intersezione stradale

Nel caso si presenti un’intersezione stradale tra la segnalazione e la postazione della polizia stradale, la segnaletica che avvisa della presenza dell’autovelox deve essere ripetuta.

10. Postazioni fisse automatiche

Concludendo, nel caso di postazioni fisse automatiche installate fuori dai centri abitati, la distanza minima tra l’autovelox e il cartello che impone il limite di velocità è di almeno 1 km.

28 Marzo 2014 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Autovelox - Nessuna distanza minima dal dispositivo per i segnali stradali di preavviso
In materia di accertamento di violazioni delle norme sui limiti di velocità, compiuta a mezzo di apparecchiatura di controllo, comunemente denominata autovelox, la normativa vigente, secondo la quale dell'installazione dei dispositivi o mezzi tecnici di controllo deve essere data preventiva informazione agli automobilisti, non stabilisce una distanza minima per la collocazione dei segnali stradali o dei dispositivi di segnalazione luminosi, ma solo l'obbligo della loro istallazione con adeguato anticipo rispetto al luogo del rilevamento della velocità, in modo da garantirne il tempestivo avvistamento. Ne consegue che la distanza tra segnali stradali o dispositivi luminosi e la postazione di rilevamento deve ...

Taratura e preventiva segnalazione degli Autovelox - Tips and Tricks
In caso di contestazione circa l'affidabilità delle apparecchiature per il controllo elettronico della velocità (autovelox, tutor ecc.) il giudice è tenuto ad accertare se il dispositivo è stato sottoposto alle verifiche di funzionalità e taratura. Non spetta a chi impugna il verbale di accertamento fornire la prova del cattivo funzionamento dell'apparecchiatura elettronica. Inoltre, la Pubblica Amministrazione proprietaria della strada è tenuta a dare idonea informazione dell'installazione e della conseguente utilizzazione dei dispositivi di rilevamento elettronico della velocità, configurandosi, in difetto, l'illegittimità del relativo verbale di contestazione. Tale disposizione normativa non può essere considerata una norma la cui riscontrata inosservanza non ...

Manca il cartello indicatore che deve sempre accompagnare la presenza di un autovelox? - Il verbale di accertamento della contestazione è nullo e la sanzione inefficace
La giurisprudenza di legittimità ha da tempo evidenziato che la Pubblica Amministrazione proprietaria della strada è tenuta a dare idonea informazione, con l'apposizione in loco di cartelli indicanti la presenza di autovelox, dell'installazione e della conseguente utilizzazione dei dispositivi di rilevamento elettronico della velocità, configurandosi, in difetto, l'illegittimità del relativo verbale di contestazione. Infatti, il nuovo comma 6 bis nel testo dell'art. 142 del Codice della strada dispone che le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all'impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su autovelox » il decalogo sugli obblighi di segnalazione. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)