Nuove regole per autovelox tutor e speed check » Il punto

Come accennato in un precedente articolo, è in corso di approvazione da parte della Conferenza Stato-Città, il nuovo decreto interministeriale che sta portando grosse modifiche in tema di autovelox e speed check. Nel prosieguo dell'articolo, faremo il punto della situazione, andando ad analizzare tutte le singole misure che si apprestano ad essere varate.

Il punto principale del decreto riguarda la ripartizione dei proventi delle multe che, sebbene già prevista dalla riforma del codice della strada del 2010, è sempre rimasta in sospeso per assenza di un decreto attuativo.

Come chiarito nel testo, in via di approvazione, a partire dalle contravvenzioni accertate nel 2014, gli importi delle contravvenzioni saranno divisi a metà tra il proprietario della strada, di solito il Comune, e l'organo accertatore.

Ma ciò, ancora non si capisce la motivazione, riguarderà solo le polizie locali e non invece gli organi di polizia stradale dello Stato.

Inoltre, i Comuni avranno un obbligo di rendicontare l'utilizzo dei proventi delle multe che deve avvenire entro il 31 maggio dell'anno successivo a quello cui il rendiconto si riferisce.

La comunicazione dovrà avvenire per via telematica, attraverso un portale che ancora non è pronto.

Sarà determinato, poi, uno stop ai costi aggiuntivi. Al trasgressore, infatti, non potranno essere addebitati, con la multa, oneri ulteriori rispetto alla contravvenzione e alla sua notifica come, per esempio, le spese di assistenza legale e di recupero del credito. Fino ad ora, invece, non esistevano paletti per cui ogni amministrazione faceva un pò come voleva.

Comunque, proprio per evitare aggravi sulle multe non dovuti, i costi dovranno essere documentabili e analiticamente indicati e non potranno mai includere quelli che non concorrono direttamente all'individuazione del trasgressore o alla notifica.

Proseguendo, in materia di accertamento della velocità media attuata con strumenti come il tutor, verrà finalmente chiarito che il luogo della commessa violazione dovrà essere considerato quello dove è posizionato il secondo portale di controllo.

In più, gli strumenti di misurazione elettronica della velocità non potranno essere più utilizzati, né commercializzati, dopo 20 anni dalla loro approvazione.

Quanto, invece, alla manutenzione ordinaria degli strumenti essa sarà definita dai manuali d'uso, ma per gli apparecchi utilizzati in modalità automatica sarà sempre necessaria una verifica metrologica almeno annuale.

Ciò significa che l'automobilista, il quale abbia proposto ricorso davanti al giudice di pace contro la sanzione amministrativa, potrà sempre esigere l'esibizione dei certificati dell'apparecchiatura, in modo da verificare che le disposizioni siano state rispettate. Al contrario, si profilerebbero nuove ipotesi di nullità dei verbali.

Per ultimo, ma non per importanza, viene stabilito che gli speed check, ovvero i box dissuasori della velocità i quali, secondo un parere espresso dal Ministro qualche settimana fa, sarebbero stati pericolosi per il traffico, potranno essere collocati in modo permanente solo in caso di impiego sistematico programmato della postazione.

6 maggio 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Autovelox » Partono le nuove disposizioni
Dispositivi autovelox: multe più trasparenti con costi correlati alla procedura sanzionatoria. Segnaletica stradale permanente solo in caso di impiego sistematico delle postazioni e nessun divieto espresso per i finti misuratori sulle strade. Gli speed check non saranno aboliti. Sono queste le principali novità che emergono da una circolare emanata dal ...
Autovelox » La multa può essere annullata in via amministrativa dal Prefetto per omessa contestazione immediata
Multa da autovelox: annullato per via amministrativa dal Prefetto di Brindisi un verbale elevato senza la contestazione immediata dell'infrazione. In questo caso vittime delle apparecchiature autovelox, posizionate a poca distanza l'una dall'altra, dei comandi di PM di Torchiarolo e San Pietro Vernotico, soprattutto gli automobilisti leccesi che percorrono la superstrada ...
Il ricorso contro le multe da autovelox - da un e-book dell'avvocato Salvatore Iozzo
Dopo che hai letto il verbale di infrazione, ti accorgi che non è stato un agente di polizia ad accertare il superamento dei limiti di velocità consentiti per quel tratto di strada. L'infrazione è stata rilevata, al contrario, da un apparecchio automatico presente in loco che senza darti il diritto ...
Multa da Tutor » Ecco quando può essere annullata
Vi illustriamo quali sono, secondo i giudici onorari, i motivi per cui è possibile annullare una multa per eccesso di velocità , originata da una rilevazione del Tutor autostradale. Qualora l'apparecchio per la rivelazione della velocità tutor sia sprovvisto di una prova di taratura ed i un aggiornamento del sistema di ...
Autovelox fisso o mobile? » Se il verbale non lo indica la multa è nulla
In caso di eccesso di velocità rilevato con dispositivi elettronici autovelox, l'agente accertatore deve attestare sul verbale di contestazione se la postazione di controllo è temporanea o permanente. In caso contrario, la multa è nulla. La pubblica amministrazione proprietaria della strada, infatti, è tenuta a dare idonea informazione, con l'apposizione ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nuove regole per autovelox tutor e speed check » il punto. Clicca qui.

Stai leggendo Nuove regole per autovelox tutor e speed check » Il punto Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 6 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 13 luglio 2017 Classificato nella categoria multe da autovelox t-red tutor photored telelaser scout speed Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca