Obbligo di taratura degli autovelox

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Non esiste alcuna norma che preveda l'obbligo assoluto di taratura periodica degli autovelox.

La Corte di Cassazione si è pronunciata sulla questione riguardante la funzionalità delle apparecchiature in dotazione alle forze di polizia per rilevare automaticamente le violazioni dei limiti di velocità.

Secondo il parere degli Ermellini l'Amministrazione non è tenuta a dimostrare la perdurante funzionalità delle suddette apparecchiature poiché non vi è alcuna disposizione specifica riguardo la decadenza delle omologazioni rilasciate sulle stesse e, pertanto, nell'eventuale giudizio di opposizione alla sanzione, l'Amministrazione non è gravata di fornire ulteriori prove a riguardo.

Nella sentenza 8485/2012 si legge infatti che le apparecchiature elettroniche regolarmente omologate utilizzate per rilevare le violazioni dei limiti di velocità non devono essere sottoposte ai controlli previsti dalla legge numero 273 del 1991, istitutiva del sistema nazionale di taratura

Tuttavia, quando questa sia espressamente prevista dal decreto di omologa dell'apparecchio (in genere per gli autovelox che controllano la velocità da remoto) o dal manuale di utilizzo, essa diventa obbligatoria.

In tutti gli altri casi, gli apparecchi devono essere omologati dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, ma non tarati.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca